TUTTOLANDIA

"…il posto che mi piace si chiama mondo…"

San Martino

su ottobre 16, 2012

La nebbia a gl’irti colli
piovigginando sale,
e sotto il maestrale
urla e biancheggia il mar;

ma per le vie del borgo
dal ribollir de’ tini
va l’aspro odor dei vini
l’anime a rallegrar.

Gira su’ ceppi accesi
lo spiedo scoppiettando:
sta il cacciator fischiando
su l’uscio a rimirar

tra le rossastre nubi
stormi d’uccelli neri,
com’esuli pensieri,
nel vespero migrar.

Giosuè Carducci


4 responses to “San Martino

  1. Horsefly ha detto:

    Mitica!! Io l’ho imparata a memoria 🙂
    Io abito davanti ad una piccola collinetta, e quando arriva novembre vedo la nebbia salire lievemente dalla valle alla cime e mi viene in mente sempre questa poesia 🙂
    Ciao 🙂

    • fulvialuna1 ha detto:

      Una volta era quasi d’obbligo impararla. A me piace.
      L’ho postata perchè dove vivo io, a ridosso delle colline, spesso di questi tempi c’è nebbia; la brina della notte e il sole caldo del mattino la provocano ormai da una settimana. Per un’ora circa ingrigisce il cielo ma è anche magica. Ciao.

  2. ombreflessuose ha detto:

    Buon mattino, sono versi che hanno fatto “sognare” tanti scolari di ogni età
    Poi, visto che si nomina anche il mio vento, il Maestrale, ne sono ancor più affascinata
    Bacioni
    Mistral

    Ps Fiorello tempo addietro si cimentò a cantarla

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: