TUTTOLANDIA

"…il posto che mi piace si chiama mondo…"

L’ultimo dono – Sándor Márai

su marzo 24, 2014

dono

-Morte, accoglimi come tuo figlio (Kosztolányi). Forse è meglio in quest’altro modo: Morte, ti accolgo come mio padre (Márai Sándor)

-La nascita non è un’esperienza, giacché è accidentale, – si verifica e basta, senza alcuna intenzione. La morte è un’esperienza, perché si verifica anche andando contro le nostre intenzioni. (Márai Sándor)

-Ho compreso di non averti mai amato, la sola che io abbia amato è la mia passione. (Márai Sándor)
Fra il 1986 e il 1987 Sándor Márai viene colpiti da diversi lutti: due fratelli, la sorella, il quarantaseienne figlio adottivo e la sua adorata moglie Lola, compagna per sessantadue anni.
Lo scrittore ha sempre sognato di poter morire insieme a lei, invece la vede andare via lentamente, l’unica cosa che può fare per lei è mantenere la promessa fattagli: disperdere le ceneri nell’Oceano.
La vita per lui non ha più senso, continua però a scrivere il suo diario dove annota riflessioni e pensieri sulla morte, dopo poco più di un anno dalla morte della moglie si ucciderà sparandosi alla tempia.

Un diario che mi ha commosso e addolorato allo stesso tempo mettendomi davanti ancora una volta come una malattia può devastare la vita. Un diario dove è bellissimo leggere l’amore con cui Márai vede ancora la bellezza dell’ormai ottanteseienne donna che lo ha affiancato tutta la vita. Un diario dove mi è dispiaciuto, io che amo la vita ad oltranza, non veder realizzato “l’ultimo dono“ che l’uomo chiedeva di veder realizzato. Un diario che mi ha fatto scoprire diversi letterati, poeti, romanzieri ungherese a me sconosciuti e dai quale sono affascinata.
Un libro bellissimo che va metabolizzato e assaporato anche se intriso di dolore.

 


11 responses to “L’ultimo dono – Sándor Márai

  1. gianpiccoli ha detto:

    Quello che colpisce è la serenità con la quale accoglie un lutto e la capacità di immagazzinare l’esperienza , anche del proprio ove fosse possibile.
    Gli scrittori a cavallo del secolo (800/900) avevano una naturale inclinazione per la ricerca interiore, oggi hanno più inclinazione per l’avventura…
    Comunque Ottimo Sandor Màrai.
    Un abbraccio
    Giancarlo
    Ps. Hai trovato il mio romanzo?

    • fulvialuna1 ha detto:

      La ricerca dell’introspezione è infatti ciò che mi affascina di questi scrittori.
      Per quanto riguarda il tuo libro: la libreria presso la quale l’ho ordinato è chiusa per restauro fino al 30 marzo, quando riapre andrò a vedere se lo hanno trovato, altrimenti, appena andrò a Roma, farò una capatina tra le altre che mi avevi menzionato.
      Ti abbraccio.

      • gianpiccoli ha detto:

        Mai prosa fu più maldistribuita.
        No protesterò con l’editore, perché in fondo non è colpa sua, si legge così poco che i libri ormai si confezionano su ordinazione.
        Un sorriso
        Giancarlo

      • fulvialuna1 ha detto:

        Vero, mi stanno facendo tirare il collo, purtroppo dove vivo la lettura è una sorta di opzional, lo dico con cognizione di causa.

  2. tachimio ha detto:

    Bel suggerimento. Isabella

  3. 65luna ha detto:

    Ciao, Ti Ho Nominata per gli “Award”:Passa da Me!!! 65Luna

  4. Amor et Omnia ha detto:

    ciao ti ho nominato per il Liebster Award… ..:-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: