TUTTOLANDIA

"…il posto che mi piace si chiama mondo…"

Una misteriosa tomba

su dicembre 11, 2014

C_4_articolo_2069049__ImageGallery__imageGalleryItem_0_image Anfipoli è un comune della Grecia, situato nella Macedonia Centrale, di 10mila abitanti; questa cittadina fu fondata da coloni ateniesi comandati da Agnone nel 437 a.C. dove precedentemente c’era una città trace. Grazie ai suoi commerci prosperò, nel corso dei primi tre secoli dell’impero romano, fino a diventare una ricca città.
Tra i resti archeologici di questo sito troviamo le Mura difensive (conservate per un’altezza di 7-8 m.), due, una più esterna di 7,5 km di perimetro, che circondava anche aree esterne alla città, una più interna di 2.200 m di lunghezza, che difendeva il centro urbano vero e proprio, le mura erano dotate di torri a pianta quadrangolare o circolare che avevano un sistema di smaltimento delle acque piovane; alcune infrastrutture lignee di un ponte, risalente all’epoca di fondazione, che attraversava il fiume Strimone; una tomba, ed è di questa che voglio parlare.
C_4_articolo_2069049__ImageGallery__imageGalleryItem_3_image La tomba è il pìù grande sepolcro monumentale mai trovato nella Grecia settentrionale, risale al periodo di Alessandro Magno (condottiero macedone che invase l’Asia e l’Egitto creando uno dei più grandi imperi del mondo antico) e fu scoperta negli anni ’60.
tomba Il primo ad avere ipotizzato la presenza di una grande tomba a tumulo, in corrispondenza della collina di Kasta (a pochi chilometri da Anfipoli), fu l’archeologo greco Dimitris Lazaridis deceduto nel 1985; i scavi, dopo l’iniziale avvio, sono stati ripresi nel 2011 facendo conoscere una meraviglia architettonica e artistica.
Gli archeologi hanno riportanto alla luce una tomba tanto maestosa da far ipotizzare che fosse la sepoltura di un re; la stampa italiana l’ha subito etichettata  come quella di Alessandro Magno, perchè? Forse perchè  Alessandro è transitato di li in quanto il sito si trova vicino all’antico porto di Anfipoli che fu usato come base per la flotta comandata da lui stesso nella grande spedizione in Asia? O perchè in alcune parti  la pavimentazione della tomba, così com’è lavorata, è un segno di ricchezza ed è simile a quella del palazzo di Pella (dove nacque Alessandro Magno)? O perchè quando Alessandro morì a Babilonia nel 323 a.C. (per un attacco di malaria o di febbre tifoide), il corpo, conservato nel miele e posto su un carro funebre, era destinato verso la Macedonia, sua terra natale? Ma si sa anche che  durante questo ultimo viaggio uno dei generali preferiti da Alessandro ne rapì il cadavere per seppellirlo da qualche parte in Egitto, quindi non può essere questa la tomba che lo ospita. 
Gli archeologi guidati da Katerina Peristeri, hanno scoperto:
una rampa di tredici scalini che conduce a un ampio percorso largo quattro metri e mezzo, i muri che lo fiancheggiano sono coperti di affreschi da ambo i lati, in fondo al percorso si trova un arco che incornicia due sfingi (creature mitologiche dal corpo di leone e testa umana) senza testa, che presidiano l’ingresso della tombaa2;
le-meraviglie-della-tomba-di-anfipoli-L-VeuCN9a4a3 una coppia di cariatidi, grandi statue-colonna che raffigurano donne con le braccia aperte, come a voler impedire l’ingresso agli intrusi, le due statue misurano 2,27 metri C_4_articolo_2069049__ImageGallery__imageGalleryItem_1_image;
nell’anticamera, un ricco pavimento in mosaico di marmo bianco e intarsi rossi a1, sulle pareti i resti di un affresco C_4_articolo_2069049__ImageGallery__imageGalleryItem_7_image;
Tomba di Anfipoli - PaN sulla sommità del tumulo è stato rinvenuto un leone monumentale alto cinque metri, simbolo di Alessandro Magno.
L’intero sito è circondato da un muro di marmo di 497 metri.                                                                                        Il mistero resta nel sapere chi è sepolto nella tomba, a quel che si sa è che ancora non è stato rotto il sigillo posto sopra l’ingresso della camera interna (che potrebbe rivelare la sepoltura), i lavori sono rallentati dal rischio di crollo. L’ ipotesi più accreditata è che, visto i simboli ritrovati, la tomba conservi i resti di un membro della famiglia del re: forse la madre Olimpia? La moglie Rossane? O il figlio, bambino che portava il nome del padre? Alla morte di Alessandro Magno i suoi generali si spartirono l’Impero, ma uno di loro, Cassandro, per assicurarsi il trono di Macedonia fece assassinare gli eredi diretti del re, compreso il figlio illegittimo Eracle ed è quindi possibile che i ricchi seguaci di Alessandro avessero fatto costruire il maestoso tumulo funerario per almeno uno di loro.

anfipoli_3_112

Annunci

8 responses to “Una misteriosa tomba

  1. Topper ha detto:

    Mi sono mancati questi tuoi post. Tra l’altro ho letto tanto su Alessandro Magno, figura che mi affascina da sempre. E non sono mai stato in Grecia…

    • fulvialuna1 ha detto:

      Credo che Alessandro Magno sia tra le figure storiche più affascinanti,
      Mi fa piacere che apprezzi questi miei post un pò…antichi. Sono innamorata della storia e dell’archeologia.

      • Topper ha detto:

        A me piacerebbe saperne di più. Non su tutto ma almeno sui fatti e i personaggi che da sempre mi affascinano, come appunto Alessandro o Leonardo da Vinci o gli antichi egizi, tanto per dire…

      • fulvialuna1 ha detto:

        Ad esempio mia figlia più della storia in se stessa ama le figure che l’hanno attraversata e costruita, vuole sempre sapere tutto su di loro…Anche questo è un modo per allargare gli orizzonti.
        Io ad esempio ho la fissa dei papi, sarà che sono romana e ho vissuto sotto il Cuppolone 🙂 ma le storie assurde e incredibili di questi mi attraggono….Bello e leggere e capire. Leggere è un mondo affascinante.

      • Topper ha detto:

        Condivido assolutamente. Sono la curiosità e la voglia di sapere il nostro motore e più si impara, più si diventa curiosi…

  2. Andrea Evangelisti ha detto:

    Avevo letto di questa storia in un libro, piuttosto interessante: “La Tomba di Alessandro” di Valerio Massimo Manfredi ( Mondadori ).
    Interessante l’articolo! Alla prossima!

    Ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: