TUTTOLANDIA

"…il posto che mi piace si chiama mondo…"

Una lettera da Jak

su novembre 19, 2015

Cassetta della posta…e poi la gioia.

“Amica mia bellissima….
Come ti ho già scritto in precedenza, sono ormai perfettamente integrato in questa nazione, in questa terra meravigliosa, ancora selvaggia. Una terra dove vivo la libertà assoluta, tu sai a cosa mi riferisco………..Vado spesso nella fattoria dei miei vicini e ho imparato, nota bene, “imparato”, alla mia età, a cavalcare. Ti ho lasciato stupita? Dai di la verità!
Con il figlio dei signori…vado spesso a fare giri esplorativi dai quali non tornerei mai.
…………………………………………………..
Tu sai quanto io sia stato sempre contrario a qualsiasi forma di movimento programmato, alla palestra, ma d’altra parte già cammino e mi arrampico per la mia professione, quindi! Ma quando ho visto questi bellissimi esemplari mi sono incantato, ho scattato loro più di cento foto (avrai il tuo bel da fare quando torno, perchè torno, tranquilla!); è una razza di cavalli bella, muscolosa, forte.
La cosa che mi ha convinto ad imparare a montarli è che è facile cavalcarli perchè sono docili, mi sorprendevo le prime volte vederli pascolare tranquilli accanto alle pecore; quello che spesso mi assegnano, Tanyf, è eccezionalmente dolce.
……………………………………………………
Ho nostalgia di te, di voi, della mia casa, ma come ti scrivo sempre ancora non è ora che io torni.
Scrivimi, non farmi mancare le tue parole, tue notizie……
A volte quando galoppo immagino che ti piacerebbe essere qui, assaporare questa libertà (lo so, lo so, niente cavalli).
……………………. “

islanda_cavalli

 

La libertà, in un momento come questo è un grande sogno, Libertà è Pace. E per questo mio amico, dolce e tormentato dalla vita non posso che essere felice, che, seppur lontano da qui, abbia trovato una dimensione serena, che mi auguro sia finalmente per sempre.

 

536552_358071900921618_278893018839507_75781273_487971619_n

Apro una parentesi che scinde dalla lettera che ho riporatato, ma è legata alla libertà. Ieri ho scritto di essere andata a prendere un caffè con delle amiche, la questione da discutere era che i ragazzi, che hanno aderito al progetto Contest, sarebbero andati a Roma per la premizione. Ora, stò benedetto allarme bombe ha messo tutti in agitazione, alcune mamme non volevano mandarli, giustificatissima paura. Al ritorno di Meli a casa mi guarda e mi dice:” S, S, A, non vengono a Roma, i genitori non hanno firmato l’autorizzazione, ma voi mi mandate? Vero?” Ci guardiamo e non ci sono volute parole da parte mia, Meli ha detto sorridendo.”Figlia mia, sono agitata, ovvio so tu madre, ma la libertà è più forte della paura, quindi vai. Mica ci vogliamo far schiacciare.” Ecco lei sa che più o meno questo avrei detto, questo avrebbe detto suo padre. Ma non è che siamo incoscienti (lo stomaco è ancora strizzato nel dolore, la paura, l’emotività, la rabbia), siamo “ben” coscienti che nessuno ci può sottomettere, nessuno. Neanche la paura. La libertà, la nostra libertà, la vogliamo dipingere ogni mattina e mi auguro che altri pittori la dipingano insieme a noi, sempre, e che queste pareti dipinte diventino il Mondo intero.

 

Meli oggi era a Roma, viaggio in treno e passeggiata, giornata serena con compagni e docenti. Ringrazia tutti coloro che hanno votato il loro video, sono arrivati terzi. Grazie a chi ha assecondato e spalleggiato questa mia figlia a cui forse un semino di coraggio sono riuscita a far germogliare.

Annunci

13 responses to “Una lettera da Jak

  1. enricogarrou ha detto:

    Grande Fulvialuna, donna eccezionale. Ti ammiro .

    • fulvialuna1 ha detto:

      Ma gazie!
      E’ la figlia che è ecceziopnale, mi ha studiato nei dettagli.
      Ho un’anima libera e pacifista (anche se a volte mi scappa la rabbia) Enrico, ecco perchè in questo momento sto soffrendo tanto.
      Ti abbraccio.

  2. kalosf ha detto:

    Bene!!! E tu sempre straordinaria!

  3. La paura non deve impedirci di vivere liberamente! Notte Fulvia, anche a tua figlia

  4. alessialia ha detto:

    che bella la lettera del tuo amico… avevamo parlato di lui sul tuo post tempo fa!
    e il loro scopo è diffondere la paure… grandi mamma e figlia!

    • fulvialuna1 ha detto:

      Per me è sempre una goia ricevere le sue lettere, am non vedo l’ora che torni. E credo ci vorrà un bel po.
      E hai ragione vogliono diffondere la paura, ma sono convinta che non ci riusciranno, non possimao permetterlo anche se non ti nego che come mamma il mio cuore trema.
      I ragazzi invece sanno sdrammatizzare, vogliono vivere la libertà che la loro giovane età richiede. Giustamente.

      • alessialia ha detto:

        ti credo che non vedi l’ora! beh intanto ti godi così i tuoi racconti!
        si terrore in nome di qualcosa come soldi e potere e non altro… che zozzeria guarda. ed è giusto che i ragazzi alla loro età non si facciano rinchiudere da ciò!

      • fulvialuna1 ha detto:

        Infatti sto viaggiando con lui…alla nostra età la lontananza si sente di più.
        Dici bene zozzeria….

  5. […] uno dei tuoi post  che mi era piaciuto tantissimo e che invito tutti i miei followers a leggere: Una lettera per Jack 2) Qual’è il genere di blog che […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: