TUTTOLANDIA

"…il posto che mi piace si chiama mondo…"

Condividere

su novembre 30, 2015

Da quando è nata con mia figlia ho condiviso molto.
I suoi giochi, le capriole sull’erba, il suo amore per gli animali, il suo amore per il mare, i suoi successi a scuola, i suoi insuccessi a scuola.
Con lei faccio torte, gnocchi, polenta, fettuccine. Con lei condivido i suoi libri, i suoi pensieri sui quaderni.
Con lei mi immergo nei suoi quadri e disegni. Lei sempre mi rendeva e mi rende partecipe della sua vita.
Ora c’è una barriera che non posso superare, capisco che è il momento di ritirarmi e aspettare: la delusione di un innamoramento, la scoperta che il suo migliore amico si è dichiarato perchè innamoratissimo di lei e lei l’ha presa malissimo, un amica che non discuto ma non mi convince.
Ora devo aspettare che sia lei a dire…devo rispettare il suo “privato”.
Ci soffro, inutile negare, ora che vorrei aiutarla più che mai non posso, piccole battaglie che in questa età sembrano grandi, battaglie che deve affrontare con tutta se stessa; l’importante è che sa che comunque sono qui, sempre, quando vuole. E Meli lo sa.
IMG-20151126-WA0000 Ora devo stare qui, a creare trecce nei suoi capelli, trecce che lego con il mio amore.
Ora devo stare qui ad aspettare che mi mostri le foto che scatta. Foto dove vedo magnifici cieli e nebbie spettacolari.IMG-20151128-WA0000

IMG-20151125-WA0000 IMG-20151125-WA0001 IMG-20151111-WA0001
Scatti dove vedo la sua anima bellissima.

Annunci

30 responses to “Condividere

  1. ehipenny ha detto:

    Che belli questi scatti, davvero tanto! E anche ciò che hai scritto 😉

  2. Fania ha detto:

    Le foto sono semplicemente bellissime.
    E come genitore waao c’è ne sono pochi come te. Un giorno capirà che le sei vicino, e si confidera ancora con te. Un consiglio io sono una figlia che ha dato tanti problemi ai suoi genitori, ma posso dirti che avvolte tra le tante delusioni della vita si cerca sempre la mamma, un suo abbraccio in un momento di tristezza può significare molto. (Io non l’ho mai avuto ma lo desideravo tanto)

  3. dimmibarbie ha detto:

    e lei verrà da te,
    solo il tempo di un respiro,
    e lei verrà…

    perché tu sai…tu sei…

    Un bacio ,
    Barbara

  4. kalosf ha detto:

    Scatti dove “vediamo” la sua anima bellissima….

  5. ergatto ha detto:

    anch’io con mia figlia ho fatto cosi’…. ed ora è lei che si apre senza problemi ..quando si sente e vuole. 🙂

  6. piperimenta ha detto:

    la mia piú grande ha quasi 9 anni…la vedo giá cosi grande,nonostante ricerchi ancora l’affetto di un abbraccio,le canzoncine e le storie serali prima di addormentarsi. riti che alimentano questa nostra crescita,da parte mia come mamma e da parte sua come figlia. conflitti e riappacificazioni, un bel groviglio di emozioni. I primi scontri con la realtá,il rispettare gli impegni (sport e altro) delle sue amiche,il rispettarle come persone diverse da lei. E’bellissimo crescere insieme come persone,rispettando i silenzi e facendo tesoro delle parole condivise. Un esserci sempre,parte di noi stesse in sviluppo

    • fulvialuna1 ha detto:

      Assolutamente vero, condivido, l’esserci sempre anche nei silenzi è sviluppo. Grazie.

      • piperimenta ha detto:

        grazie a te. spesso mi chiedo quale sia il mio ruolo,definirlo e limitarlo é assurdo siamo imperfettamente presenti ma spesso cado nella perdita della pazienza. Mi ritrovo a urlare,a cercare di calmare i bollenti spiritelli delle mie creaturine in crescita. cogli certe sfumature che hanno caratterizzato la tua infanzia,la tua adolescenza e cerchi di non ricadere in certi preconcetti che l’hanno caratterizzata,negli errori fatti dai miei genitori. ma come ben sai il ruolo di mamme e di genitori é davvero complicato,specialmente al giorno d’oggi dove devi insegnare a rispettare il prossimo ma anche a tenerlo come dire….d’occhio (dato il marciume che inonda ovunque)
        buona serata

      • fulvialuna1 ha detto:

        Infatti non è facile davvero fare il genitori e oggi ancor di più.
        Un ruolo di altissima responsabilita.
        Cerchiamo di guardare in noi con serenità, altrimenti si complica anvcora di più. E non è facile.

  7. Cix79 ha detto:

    brava, lasciala fare ed agire, certe emozioni fortificano ed è giusto che lei le viva in pieno senza campane di vetro a proteggerla!

    Belle le fotoun brava alla fotografa 🙂

  8. Giuliana ha detto:

    siamo mamme prima di essere amiche, non dobbiamo dimenticarlo mai. ❤Un abbraccio

  9. fulvialuna1 ha detto:

    Infatti.
    Quando ancora era alle elementari un giorno mi ha detto:”Mamma che bello, sei la mia amica del cuore.” Gli ho detto che ero felicissima di questa cosa ma gli ho anche detto “…ti sono amica, ma ricordati che prima sono tua mamma.” 😉

  10. Le foto sono molto belle complimenti, per il resto aspettare è l’unica cosa che puoi fare.
    Mia madre, quando ero adolescente, spesso mi procurava grossi sensi di colpa perchè mi accusava di preferire le amiche a lei.

  11. arthur ha detto:

    Ma lei sa che tu ci sei, quindi non sarà vana la tua attesa. 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: