TUTTOLANDIA

"…il posto che mi piace si chiama mondo…"

Gli anni al contrario – Nadia Terranova

su gennaio 16, 2016

anni  Aurora Silini ha un padre fascista.
Giovanni Santatorre ha un padre comunista.
Lei è studiosa, vuole uscire dalla sua famiglia perchè si sente soffocare.
Lui è irrequieto, bello, vuole fare il rivoluzionario.
1977, università di Messina, Aurora e Giovanni si incontrano e si innamorano.
Dopo pochi mesi, complice anche la gravidanza di Aurora, i due vanno a vivere insieme ma niente sarà come avevano creduto: famiglia, politica, ideali, diffidenze, solitudine…tutto sembra dividerli.
E tra loro Mara che aspetterà un padre che accarezza il terrorismo e vivrà con una madre che sente su di se tutta la responsabilità di crescerla.

 
Un libro che consiglio di leggere, un libro dove ti infili nelle parole e il racconto diventa tuo. Un bel libro.
Si legge bene e la trama ti avvince.
E’ il passaggio che ha vissuto la mia generazione, che io ho vissuto. Una generazione diventata adulta tra scontri forti, politici e fisici, diventata adulta tra droghe e slogan, una generazione dove ti dovevi “schierare” per non essere ai margini. Ho ritrovato il dolore, la ribellione e la commozione di quegli anni duri, dove la lotta armata ha entusiasmato ma ha anche distrutto tanti sogni, alcuni dei miei. Ho provato malinconia nel pensare a quanto ci sentivamo coraggiosi ma poi sconfitti e illusi.
Chi ha vissuto quegli anni troverà tanto di quella generazione e uno spccato di storia che conosce, i giovanissimi troveranno una realtà che sembra lontana ma di fatto non lo è, e non dico solo temporalmente, molto di quel periodo ha gettato radici che ancora non muoiono.
E’ un libro dove l’amore è in primo piano anche se sembra che una parte di storia della nostra nazione sia invece la protagonista. E’ l’amore con tutte le controverse emozioni dei protagonisti, emozioni forti ma veloci,  all’epoca era così; amori forti che si sono sgretolati facilmente, famiglie che si sono sciolte prima di nascere…tanti miei amici li rivedo in questa coppia.

Annunci

8 responses to “Gli anni al contrario – Nadia Terranova

  1. Viaggiando con Bea ha detto:

    Che bella recensione!! Tutte le recensioni che incontro nel mio girovagare tra i vari post mi stanno facendo venir voglia di abbandonare per un po’ il mondo dei thriller e provare qualche altra lettura. Questo libro deve essere proprio bello. Baciooo Bea

    • fulvialuna1 ha detto:

      E’ un libro “immediato” entri subito nella storia e ti anche emozioni.
      A volte è bello cambiare genere, io lo faccio, per non perdere i vari aspetti del mondo. Sui libri c’è tanto da imparare, discutere, arrabiarsi, gioire….Sono un bellissimo mondo.

  2. RomanoDuePuntoZero ha detto:

    Recensione eccellente! Di questo passo leggerò tutte le pubblicazioni che recensisci… 😉

  3. babajaga ha detto:

    il fatto di ritrovare nel libro parallelismi importanti con una realtà vissuta e vederli riaffiorare prepotentemente come hai recensito tu è stimolo per chi come te ha vissuto quegli anni o pienamente o di striscio,perciò credo che in seguito al tuo post molti abbiano per lo meno la curiosità di leggerlo per trovare un pezzetto di sè trascritto.Un grazie con sorriso.
    Daniela

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: