TUTTOLANDIA

"…il posto che mi piace si chiama mondo…"

Sfida all’Ok Dakar – Otello Marcacci

su aprile 18, 2016

sfida-allok-dakar Eugenio Bollini deve districarsi tra la crisi coniugale che sta attraversando, l’amore per la figlia Viola, il difficile rapporto con il figlio Lapo, il gruppo di psicoanalisi che frequenta, lo stallo economico, ambigui personaggi e la sua poca autostima. E la possibilità di gareggiare nella Parigi-Dakar, e non con i mezzi con cui di solito si corre, ma in bicicletta!

Ritrovo con immenso piacere Eugenio Bollini, dico ritrovo perchè lo avevo incontrato mentre pedalava da “gregario” tra le pagine di Gobbi come i Pirenei (https://tuttolandia1.wordpress.com/2013/07/17/cosa-ho-letto-in-vacanza/).
E ritrovo la scrittura asciutta, fluida, godibile di Otello Marcacci (di cui ho letto anche Il ritmo del silenzio, da leggere assolutamente).
Sfida all’Ok Dakar è un romanzo da leggere tutto di un fiato. Ti coinvolge per l’originale trama che si intreccia alla figura predominante di Bollini (che continuo ad amare malgrdo non è proprio il tipo d’uomo che mi piace) e a paradossali coincidenze (che tanto paradossali poi non sono, la cronaca ce lo racconta tutti i giorni); troviamo attualità in queste pagine: salme scomparse, dopping, sentimenti, contrasti coniugali, figli, mogli, ex-mogli…e poi volete mettere correre la Parigi-Dakar in bicicletta? Ma in questo libro c’è sopratutto la sfida con se stessi, la voglia di riscattare il gregario che c’è in noi, c’è quella scintilla d’orgoglio e autostima (che poi come arriva non è importante) che davvero ti fa scavalcare le montagne e attraversare i deserti (metafore della vita).
Questo autore sa ironicamente giocare bene anche sui personaggi, che descrive con poche parole ma incisive e tu capisci subito con chi hai a che fare, qui ti trovi davanti l’ispettore Colombo, Rommel, Cavallina Azzoppata, Zanzara Assetata; e poi quei “nomi”: Aquafresch, Riccio in Letargo, Spider Pork…tutto venato da una sottile linea che sembra leggerezza, ma che invece è verità e nel romanzo ce n’è tanta di verità.
Un libro di cui ne consiglio la lettura, si sorride, si ride, ma si pensa anche, io mi sono commossa nel finale, che non svelo; da leggere perchè questo libro è ironia ma anche sentimento, è toccare temi quotidiani senza pescare nell’impossibile, è parlare di gente comune che ha sogni e speranze nel cuore e delusioni; da leggere perchè non ci deve dimenticare che la vita non è eternità. La vita va vissuta sempre, in prima persona.

 

 

 

Annunci

10 responses to “Sfida all’Ok Dakar – Otello Marcacci

  1. lamelasbacata ha detto:

    Molto interessante! Grazie, me lo segno 🙂

  2. kalosf ha detto:

    Non lo conosco…

  3. mfantuz ha detto:

    Jim Croce, una voce e una poesia indimenticabili. Grazie!

  4. […] nel blog di Fulvialuna è apparsa una recensione così sentita del suo ultimo lavoro, che mi sono decisa a leggere i suoi libri e ho fatto molto […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: