TUTTOLANDIA

"…il posto che mi piace si chiama mondo…"

Il coraggio di gareggiare. Nella vita.

su agosto 17, 2016

La Bruni vince la medaglia d’argento nei 10 chilometri nel nuoto di fondo in queste Olimpiadi 2016, medaglia che dedica alla compagna Diletta. Bella la libertà che abbiamo oggi vero? E allora conosciamo un’altra realtà, che fortunatamente è sempre più lontana.
1937 Parliamo di Gottfried von Cramm.
Nasce a Nettlingen (Germania) nel 1909, aristocratico (barone), figlio dell’antica nobiltà tedesca, educato, raffinato; alto, biondo, occhi azzurri, un vero “ariano”. Ma von Cramm non incarnava quella che era l’ideologia ariana dell’epoca. Non sostenne il partito nazista nell’ascesa, anzi, si schierò apertamente contro il regime, sfidando verbalmente i gerarchi.
life-death-tennis-and-the-nazis-gottfried-von-cramm-the-man-whom-wimbledon-forgot-1467297724 Già da bambino si appassiona al tennis. Nel 1932, a ventitré anni, entra a far parte della squadra di Coppa Davis; l’anno dopo, in coppia con Hilde Krahwinkel Sperling si impone nella specialità di doppio misto a Wimbledon; durante un doppio decisivo di Coppa Davis, contro gli statunitensi Wilmer Allison e John van Ryn, Gottfried si distingue per un gesto di signorilità che lascia tutti esterrefatti: von Cramm a cinque match point è ad un passo dalla sesta occasione, interrompe il gioco per mettere l’arbitro al corrente del fatto che la palla di Allison, prima di uscire oltre la linea di fondo, lo aveva sfiorato; la Germania perde il match e lui si becca il rimprovero da un dirigente della Federazione che lo accusa di aver umiliato la Germania, lui risponde: “Il tennis è uno sport per gentiluomini e io gioco così dalla prima volta in cui ho preso una racchetta in mano. Lei crede che stanotte riuscirei a dormire sapendo di aver toccato la palla senza dire niente? Mai, perché avrei violato i princìpi su cui si basa questo gioco. Non penso di deludere il popolo tedesco. Al contrario, penso di fargli onore”.

a-rebel-from-the-wrong-side-of-the-tennis-tramlines-the-legacy-of-fred-perry-1467900012
Questa fu la prima crepa tra l’aristocratico e la sua nazione. Vince intanto la finale del Roland Garros del 1936, gli Open di Francia nel 1937, ma consuma anche diverse sconfitte.
Donald-Budge-Von-Cramm-300x235 Nel 1937 All England Tennis and Croquet Club si disputa la semifinale di Coppa Davis tra Germania e Stati Uniti, Donald Budge (22 anni) e Gottfried von Cramm si sfidano nel duello decisivo, poco prima di entrare in campo Gottfried riceve la telefonata di Adolf Hitler che lo esorta a vincere, se avesse battuto Budge nessuno avrebbe più osato nuocergli come era già accaduto in precedenza. La sfida fu epica, von Cramm è in vantaggio di due set, ma Budge finisce con l’imporsi per 8-6 al quinto; Vonn Cramm definì questa partita la più importante della sua vita e di essere felice di averla persa con un uomo che stimava. Ma perchè nuocergli? Presto detto.
Il partito nazista è deluso e attende nel 1938 che il barone ritorni dall’Australia (dove perde nella semifinale) per accusarlo di omosessualità, prove alla mano; la Gestapo lo spiava da almeno un anno.

Gottfried-von-Cramm-Sdolf-Hitler
Tennis player Gottfried Freiherr von Cramm and his wife Elisabeth, 1930 Gottfried, anche se sposato con Lisa Doboneck (che chiederà e otterrà il divorzio), avrebbe avuto una relazione dal 1931 al 1934 con Manasse Herbst, un giovane attore ebreo agevolandone  la fuga in Palestina e inviandogli del denaro; viene processato e imprigionato; Don Budge la notizia arriva a Donal Budge mentre gareggia per il Grande Slam, il tennista si rifiuta di esibirsi in Germania ed invia una lettera di protesta sottoscritta da venticinque atleti americani di fama mondiale. Il barone viene liberato nel maggio del 1939, ma non viene ammesso alle gare di Wimbledon proprio per la sua omosessualità con la motivazione “Moralmente non adatto”. Con l’arrivo della guerra von Cramm viene mandato al fronte come membro della divisione Goering.
Sopravvissuto torna al tennis e nel 1949 vince gli Assoluti tedeschi e continua a difendere i colori del suo Paese fino al 1953; sposa nel 1955 l’ereditiera Barbara Hutton, l’unione dura quattro anni b
Si dedica alla gestione delle proprietà terriere ereditate dal padre nella Bassa Sassonia e diviene amministratore della Federazione tedesca tennis. Negli anni ’70 avvia un’impresa di importazione del cotone e durante un viaggio d’affari in Egitto, nel novembre del 1976, muore in un incidente stradale nei pressi del Cairo.
Fu inserito nell’International Tennis Hall of Fame di Newport (Rhode Island) nel 1977; gli è stata intitolata una strada, la Gottfried-von-Cramm-Weg a Berlino-Wilmersdorf, dove ha sede il Rot-Weiss tennis club.
Del barone si può dire che fu uomo sportivo, ottimo giocatore che dovette gareggiare in condizioni di grande stress, sotto la costante minaccia di essere arrestato dalla Gestapo che perseguitava e deportava gli omosessuali, ma fu soprattutto un uomo coraggioso, dotato di una straordinaria umanità e fu un uomo libero.
Non fu un grande vittorioso nello sport, ma nella vita sicuramente.

von-Cramm-470

 


8 responses to “Il coraggio di gareggiare. Nella vita.

  1. Un uomo di grande spessore sicuramente. Non conoscevo questo personaggio, grazie di averne parlato. Un esempio di forza e coraggio

  2. tachimio scrive:

    Peccato finire una vita combattuta , con un incidente ancora abbastanza giovane. A presto.Isabella

  3. pj scrive:

    Davvero interessante questo racconto. Una vita carica di significati e di principi. Una riprova chiara della teoria che sostieni e condivido: spesso allo spirito autentico della sportività si collegano altrettanto sani principi.

  4. massimolegnani scrive:

    il vero spirito olimpico vissuto come stile di vita e narrato da te in modo esemplare.
    ml

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: