TUTTOLANDIA

"…il posto che mi piace si chiama mondo…"

Alle 4.00

Ero seduta in giardino, avvolta nella coperta di pail con i pelosi addosso. Ieri ho assistito ad una scena di una violenza inaudita, scioccante…non sono riuscita a dormire e alle 3.30 mi sono fatta un caffè e ho deciso che dovevo fare pace con il mondo. Stivali, giubottone, cappello e coperta…in giardino, ad aspettare che albegiasse…che meraviglia quel rosa. Sono uscita da sola, senza neanche un cane con me, dovevo essere sola, come faccio sempre in certi casi. Mi sono addentrata nel bosco, non avevo paura, mi sentivo invisibile, come se volpi e cinghiali non mi potessero vedere, ho camminato fino al torrente, ho toccato l’acqua gelida, pulita. E ancora giù fino alla fine della valletta, da dove posso vedere le montagne, bianche innevate, pulite, maestose, e ho pianto, d’emozione, e perchè lassù non posso più andare; mi sono seduta su un ceppo e ho pensato a quanto è bello il mondo, a quanto è bello il cielo, a quanto sono belli gli alberi, le fogie gialle delle querce…ho sentito un fruscio, mi sono girata e ho visto un gatto passare inusualmente accanto al torrente…neanche mi ha guardato, ho pensato che davvero ero invisibile. Alle 7.00 sono risalita per la collina, sentivo gli uccelli mestamente richiamare, ho visto pettirossi saltellare e ho pensato che non mi interessa essere abbracciata dall’umanità, perchè tanta meraviglia non l’ha creata ma la sta distruggendo, come distrugge Amore, Bellezza, Pace. Ho chiuso tutto questo mondo nel mio cuore, questo cuore riparato, e mi piace pensare che lo sia stato perchè ha sempre dato e continua a farlo, e ho capito che questo cuore è una roccaforte, ma non devo alzare barriere perchè è inaccesibile, intoccabile, non serve difenderlo perchè in lui alberga l’essenza stessa di me stessa, che è incorruttibile, inattaccabile. Non abbracciarmi Uomo, perchè Dio mi sta abbracciando, è Lui che mi ha donato tutto questo e allora il mio essere invisibile diventa per me un valore immenso da custodire. Apro la porta di casa e mi trovo davanti mia filgia che mi dice “Ma dove sei stata, vabbè ho letto il biglietto, ma non farlo più, con questo freddo, volevo svegliare papà e poi ho visto i cani scodinzolare…” “Ma’ perchè piangi'” “Perchè ho visto la bellezza di Dio, la bellezza della Natura, ne ho sentito l’Amore…” Mi ha dato un bacio sulla fronte…”Ma’ mi rimeto sotto il piumone, tu non hai bisogno della poesia perchè la poesia ce l’hai nel cuore” e allora davvero Dio mi ha abbracciata.

 

Annunci
31 commenti »