TUTTOLANDIA

"…il posto che mi piace si chiama mondo…"

Birdman

di Alejandro G. Iñárritu

 

Birdman è un supereroe alato e mascherato a cui Riggan Thompson ha dato successo recitandone il ruolo. Birdman è l’allucinazione costante e presete nella vita di Riggan.
Riggan, la cui carriera è ormai in declino, vuole anche scrivere un adattamento del racconto di Raymond Carver, dirigerlo e interpretarlo sul palcoscenico di Broadway; lui, personaggio inquietante, disperato che vuole riconquistare la celebrità. Coinvolge nell’impresa la figlia, l’amante, amici, attrici.

Un film bellissimo (pluripremiato) con un grande Michael Keaton. Soddisfazioni e delusioni, confronti e sconfitte. C’è ironia, surrealismo, coinvolgimento, vita e teatro.
Gli attori (tutti bravissimi) appaiono sulla pellicola come se stessero perennemente recitando a teatro.
Fotografia perfetta, bella e martellante la colonna sonora.
Ma non lo rivedrei, c’è troppo di tutto.

Annunci
4 commenti »

Ogni tanto…

…mi tocca di essere in spam in molti blog che seguo. Ecco ora ci sono .-D

22 commenti »

Figli

I figli si partoriscono ogni giorno.

Alda Merini

4 commenti »

Quadri

“Cristo nutrito dagli Angeli nel deserto” – Ludovico Carracci – Berlino

Lascia un commento »

Proverbio giapponese

Chi vuole spostare una montagna, cominci sollevando un sassolino.

 

Dolce Far Niente – 1879 John William Waterhouse

9 commenti »

Ricordiamo…

…che nell’anno passato, tra  maggio e luglio, sono bruciati circa 75.000 ettari di bosco. Un vero scempio, una ferita profonda. Da non ripetere. Speriamo.

 

18 commenti »

Sette

427 volte è nella Bibbia
i giorni della Creazione formano la settimana
per i Pitagorici era formato dal 4, gli elemnti della natura (il femminile) e dal 3 dello spirito (il maschile)
così erano le meraviglie del mondo per i greci
le piramidi hanno 4 lati e tre facce
tanti sono i spiriti venerati dai cinesi
la vita per gli antichi romani si rinnovava alla scadenza di questo numero in anni
per i matematici è il più alto numero primo ad una cifra
tanti sono i colori dell’arcobaleno
indica quanti sono i colli romani
tante sono le virtù
e i peccati capitali
e i bracci del candelabro ebraico
il gatto ne ha di vite
la musica di note
addirittura si parla di culti lunari preistorici.

7 è un numero magico, sacro, nodale, legato a molte simbologie. In molte culture.

11 commenti »

Fernando Pessoa

“Che gli Dei cambino a loro piacimento i miei sogni, ma non il dono di sognare.”

6 commenti »

Omicidio Vannini

In-giustizia

VERGOGNA!

12 commenti »

Io non avevo l’avvocato – Mario Rossetti

   Quando Mario Rossetti, in pigiama, alle cinque del mattino, apre la porta ai finanzieri, viene arrestato, allontanato dalla moglie e dai figli.
L’uomo lavora in Fastweb e gli viene addebitata, insieme ad altri manager, una truffa per centinaia di milioni di euro.
Trascorrerà in carcere diverso tempo, poi gli arresti domiciliari, più di un centinaio di udienze, fino ad arrivare al momento in cui la giustizia si rende conto che l’accusa è infondata.
La famiglia trascorrerà periodi di fatica economica, l’opinione pubblica si farà la sua idea, ma Rossetti non si lascerà mai andare, resiste e conquisterà la sua dignità.
I compagni di cella saranno parte integrante della sua rivincita.

 

“…Una procedura del tutto irregolare, una delle tante che scoprirò e che subirò sulla mjia pelle…”

“La totale inutilità del Riesame è un altro colpo….”

Un libro/diario/denuncia sulle anomalie del nostro sistema giudiziario.
Un innocente incarcerato che vive un incubo, un inferno, che ci fa vivere realmente la situazione carceraria, che ci fa vivere l’assurdo della giustizia italiana. Una situazione che oltre la drammaticità del caso nello specifico contiene per il protagonista un grande dolore.
Un libro da leggere, linguaggio scorrevole realista, toccante. Un libro senza rabbia.

 

“Vabbè, a caval donato non si guarda in bocca. Non c’era logica nell’arrestarmi, non c’era nel tenermi dentro, non c’è logica nello scarcerarmi proprio adesso.Tutto quadra. Coerenza nell’assurdo.”

4 commenti »