TUTTOLANDIA

"…il posto che mi piace si chiama mondo…"

Maledizioni?

Evalyn Walsh McLean (1886 – 1947), ereditiera americana è statal’ultima proprietaria del diamante Hope.
Il diamante è sempre stato associato alla maledizione, nel caso di Evalyn Walsh McLean sarebbe l’artefice della morte del figlio, morto a 17 anni in un incidente d’auto, il marito muore in ospedae sempre a causa di un incidente automobilistico, la figlia per overdose, un nipote durante la guerra del Vietnam; lei non lo ha mai creduto. Nel 1908 sposa Edward Beale McLean , erede del Washington Post e The Cincinnati Enquirer, hanno quattro figli,. uno dei quali muore a 9 anni investito da un’automobile. La donna morì di polmonite.
Il diamante Hope, chiamato anche Blu di Francia per il suo insolito colore di un blu particolarmente scuro, pesa 5,52 carati (9,1 grammi) è attualmente custodito al Smithsonian Museum di Washington.
Quasi tutti i propriatari che lo hanno posseduto se non hanno avuto guai sono morti per omicidio, suicidio, malattia.
Il diamante era u ‘occhio della statua del dio indiano, Rama-Sitra, si dice che Jean-Baptiste Tavernier, mercante, lo avesse acquistato, ma sembrerebbe che fu proprio lui a toglierlo dalla statua provocando l’ira della divinità, che maledisse la pietra e tutti coloro che l’avessero posseduta.
Tavernier dopo poco fece bancarotta e morì durante il viaggio verso l’India .
Ne vennero in possesso il re di Francia Luigi XIV (che lo fece tagliare a forma di cuore) e poi Luigi XV, che morirono a causa di malattie molto dolorose: il primo per cancrena alla coscia, l’altro per vaiolo.
Fu donato a Maria Antonietta (che lo unì ad altre pietre per formare una collana) che, insieme al marito Luigi XVI, fu decapitata durante la Rivoluzione francese.
Passò ad un gioielliere che morì di infarto non appena la pietra gli fu rubata, forse dal figlio, che si suicidò; un suo amico, che aveva trovato il diamante, morì dopo pochissimo tempo.
A Londra, nel 1830, Lord Francis Hope, VIII duca di Newcastle, pagò una cifra esorbitante per acquistarla la gemma e battezzarla con il suo nome, ma dopo averla ricevuta si separò dalla moglie, Mary Yohé, un’attrice e cantante statunitense di musical, che cadde in miseria ; il duca vendette immediatament il diamante.
L’acquirente, Jacques Colot, impazzì e si suicidò dopo averlo venduto al principe Kanitowskij, che a sua volta morì linciato dai rivoluzionari russi.
Il principe aveva regalato il diamante ad una ballerina che fu uccisa dallo stesso in un raptus di gelosia.
Fu acquistato dal gioielliere greco, Simon Matharides, che si sfracellò in un burrone prima ancora di ricevere materialmente la pietra.
Il successivo proprietario fu il sultano turco Abdul Hamid II, che lo acquistò per 400.000 dollari, un anno dopo averlo acquistato fu deposto e impazzì.
Secondo una leggenda, la prima vittima fu un sacerdote indù che nel 1515 lo rubò dal suo tempio, finendo catturato e torturato, fino alla morte.

27 commenti »