TUTTOLANDIA

"…il posto che mi piace si chiama mondo…"

Aspettando te

“Quando s’abbraccia con un sguardo
le rive illuminate della Senna,
i giardini, i monumenti, la folla
immensa e sparsa che viene dal
ponte, dai boulevards, dai boschetti,
dai quais, dai teatri, e brulica
confusamente da tutti i lati della
piazza, in quella luce strana, fra
i zampilli e le cascate d’acqua
argentata, in mezzo alle statue,
ai candelabri giganteschi, alle colonne
rostrali, alla verzura, nell’aria
limpida e odorosa di una bella notte
d’estate; allora si sente tutta
la bellezza di quel luogo unico
al mondo, e non si può a meno
di gridare. “Ah Parigi! Maledetta
e cara Parigi! Sirena sfrontata!
E’ dunque proprio una veritàche
bisogna fuggirticome una furia
o adorarti come una dea?”

Edmondo De Amicis

Sei lì, bloccato, io qui ad aspettare la videochiamata…Mai avremmo potuto pensare quanto ci piace adesso questa tecnologia che abbiamo scansato da subito nelle nostre vite.
La tua “amante raffinata”, come la definisci, ti ha avvinghiato tanto da tenerti obbligatoriamente prigioniero.
La guardi dalla terrazza immensa, unico punto di libertà, o di notte, alle due, mi dici, quando solo e silenzioso attraversi la strada per guardare le acque buie, e poi torni a dormire, aspettando che una nuova giornata arrivi e passi di nuovo, aspettando che questo veleno che si è insinuato tra gli uomini evapori riportandoci a respirare liberamente.
E io aspetto e tu racconti…

4 commenti »