TUTTOLANDIA

"…il posto che mi piace si chiama mondo…"

Anna Maria Garthwaite

Nasce nel Leicestershire nell’anno 1688; è stata una delle migliori designer tessile inglese, nota per la creazione di vivaci disegni floreali su tessuti di seta   Tra il 1726 e il 1728 creò oltre 1000 disegni. Molti dei suoi disegni originali in acquerelli sono sopravvissuti e sono parte della collezione del Victoria and Albert Museum, molti di questi disegni sono datati e annotati con le istruzioni di tessitura e i nomi dei tessitori a cui sono stati venduti.

   

 
I suoi lavori sono legati al periodo rococò, rappresentò motivi floreali quasi tridimensionali grazie ad un’attenta ombreggiatura; progettò damaschi su larga scala, broccati floreali dove favoriva grappoli di piccoli fiori naturalistici dai colori vivaci sparsi su un colore pallido
Muore nel 1763.

12 commenti »

Jupiter-Il destino dell’universo

 

 

 

 

 

di Andy e Lana Wachowski

 

 

Jupiter Jones lavora come donna delle pulizie, ha alle spalle una serie di fallimenti sentimentali.
Caine è un licatante, metà uomo metà lupo, ex militare geneticamente potenziato, proviene da un altro mondo.
E’ arrivato per portare Jupiter con lui, perché lei è stata prescelta per modificare l’equilibrio del cosmo, scopre di essere geneticamente rinata come fosse la regina Seraphi.
Jupiter, mai abbandonata da Caine, scoprirà che l’uomo ha avuto origine sul pianeta Orous. Incontrerà visir/gufo, lucertolne, conoscerà elisir di lunga vita, insidie inaspettate…e i tre fratelli Abrasax, una delle più potenti dinastie dell’universo.

 

 

Oggi mi è toccato di fare la baby-sitter ai “ragazzi” (10 12 13 anni) dei miei vicini. Proposta: vediamo un film di fantascienza? Ok, decidono per questo.
Diciamo che non mi dispiacciono fil del genere, quindi mi appresto fiduciosa alla visione….
Delusione, abbastanza prevedibile come trama, argomenti sfruttati, caotico nelle immagini, anche se graficamente belle…niente che non sia già stato visto. Colonna sonora frastornante, attori sotto tono, malgrado i begli occhi della protagonista, Mila Kunis
Avventura tra i pianeti, minacce, azione amore…ma l’adrenalina dov’è?

4 commenti »

Io prima di te

di Thea Sharrock.

Will, ricco trentenne, è costretto sulla sedia a rotelle a causa di un incidente, vive cinicamente e dolorosamente rassegnato.
Lou, ventiseienne, ex cameriera, viene assunta per occuparsi di Will.
6 mesi di tempo, prima che Will, per sua volontà, andrà in Svizzera per affrontare il suicidio assistito.
Le loro vite cambieranno per sempre.

 

Tratto dall’omonimo libro. Film romantico, fa commuovere, ma non è patetico.
Mi ha fatto sorridere l’abbigliamento di Lou, una sensuale Emilia Clarke.
L’amore che porta all’accettazione dell’altro, quasi una missione, diventa il tema un po’ fiabesco, del film, mentre i temi più importanti sono trattati superficialmente. Mi aspettavo qualcosa di più. Non c’è novità,
Sceneggiatura scontata.
Ma poi penso che una fiaba ogni tanto fa bene, la speranza fa bene al cuore.

12 commenti »

A casa

Quando varco il cancello della mia casa capisco di essere davvero dove voglio essere.

15 commenti »

Sempre attuale il tema di questa canzone

7 commenti »

Io e te

di Bernardo Bertolucci

 

Roma, il quattordicenne Lorenzo racconta alla madre di una settimana bianca con la scuola, in realtà, il giorno della partenza, si nasconde in cantina, dove ha preparato scorte di cibo, videogiochi, libri e un piccolo formicaio. Lorenzo è un ragazzo solitario, senza amici, afflitto da un disturbo narcisistico della personalità.
Ma la sua quiete sarà breve, nella cantina irrompe la sorellastra, venticinquenne eroinomane, ribelle, con cui non è mai andato d’accordo.
Tra i due ci saranno scontri, incomprensioni, accuse….ma qualcosa cambierà quando Olivia avrà una crisi d’astinenza.

Film di qualche anno fa, tratto da un romanzo di Niccolò Ammaniti.
Film drammatico, claustrofobico, un viaggio nel disagio giovanile; giovani distaccati dalla realtà, dalla vita sociale, insoddisfatti, problematici, con rapporti genitoriali difficili.
Mi piace come Bertolucci ha trattato con delicatezza la fragilità di queste giovani anime sole. Mi commuove sempre la fragilità dei giovani e la loro solitudine.
Bellissima la fotografia, raffinata la regia, bravissimi gli attori: ottima l’interpretazione di Jacopo Olmo Antinori, brava Tea Falco in un ruolo difficile.
Stupenda la colonna sonora.
Un film da vedere.

8 commenti »

All’ombra di Alagna. L’arrivo del male – Cassandra Graziosi

Negli ultimi anni dell’800 nella città di Alagna accadono strani fatti.
Si aggirano presenze oscure…si intrecciano storie di streghe, licantropi, vampiri.
Cassandra, giovane strega, che ha già attraversato il tempo in altre epoche, innamorata di Tristan, il bel vampiro, cercherà di arginare il male che prepotentemente si sta impossessando degli abitanti della città.
La Chiesa non ne sarà esclusa.

 

Giovane scrittrice, al primo libro.
Un fantasy gotico che parte con una certa lentezza , quasi un quadro storico/geografico, ma man mano la storia si snoda avvincendo con la sua trama intrisa di magia, amore, odio, dolore e un mistero.
Un buon libro, che fa onore alla scrittrice, un libro di circa 400 pagine.
La storia coinvolge, ma necessita di una scrittura più matura che sono convinta arricchirebbe questo libro, già ben articolato.
Essendo parte di una trilogia cercherò nel mistero di questa storia la maturità che sicuramente la scrittrice raggiungerà.

 

Ringrazio Cassandra per essersi ispirata alla mia persona nel creare il personaggio di Esther.

 

7 commenti »

E io concordo…

“La bellezza non viene
da un voltoliscio e
senza rughe, ma da un volto intelligente.”

Virna Lisi

 

7 commenti »

Io e lei

di Maria Sole Tognazzi.

Cinque anni di vita insieme.
Marina, ex attrice, ora ristoratrice, non ha mai nascosto la sua omosessualità.
Federica, architetto, un matrimonio fallito, un figlio, tante incertezze.
Arriva la crisi, Federica ritrova un amico, sua vecchia fiamma e tradisce Federica.
Si potrà ricostruire il sentimento che le ha unite? La tenerezza che provavano una per l’altra? La forza di aver creato un rifugio sicuro?

 

Marina è interpretata da Sabrina Ferilli, Federica da Margherita Buy.
Devo dire che insieme non mi hanno convinto, se devo dire che il film mi sia piaciuto…sinceramente mi ha lasciato indifferente.
Una commedia, leggera, anche con punte di humour, ma non mi ha trasmesso niente.
La Ferilli sempre troppo romana, la Buy sempre uguale e terribilmente perbene, dinamica di coppia uguale a migliaia di coppie, una sceneggiatura povera, il sesso sembra bandito dallo schermo…devo ancora capire se sono una coppia o amiche che vivono insieme, devo capire se c’è passione o solo la ricerca di una vita felice ma monotona. Devo ancora capire qual’è il messaggio che la regista vuole dare. Non c’è innovazione, non c’è denuncia, non c’è originalità.
Di tutto il film salvo Fantastichini, un cammeo la sua apparizione.

2 commenti »

Dove…

“Dove vanno i baci sospesi,
quelli non dati,
dove va questo abbraccio,
che non riesci mai a dare?”

Victor Manuel

4 commenti »