TUTTOLANDIA

"…il posto che mi piace si chiama mondo…"

Breve vacanza

Sono un po assente dal blog, mille impegni mi assediano, ma parto per una breve vacanza…quattro giorni di relax nella natura.
Vi lascio in buona compagnia…

Mi chiamo Paola Bernardi, sono nata a Roma dove ho sempre vissuto e lavorato. Sin da giovanissima mi sono confrontata con la mia naturale inclinazione creativa che ho via via assecondato e coltivato attraverso l’avvicinamento alla pittura, che amo in tutte le sue forme. Negli ultimi anni mi sono avvicinata alla pittura digitale che alterno a quella tradizionale. La scoperta dell’ultima frontiera digitale ha infatti ulteriormente stimolato la mia curiosità: la ritengo una forma espressiva ancora poco nota fra i pittori, ma certamente destinata a ricoprire un ruolo sempre più di rilievo nel panorama coevo. Il pennello cede il posto alla pen tablet e i colori materici a una tavolozza di pixel, ma ciò che non cambia è la necessità di portare alla luce un’opera che trasmetta un messaggio, una sensazione, un sogno.

Le mie opere sono ispirate da un profumo, un sorriso, una parola pronunciata da un passante, un fotogramma che passa veloce sullo schermo della televisione o da un fiore secco lasciato in un vaso: insomma, da tutto ciò che colpisca la mia anima, anche piccoli ed effimeri gesti. Attingo dai piccoli ed effimeri gesti che costellano la quotidianità e li traduco in sogni ricchi di sfumature: particolari rapporti cromatici, atmosfere magiche, contrasti suggestivi dove la luce e l’ombra coesistono in forme fluide e suggestive.

Ho fin qui realizzato diverse mostre nazionali e internazionali dove sono stati valorizzati i miei lavori grazie a esposizioni monografiche o collettive, spesso ottenendo anche riconoscimenti e premi in vari concorsi artistici.

La voce che accompagna le mie opere nel video è di Romeo Ciaffone.

 

A presto miei blogger del ❤

30 commenti »

Notte…notte

Volevo fare un giro tra i blog…ma sto crollando, giornata intensa.
Quindi vi lascio, amici virtuali che mi fate un’immensa compagnia, ai voli tra le stelle, avvolti dalla luna, fantasticando su tutto ciò che vi rende sereni e vi fa sorridere il cuore.
Buonanotte

 

 

27 commenti »

50 primavere

 di Blandine Lenoir

 

Aurore ha due figlie, un ex marito, una amica del cuore e 50 anni.
Perde il lavoro, una figlia è incinta, l’altra ha problemi sentimentali, arriva la menopausa con tutto ciò che comporta.
Casualmente rincontra un amore di gioventù.
Può tornare ad amare? Può essere ancora desiderabile? O l’aspetta solitudine e vecchiaia?


Un film per le donne, non solo quelle che hanno superato i 50 anni. Una commedia leggera, tenera, piacevole, semplice, fin troppo, non c’è originalità nella sceneggiatura; il punto di forza è la bella interpretazione, nei panni della protagonista, di Agnès Jaoui.

9 commenti »

E oggi lei…

…mia figlia, per parcondicio, visto che ieri ho parlato del mio ragazzo.
Non ama andare troppo girando, non è una che fa una grande confusione quando è in casa, ma c’è.
E nei giorni in cui decide di andare dalla sua amica a Perugia, o va un paio di giorni dal suo “moroso”, la casa sembra vuota, un po triste, mi rendo conto che non è più la piccola che accompagnavo ovunque…ora fa da se. Quando siamo assenti si prepara da mangiare, riodina la stanza, la cucina, cura i cani…Si prende cura di se stessa.

Ma il mio cuore e la mia anima e la mia mente sono sempre con lei.
Il mondo è suo ormai, io lo vivo con la lentezza che mi compete in questa mia età, l’avventura ora è sua.

 

15 commenti »

Figli e coralli

Tra il 2016 e il 2017 la Grande barriera corallina australiana (a largo delle coste a nord/est) subì la distruzione di quasi la metà dei suoi coralli.
2.400 chilometri di un ecosistema tra i più ricchi del mondo, la più grande struttura vivente al mondo, patrimonio dell’Unesco.
E ci risiamo…ancora una volta subisce lo sbiancamento, una vera minaccia per la sopravvivenza dei coralli: l’aumento elevatissimo della temperatura dell’acqua del mare interrompe il legame simbiotico tra loro e le microscopiche piante chiamate zooxantelle, questo porta all’interruzione della crescita dei coralli che diventano bianchi e, solitamente, muoiono.
Se le temperature scendono ci sono buone probabilità che i coralli si riprendano.
E’ l’ecosistema che per primo potrebbe estinguersi.
Il mio figlio adottivo mi dice”Devi venire…devi venire…prima che scompaia…” Quest’anno non è stato possibile causa Covid, spero nel prossimo di andare…l’anno passato non siamo riusciti ad andare sulla costa…
Intanto guardo lui da lontano…in foto…e sogno. Il suo abbraccio e i coralli.

15 commenti »

La La Land

di Damien Chazelle.

 

Lei, barista, aspirante attrice sogna Hollywood.
Lui, jazzista, mira ad aprire un locale tutto suo.
Voglia di realizzare i propri sogni anche se con difficoltà.
Si inizia ballando tra le automobili ferme sull’autostrada per Los Angeles.

Sicuramente una bella favola musicale, con un montaggio moderno, ma con il solito rivisto finale: il sogno è l’amore e il successo.
Colori, volteggi, musica…una brava, anche se non meravigliosa, Emma Stone, sempre con la stesso sorriso; la faccia sempre uguale anche se non disdicevole di Ryan Gosling…ma che noia! Almeno per me!
Film pluripremiato, decantato come il film che doveva riportare in auge il genere del musical…
E lo so che mi attirerò le ire degli amanti di questo film…ma ripeto: che noia! Avrebbe dovuto omaggiare i vecchi film musicali, personalmente ho visto solo tanto caos nel primo balletto, una storia banale vista e rivista. Quando uscì sembrava che fosse il capolavoro del secolo…critiche meravigliose sui giornali, pubblicità a non finire….come sempre quando c’è troppo rumore mi eclisso, aspetto…dopo un po il silenzio…con un’amica decidiamo di vederlo…ma per carità! Tanto rumore per niente. Film musicali ce ne sono stati che possono dirsi davvero stupendi.
Qui la sceneggiatura a tratti si perde, coreografie spesso simili, tutto troppo colorato, troppa musica…non no…un film da dimenticare, un film che non è il capolavoro che sembrava dovesse essere.

6 commenti »

Proverbio

Il sole d’Agosto, prepara un buon mosto!

6 commenti »

“Orizzonti” dal Ponte Morandi al nuovo Ponte Genova San Giorgio.

fulvialuna1 in 1 agosto 2020 alle 17:43 ha detto:
Il tuo commento deve ancora venire moderato (il mio commento non è stato appprovato ancora ma non potrei commentare in ness’un altro modo un post tanto meraviglioso)

Quanto amore in queste parole, quanto amore i questi scatti.
Quanta poesia nel tuo cuore.
Le tue parole sono un rumore delicato e forte allo stesso tempo.
Si insinua delicato nell’anima e crea un rombo nelle coscienze.
Grazie.

Mutazioni del Silenzio

In questi giorni si vanno intensificando suoni e rumori: hanno accompagnato il Ponte Morandi da subito dopo il crollo sino alla costruzione del nuovo Ponte Genova San Giorgio passando per la demolizione di quello che del vecchio ponte era rimasto.

Questo video, nonostante la musica di sottofondo, essendo realizzato solo con foto, vuole essere uno spazio di ricordo e insieme di silenzio, perché le immagini degli scatti fotografici sono un silenzio che parla a ciascuno di noi, nella sua propria lingua: ogni sguardo ha una vita, dietro, ed ogni sguardo traduce simultaneamente nel linguaggio dell’anima quello che vede.

“Orizzonti” è semplicemente l’insieme di quello che i miei occhi hanno visto dal poggiolo di casa, dal 2010 sino ad oggi, luglio 2020. Sono 10 anni di orizzonti visti sempre dalla stessa prospettiva (al massimo variando la portata del mio zoom, che non supera i 300 mm).

In un mondo in cui…

View original post 210 altre parole

8 commenti »