TUTTOLANDIA

"…il posto che mi piace si chiama mondo…"

La La Land

di Damien Chazelle.

 

Lei, barista, aspirante attrice sogna Hollywood.
Lui, jazzista, mira ad aprire un locale tutto suo.
Voglia di realizzare i propri sogni anche se con difficoltà.
Si inizia ballando tra le automobili ferme sull’autostrada per Los Angeles.

Sicuramente una bella favola musicale, con un montaggio moderno, ma con il solito rivisto finale: il sogno è l’amore e il successo.
Colori, volteggi, musica…una brava, anche se non meravigliosa, Emma Stone, sempre con la stesso sorriso; la faccia sempre uguale anche se non disdicevole di Ryan Gosling…ma che noia! Almeno per me!
Film pluripremiato, decantato come il film che doveva riportare in auge il genere del musical…
E lo so che mi attirerò le ire degli amanti di questo film…ma ripeto: che noia! Avrebbe dovuto omaggiare i vecchi film musicali, personalmente ho visto solo tanto caos nel primo balletto, una storia banale vista e rivista. Quando uscì sembrava che fosse il capolavoro del secolo…critiche meravigliose sui giornali, pubblicità a non finire….come sempre quando c’è troppo rumore mi eclisso, aspetto…dopo un po il silenzio…con un’amica decidiamo di vederlo…ma per carità! Tanto rumore per niente. Film musicali ce ne sono stati che possono dirsi davvero stupendi.
Qui la sceneggiatura a tratti si perde, coreografie spesso simili, tutto troppo colorato, troppa musica…non no…un film da dimenticare, un film che non è il capolavoro che sembrava dovesse essere.

6 commenti »

Proverbio

Il sole d’Agosto, prepara un buon mosto!

6 commenti »