TUTTOLANDIA

"…il posto che mi piace si chiama mondo…"

Roma è anche questo….

su novembre 28, 2020

 

 

Lungo la Passeggiata del Gianicolo potete ammirare il monumento equestre di Anita Garibaldi*.
Fu realizzato nel 1932 dallo scultore Mario Rutelli. Alla base del monumento sono conservate le ceneri di Anita, traslate da Nizza.


La statua bronzea rappresenta Anita con la pistola in pugno che sorregge il figlio Menotti (neonato) mentre cerca di sottrarsi alla cattura nell’accampamento di São Luís, accerchiato dalle truppe imperiali durante la Guerra dei Farrapos.
Il piedistallo è ornato da pannelli bronzei che raffigurano episodi della vita di Anita.

Anita guida una formazione di soldati in marcia nelle Pampas.
 Anita alla ricerca del corpo di Garibaldi tra i caduti della battaglia di Curitibanos, dove ella credeva che l’Eroe dei due mondi fosse stato colpito.
 Anita sorretta da Garibaldi, durante la fuga nelle Valli di Comacchio.

 

 

 

*La vita di Anita fu brevissima, morì a soli 28 anni
Ana Maria De Jesus Riberio nasce in Brasile.
Riceve un’educazione elementare, sa cavalcare ed è anche una esperta nuotatrice.
Ancora giovanissima viene data in sposa a Giuseppe Duarte, del quale non si hanno notizie certe, ma sembrerebbe essere deceduto in un naufragio.
Garibaldi, fuggito dall’Italia perchè condannato a morte per avere partecipato ai moti carbonari e per essere iscritto alla Giovane Italia di Mazzini, si rifugia in America Latina, prendendo subito parte a insurrezioni locali. Durante un invito ricevuto conosce Anita e ne rimane colpito, quando riceve l’ordine di salpare, Anita vuole a tutti i costi imbarcarsi con lui.
Anita condivise veramente gli ideali politici del suo Josè, come lei lo chiama, e lo segue ovunque, nei pericoli e nelle battaglie. Si sposano quando venne accertata la morte del primo marito.
Nel 1840 le varie spinte secessioniste locali vengono definitivamente soppresse dal governo centrale e Garibaldi organizza la ritirata. Anita, che non è riuscita a scappare con lui, riesce a sfondare l’assedio ma il suo cavallo viene abbattuto, costretta ad arrendersi è convinta che Giuseppe sia morto, prega il nemico di poter cercarne il corpo tra i cadaveri nel campo di battaglia, non tovandolo decide di rubare un cavallo e durante la notte tenta la fuga. Anita era incinta di sette mesi, aggrappata alla coda di un cavallo guada un fiume, affluente dell’Uruguay. Raggiunge la fazenda di San Simon, dove si ricongiunge con Garibaldi. Qui che nasce il primo figlio, Menotti. A dodici giorni dal parto, mentre Garibaldi è assente, una improvvisa incursione la costringe a un’altra fuga. Avvolge il piccolo Menotti in un fazzoletto che lega a una spalla e, stringendolo al seno, fugge a cavallo. Garibaldi la trova esausta al margine di una foresta. Anita e Giuseppe hanno una vita disseminata da pericoli, sacrifici e povertà, anche perché lui ha sempre rifiutato i compensi che i governi dei popoli da lui aiutati gli avevano spontaneamente offerto. Quando la piccola famiglia si trasferisce a Montevideo, in una piccola casa in affitto, nascono altri tre figli: Rosita, che muore a due anni, Teresita e Ricciotti.
Intanto in Italia stanno maturando eventi nuovi e Garibaldi può essere di grande aiuto al suo paese, decide di farsi precedere da Anita e dai bambini; arriva a Nizza, dalla madre di Garibaldi, che arriverà dopo quattro mesi. Quando fu proclamata la Repubblica Romana Garibaldi viene proposto come deputato, Anita potrebbe rimanere al sicuro a Nizza coi suoi figli ma decide di raggiungere il marito a Roma, era incinta di quattro mesi. Quando la Repubblica di Mazzini cade, Garibaldi e le sue camice rosse fuggono da Roma, Anita si taglia i lunghi capelli, si veste da uomo e parte a cavallo a fianco di Josè, vengono seguiti dai soldati di cinque eserciti e l’intenzione di Garibaldi e della sua colonna è quella di raggiungere Venezia e sostenere la repubblica di Mazzini, attraversano l’Appennino trovando sempre sostegno nelle popolazioni. Molti avrebbero anche ospitato e curato Anita, che nel frattempo aveva contratto la malaria, cercando di convincerla a fermarsi, ma lei vuole proseguire. Garibaldi, Anita e 160 volontari raggiungono Cesenatico, dove si imbarcano, ma nei pressi di Goro iniziano dei cannoneggiamenti e sono costretti a sbarcare a Magnavacca. La fuga prosegue a piedi o con mezzi di fortuna, aiutati da cittadini di ogni estrazione sociale, in un territorio più sicuro ma molto faticoso, attraversando valli tra terra e acqua. Raggiungono la fattoria dei conti Guiccioli, vengono ospitati da Stefano Ravaglia, fattore del conte. Anita, ormai priva di conoscenza per la malattia e gli stenti, viene deposta su un letto dove muore poco dopo fra le braccia del suo Josè. Le circostanze drammatiche non permettono a Garibaldi di rimanere a piangere la moglie e, sollecitato, riprende la fuga. Per timore di essere scoperti come aiutanti di Garibaldi, i Ravaglia seppelliscono il corpo di Anita in un campo da pascolo dove viene scoperto da tre pastorelli. Seguono giorni di ricerche e di denunce. Il corpo della donna sconosciuta viene così sepolto nel cimitero di Mandriole, per poi essere traslato all’interno della chiesa. Dopo dieci anni, al termine della II guerra di indipendenza, Garibaldi, coi figli Menotti e Teresita, giunge a Mandriole per ritirare le spoglie di Anita e trasferirle al cimitero di Nizza. Nel 1931 il governo italiano chiede il permesso al sindaco della città natale di Garibaldi di spostare i resti a Roma, al Gianicolo.
Di questa donna coraggiosa e unica, si è raccontato molto, è molto difficile districarsi tra storia e leggenda, molti sono i racconti veri e romanzati.

 


20 responses to “Roma è anche questo….

  1. Enri1968 ha detto:

    Che bella storia, una donna coraggiosa e di gran cuore.

  2. macalder02 ha detto:

    La storia di Anita è affascinante e commovente. Non si possono immaginare le avventure che si devono attraversare per stare con Garibaldi. Al punto da abbracciare i suoi ideali e seguirlo fino alla fine del mondo.
    La meritata statua a Roma è considerata una donna con tempera d’acciaio.
    Mi è piaciuto leggere. Il tuo articolo è stato molto buono e ti ha avvicinato a un passaggio della storia italiana.
    Buona Domenica
    Manuel Angel

  3. astrorientamenti ha detto:

    Grazie
    Non conoscevo la sua storia così nel dettaglio
    🙂

  4. maxilpoeta ha detto:

    ottima ricostruzione storica, hai fatto bene a mettere in evidenza anche questo aspetto storico di Roma… 😉

  5. sherazade ha detto:

    Che Bellissima passeggiata mi hai fatto fare restando comoda sulla mia poltrona IKEA❣❣❣

    Buona notte mia cara.

  6. tachimio ha detto:

    Una donna forte, coraggiosa per nulla debole , pronta a tutto per seguire il suo Josè. Bel post mia cara. Un abbraccio. Isabella

  7. Non conoscevo la storia di Anita. Molto interessante, grazie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: