TUTTOLANDIA

"…il posto che mi piace si chiama mondo…"

Epidemie? Pandemie? Vaccini?

su novembre 23, 2021

1796 – In Inghilterra Jenner cercando di sconfiggere il vaiolo scopre la vaccinazione
1880 – Behiring rende un animale immune alla difterite e al tetano iniettando siero sanguigno infetto
1885 . Pasteur crea il primo vaccino con virus attenuato per pazienti morsi da cani rabbiosi
1955 – Salk sviluppa il primo vaccino antipolio, seguito due anni dopo da quello di Sabin
1971 – Hilleman mette a punto il vaccino trivalente morbillo/parotite/rosolia, che prevede due dosi
1981 – Sviluppato da Hilleman è il primo vaccino contro il cancro, in quanto previene il tumore al fegato, quello dell’Epatite B.
2020 – Dopo 10 mesi dalla lettura del genoma arriva il vaccino Sars Cov-2

Prima della Peste nera la salute non veniva considerata una preoccupazione della comunità, ma questa malattia fece capire che da soli non ci si salva, gli storici della medicina individuano, proprio in risposta a questo terribile male, la nascita del concetto di salute pubblica, con questo nasce il sistema sanitario per la collettività, nasce la figura di magistrato della salute, che scrive leggi e decreta imposizioni, ai magistrati veniva concesso potere legislativo, giudiziario, esecutivo, prima lo avevano solo i sovrani.

Nel 1377 nasce il concetto di quarantena grazie ad alcuni magistrati sanitari: era obbligatoria per le navi che arrivavano nel porto di Ragusa, l’odierna Dubrovnik.
Nel 1399, Gian Galeazzo Visconti, Signore e Duca di Milano, chiude le porte della città a persone e merci, salvando così migliaia di vite da una prima ondata di Peste Nera; nello stesso periodo anche Casimiro III blocca i confini della Polonia per lo stesso motivo, fu una delle zone meno flagellate dal mortale batterio.
Nel 1468 il senato veneziano allungò il tempo di prevenzione a quaranta giorni, obbligando le navi a rimanere nel Lazzaretto Nuovo, un’isola situata al largo della laguna, dove queste venivano fumigate e arieggiate e i marinai tenuti in osservazione; la misura si rivelò efficace perchè i quaranta giorni sono un tempo sufficiente affinchè chi è infetto sviluppi i sintomi, e neutralizzava le pulci che con i loro morsi trasmettevano malattie agli uomini.
Alessandro Manzoni, nei Promessi Sposi, racconta di una processione che sfila a Milano portando le spoglie di san Carlo Borromeo, la città combatte contro la Peste Nera. Accadeva l’11 giugno del 1630. Magistrati, nobili, prelati, gente comune…centinaia di persone che pregano per allontanare il male; in realtà la mancanza del distanziamento sociale ne provocò una maggiore diffusione; fu attivato un Tribunale della sanità che cercò di stabilire regole comportamentali per arginare l’epidemia, le autorità erano contrarie alla processione, ma il volere popolare prevalse pur di cercare una via d’uscita da un’epidemia di cui non si sapeva la causa. La cosa che si capì è che il contatto con i malati era pericolosa e si istituirono i lazzaretti, dove gli infetti venivano portati fino a guarigione o, come purtroppo accadde con più frequenza, morivano; i medici si tenevano a distanza visitandoli usando un bastone per la distanza; ovviamente non si sapeva come la malattia passasse da una persona all’altra, ma il lezzo suggeriva che il contagio avvenisse attraverso le particelle nell’aria che provenivano da acque stagnanti, escrementi, materiale in putrefazione, anche quella dei corpi, per questo i medici iniziarono ad indossare delle maschere con il naso adunco, dentro il quale venivano messe erbe odorose, es. aglio o rosmarino, sperando che schermassero il veleno dell’aria.
Tra il 1918 e il 1920 una pandemia influenzale colpì tutto il mondo, la Spagnola, che provocò decine di milioni di morti; ci furono città che presero restrizioni severe verso i cittadini, come Seattle, e ci furono città che lasciarono correre, come Philadelphia, il contenimento a Seattle ridusse di moltissimo la mortalità rispetto ad altre città.
1977, Somalia, ultimo caso di vaiolo diagnosticato; nel 1980 l’Organizzazione mondiale della Sanità ha dichiarato ufficialmente sconfitta questa malattia.

Il vaiolo è l’unica malattia che l’umanità è riuscita a sconfiggere, una malattia che già esisteva ai tempi del faraone Ramses V e che nel XX secolo ha ucciso fra i 300/500 milioni di persone, una malattia che girava molto tra i bambini, una malattia conto cui non c’era molto da poter fare, che lasciava sfigurati e con conseguenze neurologiche.


10 responses to “Epidemie? Pandemie? Vaccini?

  1. luisa zambrotta ha detto:

    Un post molto interessante
    Grazie per le ricerche che hai fatto e per avercelo proposto

  2. Kikkakonekka ha detto:

    Se fosse per i no-vax moriremmo ancora per il Vaiolo.
    Ma non c’è modo di farglielo capire.
    Si credono pure molto intelligenti.

    • fulvialuna1 ha detto:

      Sono a favore dei vaccini, a volte mi domando come è possibile che non ne trovino per alcune malattie…ma qui aprirei un capitolo che mi fa molto molto arrabbiare.

      • Kikkakonekka ha detto:

        I vaccini li puoi trovare contro virus e batteri, non (purtroppo) contro malattie genetiche o tumorali o altro, per le quali puoi trovare terapie e cure di vario genere.
        Che poi ovviamente le cure le cercano solo se “redditizie”. Se hai una malattia “rara” te la tieni e basta.

      • fulvialuna1 ha detto:

        Ma alcuni virus e batteri chissà perchè vengono dimenticati…per le malattie direi che la ricerca dovrebbe essere abbastanza avanti invece, si spendono soldi per i migliaia di spray per il raffreddore ;-(

  3. maxilpoeta ha detto:

    eppure nonostante tutte queste utili informazioni e sicurezze c’è ancora chi decide di non vaccinarsi, sembra incredibile eppure è così….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: