TUTTOLANDIA

"…il posto che mi piace si chiama mondo…"

Faraoni

“Naturalmente i fori non furono creati per guardare
dentro, ma perché il faraone potesse guardare fuori,
magari verso quelle stelle del firmamento settentrionale
che non tramontano mai.”

Jean-Philippe Lauer, egittologo

 

 

Parlo di Djoser, faraone della III dinastia egizia, considerato il fondatore dell’Antico Regno (ca. 2680 – 2180 a.C.).
Era anche chiamato Netjerykhet, che significa Divino nel corpo.
Si pensa sia figlio della regina Nimaathap e del faraone Khasekhemui. Si ritiene che abbia reganato per circa 30 anni.
Numerose furono le sue imprese architettoniche, soprattutto a Saqqara.


La più importante è la Piramide a Gradoni, la più antica piramide egizia; la sua forma costituì il modello di tutte le altre piramidi dell’Antico Regno.
La Piramide è in pietra calcarea, contiene solo uno stretto corridoio che porta nel cuore della costruzione fino a una camera dove era celato l’ingresso al pozzo sepolcrale; originariamente era alta 62 metri e ricoperta di calcare bianco finemente levigato.
Era un’opera colossale, nata propabilmente per sbalordire gli antichi egizi e incutere rispetto verso la potenza divina del faraone. Era il più grande edificio al mondo.
La Piramide a Gradoni era una scala, tramite cui l’anima del faraone poteva salire al cielo, per unirsi ai dei nell’immortalità.
Djoser fu inumato nella Piramide a gradoni.
All’interno della piramide si trova un luogo curioso, una struttura in pietra, il serdab, sul cui fronte sono praticati due fori: guardandovi attraverso si incontra lo sguardo del re, incastonato nel volto di una statua a grandezza naturale dipinta, questo accorgimento consentiva al ka (elemento che assicura l’esistenza e la vita agli dei e agli uomini) del re di comunicare con il mondo esterno (attualmente la statua è una copia, l’originale è esposto nel Museo Egizio del Cairo), è probabilmente la più antica statua a grandezza naturale di un faraone che sia mai stata realizzata in un contesto funerario.
Con Djoser l’antico Egitto iniziò a sorgere.

19 commenti »

Un’altro papa…

…mio marito dice che ho la fissa…forse è vero, ma non sono nata a Roma? Città di papi e guarda caso vivo nella città dei Papi, di cui un giorno o l’altro vi parlerò.

 

Adriano VI
Fu eletto papa nel gennaio del 1522, volle essere un riformatore, severo e intransigente, ma fu ostacolato dai stessi cardinali e poco amato dagli italiani che lo ritenevano, oltre che essere straniero (olandese), indifferente, anzi ostile verso l’arte e la bellezza delle antichità, ad esempio voleva distruggere la volta della Cappella Sistina; ridusse di molto gli stipendi degli artisti e dei musicisti, come Carpentras, compositore e cantore, maestro di cappella, da allora i livelli qualitativi musicali del Vaticano declinarono significativamente. Molti artisti lasciarono Roma durante il suo pontificato. La sua “colpa” era quella di voler riportare la chiesa ad essere un ambiente consono al profilo ecclesiastico, quindi eliminare belle donne, poeti e buffoni, ma sia il popolo che i porporati erano abituati a baldorie e feste….iniziarono così anche le pasquinate, tanto che Adriano VI voleva fare a pezzi il torso della statua parlante…
Era immune dal nepotismo, tanto che quando arrivarono a Roma alcuni suoi parenti che desideravano trovare il benessere e la ricchezza, il papa disse:”…di lavorare nei loro mestieri, perchè egli non era divenuto papa per dare il patrimonio della Chiesa ai suoi”, e agli ecclesiastici che venivano giustamente privati dei loro immensi benefici, diceva:”Il papa deve ornar le chiese con i prelati e non i prelati con le chiese”.
Non ebbe polso per affrontare la rivolta protestante in Germania e altre problematiche politiche.
Adriano VI durante il suo pontificato ha creato un solo cardinale, Willem van Enckenvoirt, vescovo di Tortosa (Spagna), suo grande amico.
Adriano si ammalò improvvisamente e morì a settembre del 1523. Un breve e inefficace pontificato (mi viene da pensare breve come altri pontificati che vertevano ad un rigoroso riformismo…)
Fu seppellito provvisoriamente in San Pietro, tra Pio II e Pio III, e la pasquinata arrivò anche lì, “Qui giace un non pio tra i Pii”, c’è da dire che le pasquinate rivolte a questo papa erano scritte da poeti su commissione di porporati, prelati e nobili esclusi dal potere, voci di curia non di popolo. Alla pasquinata rispose il suo unico difensore, Willem van Enckenvoirt, che nobilmente rispose “Qui giace Adriano VI, che ebbe la maggiore delle sventure, quella di regnare”; lo stesso Enckenvoirt, nel 1533 fece trasferire le spoglie nel mausoleo nella chiesa dei Tedeschi, Santa Maria dell’Anima a Roma, per altro bellissimo.
Adriano scrisse Quaestiones in quartum Sententiarum, un’opera non dottrinale, dove dichiarò che il papa è fallibile, anche in materia di fede; tale opera, che fu ristampata con la sua autorizzazione dopo l’elezione al soglio pontificio, contiene anche l’affermazione che diversi papi abbracciarono e insegnarono dottrine eretiche, un’opera che ha fatto discutere: i cattolici sostengono che si tratta solo di un’opinione personale, non di un’affermazione ex cathedra, e quindi non è in conflitto con il dogma dell’infallibilità papale; altri sostengono che il concetto di ex cathedra si sia affermato solo nel XIX secolo. Gran parte dei documenti ufficiali di Adriano VI scomparvero poco dopo la sua morte (anche qui trovo assonanze con altre sparizioni…).

   

8 commenti »

Un papato movimentato

Giovanni di Lorenzo de’ Medici, secondo figlio di Lorenzo de’ Medici e Clarice Orsini venne incoronato papa il 19 marzo 1513 con il nome di Leone X.
Viene ricordato, a parte tutto il suo operato come capo di uno stato, per la bolla Exsurge Domine condannando in 41 proposizioni alcune tesi di Lutero, che la bruciò nella piazza di Wittenberg, e la sua conseguente scomunica, viene ricordato per aver concesso il perdono ai cardinali che avevano aderito al “conciliabolo di Pisa” dove si era tentato di eleggere un antipapa, per il perdono a Pompeo Colonna che aveva tentato di provocare un’insurrezione popolare per instaurare una repubblica a Roma, per il perdono ai congiurati Boscoli e Capponi che avevano complottato contro di lui a Firenze; viene ricordato per aver indetto una grande indulgenza in tutta Europa, al fine di raccogliere fondi per la costruzione della basilica Vaticana, chiunque, in stato di grazia, avesse dato un’offerta, e secondo a quanto ammontava, poteva usufruirne, anche per i propri defunti; viene ricordato come uomo che amava l’arte, la cultura….ma anche per i suoi innumerevoli “vizi”, le sue frivolezze, i suoi intrighi.
Viene ricordato per la frase detta, appena eletto, a suo fratello Giuliano, “Godiamoci il papato, perchè Dio ce l’ha dato!”
Amava banchettare su tovaglie raffinate e con preziose stoviglie in oro, mangiare manicaretti particolari e afrodisiaci, gli avanzi facevano godere il popolo, a cui venivano donati. Si intratteneva con cortigiane come Beatrice Ferrarese (presunta Fornarina del quadro di Raffaello) e Lucrezia da Clarice; amava le battute di caccia accompagnato dai cardinali e stuoli di servi; i stravaganti cortei in cui sfilavano pantere e un elefante bianco, principi, poeti, oratori; era nota la sua lussuria e, anche se presunta, omosessualità, Guicciardini scrisse nella Storia d’Italia: “… credettesi per molti, nel primo tempo del pontificato, che è fusse castissimo; ma si scoperse poi dedito eccessivamente, e ogni dì più senza vergogna, in quegli piaceri che con onestà non si possono nominare …”; amava le mascherate carnevalesche, i spettacoli di mitologia, le storie romane che faceva rappresentare; si divertiva con i buffoni di corte, come Querno che, vestito da Venere, recitava versi e si ubriacava, o come fra’Mariano Fetti, grande mangiatore e bevitore che spesso recitava: “Viviamo, babbo santo, che ogni cosa è burla!”; la Mandragola di Macchiavelli e la Calandra del cardinal Bibbiena vennero rappresentate in Vaticano con tutto lo scandalo che potevano portarsi dietro.
Anche religiosamente promuoveva grandiose processioni e rappresentazioni della passione che faceva allestire al Colosseo.
Tanta corruzione e lussuria non potevano sfuggire alle “pasquinate” e così le due statue parlanti di Roma si scambiarono queste battute:

Vuoi farti ricco e rendermi tue gentilezze accette?
Dammi pei miei sollazzi fanciulle e verginette.

MARFORIO: Come vanno gli affari?
PASQUINO: Benissimo Marforio:
comandano i giullari!

Leone X morì per un malore a 46 anni, la voce che circolava era che fosse stato avvelenato, fu arrestato il suo coppiere, Bernabò Malaspina, ma poi fu rilasciato; il cerimoniere propose l’autopsia ma non fu fatta.
Allora Pasquino volle dire ancora una volta la sua:

O musici con vostre barzellete
piangete,o sanator di violini,
piangi e piangete, o fiorentin baioni,
battendo piatti,mescole e cassette,

Piangete, buffon magri, anzi civette,
piangete,mimi e miseri istrioni,
piangete,o frati spurcidi ghiottoni,
a cui dir mal la gola ‘l gettar dette.

Piangete el signo vostro, o voi tiranni,
piangi, Fiorenza,et ogni tuo banchiero
con qualcun altro offizial minchione.

Piani, clero di Dio, piangi su Pietro,
piangete o sopradetti, i vostri mali,
poscia ch’è morto el decimo Leone.

Il qual d’ogni buffone
e d’ogni vil persona era ricetto,
tiranno sporco,disonesto,infetto.

Et per chiarir mio detto,
impegnò per seguire un suo pensiero
Fiorenza official, la Chiesa e Piero.

E tengo certo e vero
che se il viver ancor li era concesso,
vendeva Roma, Cristo e poi se stesso;

ma sopra tutto adesso,
piangan leon quei miseri mortali
che l’dinar non li ha fatti cardinali.

La sua tomba si trova nella Basilica di Santa Maria sopra Minerva

4 commenti »

A Creta…

..ma 3.000 anni fa circa, si pensa che si sacrificassero, alle divinità locali, non solo animali ma anche esseri umani.
Sono stati trovati reperti sulla collina di Castelli, nel tratto di costa limitrofa alla località di Splanzia, nell’area della città di Chanià (il nome greco di Canea), nella parte nord-occidentale dell’isola, costruita nel 1252 per volere del 44esimo Doge di Venezia Marino Morosini, sulle fondamenta dell’antica città di Cidonia.
Gli scavi hanno riportato alla luce numerose tombe, vasi di ceramica di varie epoche, edifici simili ai palazzi minoici, parti di affreschi murali del tardo periodo minoico, frammenti di un vaso con incisa un’epigrafe con scrittura “lineare”, statuette di epoca romana, pezzi di mosaici di epoca ellenistica e cristiana e ossa di animali insieme a ossa umane tra cui un cranio sfondato di una giovane donna che risalirebbe a circa il 1280 a.C.; il cranio risulta essere stato spaccato con un colpo forte inferto sulla fronte.
Proprio il ritrovamento di questo cranio testimonierebbe i riti religiosi che comprendevano sacrifici non solo di animali ma anche di esseri umani.
Le ossa sono state rinvenute nell’angolo di un cortile esterno che, secondo i primi indizi, si trovava accanto al palazzo reale della città di Cidonia che era strutturato come gli edifici del periodo miceneo tra il 1375 e il 1200 a.C.
La presenza del cranio umano non deve meravigliare in quanto la mitologia greca è piena di narrazioni di sacrifici di vergini, nel tentativo di ingraziarsi gli dei o di affrontare grandi disastri, come ad esempio i continui terremoti.

12 commenti »

Un’opera “speciale”

 

 

San Pietro in Vincoli, una basilica romana, situata sul colle Oppio. Ma non è di questo sito che voglio parlare, pur conservando sotto l’altare maggiore la catena con cui era stato legato San Pietro a Gerusalemme, ma di un’opere incredibile qui conservata: la tomba di Giulio II, papa dal 1503 al 1513 (che però è sepolto nella basilica di San Pietro in Vaticano).
Una tomba di stupefacente bellezza, che contiene il Mosè di Michelangelo. Un opera maestosa e affascinante, dal volto espressivo e realista, emozionante.
La realizazzione di questa opera meravigliosa costò litigi, contrasti, invidie, ostilità.
L’opera doveva contenere più di quaranta statue, ma di fatto ne contiene sette. Papa Giulio II non la vide mai, fu completata dopo la sua morte
Se transitate in Roma, non fatevi scappare questo capolavoro.

                                                        

11 commenti »

Montagne artistiche

Quelle che vengono chiamate Monti Arcobaleno.
Cina: provincia di Gansu, parco Zhangye Danxia.
I monti di questo paesaggio hanno incredibili colori, strati multicolori frutto di depositi di vari minerali dalle pigmentazioni diverse, rosso, grigio, viola… rocce modellate dal vento, dal gelo e disgelo… l’erosione ha creato grotte, colonne, picchi di rara bellezza.

20 commenti »

Perchè no?

Da qualche anno in Germania è attivo Heimwegtelefon: una linea telefonica di volontari che assistono le donne che rientrano da sole la notte, sostengono conversazione fino all’arrivo delle donne a casa. I volontari sono in contatto con la polizia che può così intervenire immediatamente in caso di bisogno. Ovviamente bisogna fornire il percorso scelto per il rientro a casa. Le ideatrici sono due ragazze tedesche che hanno ripreso l’idea dalla Svezia, dove hanno vissuto per un periodo. Un’idea interessante.

24 commenti »

Lo avevo dimenticato…

…il basilisco. L’ho ricordato solo oggi grazie al mio piccolo vicino di casa che me lo ha mostrato su un suo libro.
La leggenda narra che sia nato da un uovo deposto da un rospo o da un gallo, è un animale fantastico, un mostro dal corpo di serpente con la corona su una testa di gallo. Si dice che: intorno a se creava il deserto perché ha la capacità di seccare gli arbusti, gli uccelli cadevano ai suoi piedi morti, i frutti imputridivano, avvelenava le acque dove beveva, uccideva pietrificando o incenerendo con lo sguardo, quello stesso che potrebbe ucciderlo se si guarda riflesso in uno specchio. Si narra che un cavaliere tentò di ucciderlo con la sua lancia, il veleno da lui prodotto vi si infiltrò e uccise cavaliere e cavallo. Nelle antiche leggende cristiane viene citato come il simbolo della Terra dell’Anticristo o del Diavolo.

Lasciando il fantastico mondo della mia infanzia, nella realtà il basilisco è una lucertola di circa 60 cm di lunghezza che vive negli ambienti fluviali delle foreste del Centro/Sud America; non è letale, ma sa correre sull’acqua per sfuggire ai predatori:, per questo è soprannominato la Lucertola di Gesù Cristo!

17 commenti »

E la santità?

Alessandro VI, (Rodrigo Borgia 1431/1503) catalano/aragonese, fu uno dei papi rinascimentali più controversi, sinonimo di libertinismo e nepotismo.
Si trasferì in Italia ancora giovanissimo dove studiò giurisprudenza e si laureò in diritto canonico.
Il suo pontificato fu contrassegnato, oltre che dall’ambizione e comunque una elevata dose di intelligenza (non racconto tutto il suo percorso “politico”, la mia curiosità è di ben altro genere), dalla lussuria e dai vizi.
Suoi grandi sostenitori furono: Ascanio Sforza (cardinale) che nominò Vicecancelliere e gli cedette il palazzo della famiglia Borgia, il cardinale Colonna a cui cedette la città di Subiaco e i vicini castelli, il cardinale Orsini a cui cedette i possedimenti di Soriano nel Cimino e Ponticelli, il cardinale Savelli a cui cedette Civita Castellana. Suo acerrimo nemico e accusatore fu Girolamo Savonarola, a cui, nel 1495, gli proibì di predicare a Roma.
Alessandro VI ebbe una lunga relazione con Vannozza Cattanei (si dice che la sposò tre volte), locandiera romana, da cui ebbe Cesare, Giovanni, Lucrezia e Goffredo; da donne ignote ebbe altri tre figli; l’amante ufficilae però era la bella Giulia Farnese, moglie di Orsino Orsini, qualificata come concubina papae, in termini blasfemi, sposa di Cristo
Il pontificato di questo lussurioso papa mirava a rendere grande la sua famiglia, favorendo la creazione di un regno per il figlio Cesare e imparentando per puri calcoli politici la figlia Lucrezia.
Mirava ad una egemonia politica e territoriale. Grazie ai proventi finanziari dell’Anno Santo e alla vendita di numerose cariche ecclesiastiche e cappelli cardinalizi, riuscì a ottenere i fondi necessari per allestire di un’armata alle dipendenze del figlio, che riuscì a conquistare gran parte del centro Italia, questo fece in modo che lo Stato della Chiesa perse una parte cospicua del suo territorio, passando nelle mani della famiglia Borgia.
Alessandro VI cercò di indebolire la nobiltà romana per favorire l’ascesa della famiglia nella città eterna: fece confiscare alcuni possedimenti a diverse importanti famiglie per ridistribuirli tra i membri della famiglia Borgia, anche perpertando l’assassinio di alcuni cardinali; addirittura diventò Duca di Nepi il figlio dello stesso papa, Giovanni, di due anni e Duca di Sermoneta Rodrigo, figlio di due anni di Lucrezia.
Alessandro VI, morì nel 1503 per cause non del tutto chiare, ufficialmente morì a causa dalla malaria, un’altra versione vuole che la morte sia avvenuta per avvelenamento durante un pranzo organizzato per uccidere il cardinale Castellesi allo scopo di incamerarne i beni, il corrotto coppiere dei Borgia, aveva versato della canterella (veleno a base d’arsenico) insieme al vino, ma la coppa fu inavvertitamente data al papa.
Il cadavere di Alessandro VI fu prima deposto furtivamente (a causa dei disordini scoppiati dopo la sua morte), senza alcuna celebrazione funebre, in San Pietro, fu poi traslato nei sotterranei del Vaticano, nel 1610 le sue spoglie furono portate nella chiesa di Santa Maria di Monserrato, la chiesa degli Spagnoli in Roma, dove rimasero praticamente dimenticate per secoli, nel 1889 gli fu dedicato un monumento degno di un pontefice.

Al busto di Pasquino fu affisso questa scritta (in latino):
“Tormenti, insidie, violenze, furore, ira, libidine,
siate spugna orrenda di sangue e crudeltà!
Giace qui Alessandro Sesto; godi ormai libera,
Roma perchè la mia morte fu vita per te.”

24 commenti »

Airone e il delfino

Il poeta greco Arione vive a Corinto, presso il tiranno Periandro.
Arione partecipa ad una gara di poeti in Sicilia, vince e riceve molti doni che carica sulla nave che lo riporterà a Corinto.
I marinai decidono di appropriarsi dei tesori e progettano come sottrarli al poeta, ma Arione sogna Apollo (protettore dei poeti) che lo mette in guardia. Arione, dopo essersi svegliato, si accorge che il timoniere si avvicina con una spada, allora il poeta chiede di poter avere la cetra per suonare l’ultimo canto. Ottenuto il permesso inizia a suonare la cetra, ma improvvisamente si tuffa in mare; un delfino, attratto dalla musica, si avvicina alla nave, e salva Arione trasportandolo in Grecia sul dorso
Gli dei decidono di premiare il delfino per il suo generoso gesto e lo trasformano, assieme alla cetra di Arione, in una nuova costellazione.

 

25 commenti »