TUTTOLANDIA

"…il posto che mi piace si chiama mondo…"

Casa. Mia.

Verso le 18 sono tornata a casa.
Piove, fa freddo. Fuori.
La luce del giorno è svanita nel grigio piovigginoso. Fuori.
Ma tra le mura della mia casa trovo il calore, accendo le candele aromatiche, limone e cedro, ho bisogno di ottimismo.
La mia casa è il mio rifugio, la mia tranquillità, la mia armonia. Mi rigenero.
E’ il bozzolo dove coccolarmi.
Io e la mia casa siamo una cosa sola.

Annunci
10 commenti »

Quali sono le pentole migliori per cucinare?

Cari amici,

Invece di raccontarvi ricette, oggi vi parlo di pentole. Ma quali sono le migliori per cucinare? In realtà i materiali delle pentole in commercio sono molti, ma secondo il mio parere non tutti sono idonei e salutari. Dovendo fare delle scelte, avremo bisogno di più pentole in cucina per poter eseguire cotture differenti come ad es. per pasta, zuppe e spezzatini, quindi per cotture lunghe, per il vapore ecc. In pratica, servirebbe una pentola per la cottura di ogni alimento, dettaglio non così semplice. Di seguito elenco alcuni tipi di pentole e relative caratteristiche.

Le pentole in acciaio inox sono composte da una lega di ferro, cromo e nichel, materiale resistente e facile da lavare; non permette un’ottima conducibilità del calore e, senza l’adeguato condimento, favorisce la bruciatura del cibo sul fondo che diventa così poco salutare. Per questo motivo è consigliabile scegliere delle pentole a triplo stato, un fondo composto da due strati d’acciaio all’estremità e uno centrale di alluminio che permette una migliore diffusione del calore. Uno spessore sufficiente per renderle idonee a ogni tipo di cottura è di almeno 6 mm. L’acciaio possiede dei difetti, ovvero se va a contatto con sostanze acide come ad esempio pomodori potrebbe rilasciare particelle di metallo, mentre a contatto con il sale da cucina può riscontrare corrosione. Per ovviare quest’ultimo inconveniente,  si consiglia di unire il sale solo quando l’acqua bolle, mescolando contemporaneamente per favorirne lo scioglimento. Non è consigliabile lasciate cibi per lungo tempo nelle petole d’acciaio, considerando che le migliori sono quelle in acciaio 18/c ovvero prive di nichel.

Pentola

Le pentole in vetro o Pyrex si posso usare solo per cotture in forno, utili per la conservazione di cibi. Pratiche per il lavaggio e non rilasciano sostanze.

casseruola in vetro

Le pentole in terracotta sono simili alle pentole in pietra ollare sul profilo termico e sono ideali per alimenti con cottura lunga e lenta come ragù, spezzatino, brasati, zuppe e legumi. Dopo l’acquisto e prima dell’utilizzo, devono rimanere in ammollo per almeno 10 ore, ed essere utilizzate sul fuoco con lo spargifiamma.  Non devono mai essere graffiane con l’utilizzo di attezzi in metallo per non togliere lo smalto che le riveste,  spesso costituito da materiali non ecologici. Esistono altresì pentole ecologiche,  realizzate con smalti ecologici conteneti sostanze naturali.

Terracotta

Le pentole in teflon, meglio conosciute come antiaderenti, se portate alla temperatura di 200° o se graffiane con coltelli o spugne abrasive, rilasciano sostanze nocive. Queste pentole, per essere innocue, devono essere lavate a mano con cura, essere sempre nuove, ben tenute, non devono essere scaldate vuote a temperature elevate.  Meglio non cuocervi carni e nemmeno tostare il pane. Personalmente a casa non le uso più.

s-l225

Le pentole in alluminio sono molto usate nella ristorazione. Dato che l’alluminio tende a rilasciare parti di metallo, si sconsiglia di non lasciare gli alimenti in pentola dopo la cottura. Si consiglia di cospargere il loro interno con un po’ d’olio dopo il primo lavaggio e di non togliere mai la patina scura che si forma durante l’utilizzo. Questa patina è la naturale ossidazione dell’alluminio che diventa nel tempo una buona barriera per dividere questo metallo dal cibo. Per la pulizia, non utilizzare mai spugne abrasive per non disperdere particelle di metallo nocive. Esistono pentole in alluminio con un trattamento particolare, che conferisce al materiale trattato diverse caratteristiche durevoli, come antigraffio, prestazioni antibatteriche, possibilità di lasciare il cibo al loro interno, facile pulizia. Non si tratta di un rivestimento ma di un trattamento che trasforma l’alluminio in ossido di alluminio sigillato con ioni d’argento. Per il lavaggio sono consigliati prodotti bio-ecologici.

Alluminio

Le pentole in ceramica solitamente sono pentole in alluminio rivestite con vernici che contengono polveri ceramiche con limitata adesione e poca compattezza.

Ceramica-01

Le pentole di ghisa sono pentole molto pesanti adatte alla cotture lente, non è un materiale adatto per il lavaggio in lavastoviglie. Si sconsiglia il lavaggio con acqua, meglio passare con carta e sale grosso per disincrostare. L’acqua può provocare formazione di ruggine. Questo materiale deve essere trattato con un sottile strato d’olio d’oliva per la conservazione, che evita la ruggine.

71LUyLJs+rL._SX438_

Le pentole in puro rame necessitano molta manutenzione, tendono alla formazione di ossido, quindi tossicità. Richiedono trattamenti stagnanti e non sono adatte alle alte temperature. Secondo il mio parere, meglio evitarle.

Rame

Le pentole in titanio sono molto dure e questo materiale  sembra non essere tossico. Resistono al calore, sono antiaderenti ma non sono adatte a piastre elettriche, sono molto costose.

Titanio

Le pentole in pietra Ollare sono adatte a cotture lunghe a fiamma media. Vanno quindi bene per legumi, spezzatini e zuppe. Al momento dell’acquisto, meglio assicurarsi che non contengano tracce di fibre di amianto che potrebbero raramente essere presenti in questa pietra. Per averne la certezza esiste la certificazione rilasciata dal rivenditore.

Pietra ollare

Le pentole in ferro si adattano a molte cotture veloci grazie alla loro elevata conducibilità termica.  Sono valide per tostare, rosolare, cuocere uova in camicia e per grigliate. Possono supportare temperature molto elevate e una volta raggiunta la temperatura, possono diventare antiaderenti. Sono pentole soggette a ruggine quindi è meglio lavarle il meno possibile con l’acqua. Risciacquare con acqua calda per togliere residui di cibo da cottura ed asciugare preferibilmente direttamente sulla fiamma. In seguito, applicare un filo d’olio d’oliva una volta raffreddata per proteggerla. Per disinfettare, basta scaldare a fuoco vivo con del sale grosso, non devono mai essere lavate in lavastoviglie e le loro prestazioni migliorano con il loro utilizzo nel tempo e se ben trattate, possono diventare indistruttibili, resistendo agli urti. Non devono essere trattate con spugne abrasive, il ferro non è consigliato per la conservazione degli alimenti e preferibilmente non deve entrare in contatto con alimenti acidi come ad esempio pomodori, salse agrodolci, limone ecc. Il loro costo è accessibile.

padella_ferro

Ora lascio a voi la scelta.

 

dal blog Mangiare bene a casa con Max (https://mangiareacasablog.com)

8 commenti »

Songs of your life TAG

 

Per questa nomination ringrazio Neogrigio (https://unavitanonbastablog.wordpress.com), che è l’ideatore del TAG.
Neogrigio ha creato questo tag essendo un amante della musica, e ritenendo la musica una parte importante della vita, e in questo concordo assolutamente.

Le regole:

Cita il creatore del post, Neogrigio;
Inserisci l’immagine ufficiale del post;
Rispondi alle 15 domande;
Nomina 10 blogger.

 

E ora rispondo (anche se con qualche difficoltà) alle domande.

La tua canzone preferita?
Non c’è una canzone mia preferita, ma Hallelujah di Leonard Cohen mi emoziona e mi fa commuovere ogni volta che l’ascolto.

Il tuo cantante/gruppo preferito?
E anche qui mi è difficile rispondere…Michael Jackson tra i stranieri, Mango tra gli italiani, sempre nel mio cuore.

Il tuo musicista preferito?
Fabrizio De Andrè

Il vostro cd preferito (no raccolte, live o greatest hits)?
Ho la collezione di Battisti…

Potessi fare un duetto in un live, con chi lo faresti? E con quale canzone?
Nessuno e con nessuna canzone.

Concerti: l’ultimo visto? Quello che vorresti vedere? Quello più bello? E quello più brutto?
L’ultimo concerto è stato quello di Renato Zero al Teatro Tendastrisce di Roma, era l’anno 1977 o ’78, non ricordo bene; una grande emozione, ancora ricordo il velo fatto passare sui spettatori dai ballerini, un velo che rappresentava il cielo…brividi, ancora oggi.
Non vorrei vedere nessun concerto, per un motivo molto personale ho deciso di non andare mai più. Non ce n’è uno più bello nè uno più brutto, noiso si…visto a metà, ora i fan mi odieranno, ma non ho retto quello dei Pooh.

Il tuo più vecchio ricordo musicale?
Ero una bambina, circa 8 anni, ricordo le feste che i miei genitori davano in casa con gli amici e la musica sempre in sottofondo…musica italiana, ma anche i Beatles, Ray Charles…e chi più ne ha più ne metta; mio padre adorava la musica.

Chi fareste tornare in vita per godere ancora della sua musica? Mercury, Jackson, Strummer, Battisti, Dalla, Cobain, De Andrè?
Jackson, Battisti, Dalla, Cobain, De Andrè?

Dance anni 70, 80 o 90?
’70/’80, resiste imperterrita…un vero sballo da ballare all’infinito.

La canzone che vorreste fosse suonata al vostro matrimonio?
Nessuna, non abbiamo avuto musica; c’è stata dopo, la sera abbiamo organizzato una cena, tutti in jeans, chitarra, dischi e ballare…che bel ricordo!

Cd, mp3, Spotify o vinile?
Ora Cd, ma il vinile non si batte…li ho tutti, quelli dei miei genitori, e ho il loro giradischi, bellissimo.

Che ne pensi della discografia musicale italiana degli ultimi 5 anni?
Noia, eccetto qualche chicca.

Qual è l’ultimo cd che hai acquistato?
Nessuno.

C’è una canzone che associ ad un bel ricordo? (indica canzone e ricordo)
Ne ho due: Come pioveva, una vecchissima canzone che mia nonna cantava quando mio nonno usciva per andare al lavoro, mi sapeva di amore (e così era), io la canto quando li penso insieme o vedo le loro foto; La notte di Adamo, mio padre la regalò a mia madre…coppia d’amore e passione.

Canzone e cd del momento.
Un po’ di tutto.

Non nomino nessuno, ma tutti i blogger che vogliono partecipare o lasciare un loro pensiero nel mio blog sono graditi.

10 commenti »

Amiamoli…

“Fratelli…Amate tutta la creazione divina,
nel suo insieme e in ogni granello di sabbia.
Amate ogni foglia,
ogni raggio di luce!
…amate le piante,
amate tutte le cose!…
Amate gli animali…amate
specialmente i bambini
perchè…essi vivono per purificare
e commuovere i nostri cuori…”

Feodor Dostoevskij

(da I fratelli Karamazov)

10 commenti »

Libertà

“La libertà non è una cosa che si possa dare; la libertà, uno se la prende, e ciascuno è libero quanto vuole esserlo.”

James Mark Baldwin

 

 

“La libertà non sta nello scegliere tra bianco e nero, ma nel sottrarsi a questa scelta prescritta”

T.W. Adorno

24 commenti »

Dirupo

Il cuore ha perso
un battito
sull’orlo di quel
dirupo
che ha tenato di
risucchiarmi –
più di una volta.

Ho messo le ali
e ne sono uscita
anche se con la
cenere sul corpo –
ne sono uscita.

Le cicatrici restano –
strie bianche su
quel muscolo rosso
che pulsa Amore –

Paola

 

24 commenti »

Vaccino?

Volevo inserire nel blog quuesto post due giorni fa, ma aspettavo notizie migliori, che non ci sono state purtroppo.
Oggi leggo sui giornali dell’attenzione verso il morbillo…
2 anni, contrae il morbillo, sta malissimo, ricovero in ospedale.
Era stato vaccinato? No.
I genitori fanno parte di quelli che hanno deciso di aderire alla non-vaccinazione (o almeno avevano deciso) , ora sono disperati…ha seri problemi respiratori per una broncopolmonite.
Io sono a favore dei vaccini, l’ho sempre sostenuto e continuerò a farlo.
In Italia ci sono le prime avvisaglie che fanno pensare ad un allarme: 2017, 230% di casi in più rispetto al 2016, tanto per dire…Per essere al sicuro da questo virus la copertura vaccinale dovrebbe essere al 95%, attualmente siamo all’85.
La paura più grande che inibisce il fare il vaccino è data dagli effetti collaterali. A dire il vero sono utilizzati da milioni di persone e gli effetti collaterali sono nella maggior parte dei casi (se non additrittura inesistenti), abbastanza lievi (tipo febbre…)
E’ stato certificato che solo un caso su due milioni si può avere anafilassi, ma se ci pensiamo anche mangiare un alimento può procurare questa reazione.
Tra gli effetti collaterali menzionati a gran forza la fa da padrone l’autismo, la scienza lo ha smentito categoricamente. Una ricerca ha confermato che l’autismo può essere diagnosticato già a 6 mesi, il vaccino in questione viene somministrato tra i 13/14 mesi.
Purtroppo molti di noi ricorrono al web per documentarsi, ma sappiamo bene quante bugie vi circolano dentro, altri ascoltano il consiglio dei medici, molti di quelli che hanno osteggiato le vaccinazioni sono ora sotto procedimento disciplinare, ma come il solito in Italia tutto finirà in una bolla di sapone. In altri paesi sarebbero stati irradiati.
Mi spiace essere drastica ma io farei la setessa cosa.
Apro una parentesi, quando sono nata io pochi vaccinavano, ricordo bambini attaccati dalla poliomelite, bambini morti con la polmonite causata dalle malattie infettive….e chi più ne ha più ne metta, perchè tornare indietro?

 

31 commenti »

Conosciamoci un po’ meglio, Tag

 

Ancora un tag, a cui partecipo volentieri.
Per questa nomina ringrazio Penny, del blog Ilmondodelleparole (https://ilmondodelleparole.com)

Le regole del Tag sono semplici come sempre:

1. Seguire il blog che ti ha nominato

2. Rispondere alle sue 10 domande

3. Nominare a tua volta altri 10 blogger

4. Formulare altre nuove 10 domande per i tuoi blogger nominati. Le domande possono essere su VITA PRIVATA, VIAGGI, CINEMA, ESTETICA, MUSICA, SERIE TV, LIBRI e CIBO

5. Informare i tuoi blogger della nomination

6. Taggare il blog che ti ha nominato nelle risposte

 

Le domande di Penny:

 

-Se dovessi pensare ad una persona che hai paura di perdere, a chi penseresti?
A mia figlia, sapere di non poter avere contatti con lei mi annienterebbe (e non penso a un estremo significato della parola perdere…)

-Qual è una città che vorresti visitare per una seconda volta?
A dire il vero ci vorrei vivere: Trento.

-Se potessi essere un personaggio di un film, in quale film potremmo vederti al cinema?
La rosa tatuata.

-Quanto raccontano i tuoi vestiti di te?
Molto, soprattutto la semplicità.

-Immagina di accompagnare una tua giornata con una colonna sonora: che musica suonerebbe in sottofondo?
Non posso scegliere, nel mio cuore ci sono tante colonne sonore, una per ogni momento.

-Qual è una serie tv che hai visto e/o apprezzato dalla prima all’ultima stagione?
Guardo raramente la tv e non guardo serie di nessun genere, non le amo.

-C’è un libro con cui ti sei trovato/a in disaccordo? Cosa avresti cambiato? (Titolo, copertina, personaggi, stile, finale…)
Sul blog ne ho nominati più di qualcuno, non cambierei niente, non mi interessa farlo visto che non mi piacciono.

-Oltre al cibo italiano, possiamo trovare ristoranti giapponesi, cinesi, indiani, greci, messicani, vietnamiti… Ne apprezzi qualcuno?
Forse qualcosa di greco, amo la cucina italiana. (punto)

-C’è qualcosa senza la quale non esci assolutamente di casa?
Me stessa, non fisicamente, ovvio, a me non rinuncio mai.

-Qual è il tuo più bel ricordo?
Quando, insieme a mio marito, abbiamo sentito per la prima volta il cuoricino di nostra figlia battere. Indimenticabile.

 

Le mie domande:

-Ti è accaduto di non sorridere a qualcuno che in quel momento non ti interessava? Se si, a chi sorrideresti pensando di aver sbagliato in quel momento?
-Se ti dico bellezza, pensando alla tua famiglia in cosa la identificheresti?
-In un momento di sconforto cosa ti consolerebbe?
-Il tuo “piatto” del cuore qual’è?
-Cosa non mangeresti mai?
-Il tuo dolce preferito?
-Quale personaggio di quale libro vorresti essere? 
-Qual’è il tuo look preferito?
-Se saresti costretto/a a ballare, su quale note lo faresti?
-Il viaggio che non faresti mai?

 

Le mie nomine:

https://macchiedichina.com

https://argentoblu.wordpress.com

https://fabianaschianchi.wordpress.com

https://isabellascotti.wordpress.com

https://lamelasbacata.wordpress.com

https://travelwhitthewolf.com

https://allegrabottega.wordpress.com

https://sundaymoodd.wordpress.com

https://wordsmusicandstories.wordpress.com

https://alemarcotti.wordpress.com

 

 

 

 

21 commenti »

# Olibriadi

Per questa nomina ringrazio Ben del blog Creativity Station (https://creativitystation.wordpress.com), un blog intelligente e pieno di idee; ringrazio il mio Brother Wolf Massi, del blog Travel With Thr Wolf (https://travelwhitthewolf.com), un blog dove potete perdervi su spiagge incantate, ascoltare ottima musica e leggere libri fantastici….Grazie di cuore per questo tag che mi fa ricordare che leggere è gratificante, ti trasporta in mille mondi.

 

Queste sono le regole:
•Inserire i creatori del tag: Il Salotto Irriverente e D.A.vide Digital Art
•Ringraziare il blog che ti ha taggato
•Inserire il banner del tag (solo se pubblicate un post sul blog)
•Fotografare i tre libri che più vi sono piaciuti e che avete letto nel 2017, e fate la vostra classifica!
•Condividete la foto su Facebook, Instragram o sul vostro blog con l’hashtag #Olibriadi
•Taggate tre persone o tre blog

 

Due precisazioni: non fotografo i libri perchè sono a dimora nelle scatole che ormai uso come libreria, mi è difficile slire sulla scala e tirarle giù, sono pesantissime; scelgo i tre libri ma sinceramente mi è costato…quelli che amo li avrei inseriti tutti.

 

Ecco i miei tre libri preferiti:

https://tuttolandia1.wordpress.com/2016/05/23/racconti-di-fantasmi-henry-james/


https://tuttolandia1.wordpress.com/2016/10/14/la-boutique-del-mistero-dino-buzzati/


https://tuttolandia1.wordpress.com/2017/12/28/la-vedova-van-gogh-titolo-originale-la-vedova-dei-van-gogh-camilo-sanchez/

 

Nomino per le prossime Olibriadi:

https://donnaemadre.wordpress.com

https://gwenpoolanddeadpool.wordpress.com

https://lamelasbacata.wordpress.com

 

 

 

16 commenti »

Alle 4.00

Ero seduta in giardino, avvolta nella coperta di pail con i pelosi addosso. Ieri ho assistito ad una scena di una violenza inaudita, scioccante…non sono riuscita a dormire e alle 3.30 mi sono fatta un caffè e ho deciso che dovevo fare pace con il mondo. Stivali, giubottone, cappello e coperta…in giardino, ad aspettare che albegiasse…che meraviglia quel rosa. Sono uscita da sola, senza neanche un cane con me, dovevo essere sola, come faccio sempre in certi casi. Mi sono addentrata nel bosco, non avevo paura, mi sentivo invisibile, come se volpi e cinghiali non mi potessero vedere, ho camminato fino al torrente, ho toccato l’acqua gelida, pulita. E ancora giù fino alla fine della valletta, da dove posso vedere le montagne, bianche innevate, pulite, maestose, e ho pianto, d’emozione, e perchè lassù non posso più andare; mi sono seduta su un ceppo e ho pensato a quanto è bello il mondo, a quanto è bello il cielo, a quanto sono belli gli alberi, le fogie gialle delle querce…ho sentito un fruscio, mi sono girata e ho visto un gatto passare inusualmente accanto al torrente…neanche mi ha guardato, ho pensato che davvero ero invisibile. Alle 7.00 sono risalita per la collina, sentivo gli uccelli mestamente richiamare, ho visto pettirossi saltellare e ho pensato che non mi interessa essere abbracciata dall’umanità, perchè tanta meraviglia non l’ha creata ma la sta distruggendo, come distrugge Amore, Bellezza, Pace. Ho chiuso tutto questo mondo nel mio cuore, questo cuore riparato, e mi piace pensare che lo sia stato perchè ha sempre dato e continua a farlo, e ho capito che questo cuore è una roccaforte, ma non devo alzare barriere perchè è inaccesibile, intoccabile, non serve difenderlo perchè in lui alberga l’essenza stessa di me stessa, che è incorruttibile, inattaccabile. Non abbracciarmi Uomo, perchè Dio mi sta abbracciando, è Lui che mi ha donato tutto questo e allora il mio essere invisibile diventa per me un valore immenso da custodire. Apro la porta di casa e mi trovo davanti mia filgia che mi dice “Ma dove sei stata, vabbè ho letto il biglietto, ma non farlo più, con questo freddo, volevo svegliare papà e poi ho visto i cani scodinzolare…” “Ma’ perchè piangi'” “Perchè ho visto la bellezza di Dio, la bellezza della Natura, ne ho sentito l’Amore…” Mi ha dato un bacio sulla fronte…”Ma’ mi rimeto sotto il piumone, tu non hai bisogno della poesia perchè la poesia ce l’hai nel cuore” e allora davvero Dio mi ha abbracciata.

 

31 commenti »