TUTTOLANDIA

"…il posto che mi piace si chiama mondo…"

Mi hanno fatto il solletico…

…e non mi è venuto da ridere..
Ben venga il taglio dei parlamentari…ma qualcuno sa se gli hanno tagliato qualche privilegio?
Ma a tutti, un taglietto sugli stipendi? Sui rimborsi? Anche su quelli dei soggiorni a Roma? Quelli per i collaboratori ad esempio….per convegni…? E i viaggi gratis su treni, aerei, navi? E sulle spese telefoniche? E poi i vitalizi che si accumulano alle pensioni?

Magari, intanto che qualcuno possa pensare di tagliare, una volta all’anno posso fare coloazione con i due euri che mi entreranno in tasca grazie ai parlamentari che andranno via….ma dove andranno? Si sa? Cosa faranno?

11 commenti »

Grazie Melissa

Nel suo sabato romano c’è stato spazio  per pensarmi… E mi conosce di più di quanto io pensi…

E grazie per la dedica forte e bellissima che mi ha scritto sulla prima pagina, non la riporto perchè molto personale, con quella sua grafia minuta, di chi ancora non si sente sicura in questo mondo, quasi una riservatezza che è lo specchio del suo essere ❤

 

20 commenti »

Tutto il tempo in un sogno

E se tutto iniziasse con un sogno?
E se quel sogno fosse la paura di perdere l’anima che vive in ognuno di noi?
E se quella paura la portassimo su un palco e la trasformassimo in una rappresentazione?
E se all’interno della rappresentazione si incastrassero tante rappresentazioni di vita?
Tutto questo è stato possibile, e tale lo ha reso la intuitiva scrittura e regia di Barbara Bricca nello spettacolo di cui riporto la locandina.

La regista ha definito questo spettacolo “viaggio animico”, e così è.
Uno spettacolo che rapisce perche vi si srotolano i racconti di vita dei vari personaggi, racconti che sembrano uccidere la speranza, la bellezza, il senso della vita….l’anima. Un viaggio che sembra soffocare la libertà individuale a causa di avventure, disavventure, amore, rapporti familiari….Ombre che diventano “giganti” quando si perde il senso del proprio io.
Quando l’incertezza che coviamo si dissolve nelle nebbie inizia il viaggio di riscatto verso la nostra essenza, inizia la ricerca dell’anima.
E iniziamo a volare, e diventiamo il sogno dentro un sogno più grande: la vita e il suo tempo…un tempo che non sappiamo quantificare, ma che dobbiamo avere la forza di sfruttare.

                                                                                  

Difficile per me raccontare la trama di questo spettacolo, ma se sono riuscita a far capire “l’anima” di questa rappresentazione si può intuire quanto sia stato difficile rappresentarlo.
La regista ha creato in pochissimo tempo una rappresentazione con dialoghi forti e intensi, battute ilari che hanno allegerito la drammaticità del testo, scene fluide e perfettamente incastrate.
Uno spettacolo ben costruito e sostenuto dai bravissimi allievi della compagnia teatrale. Tutti hanno avuto il giusto ed equo spazio di visibilità.
Complimenti a questi attori che sono stati intensi e preparatissimi, ognuno con la loro caratteristica scenica, il loro personaggio e le loro storie, perchè, se pur rielaborati, i monologhi sono stati costruiti sulla vita degli attori, un mix di paure e sogni che portano ad un viaggio faticosamente si è trasformato in riscatto, una forza che non deve mai mancare per non farsi fagocitare dai “giganti” che la vita ci mette davanti; complimenti per la disinvoltura su quelle assi mai facili da calpestare
La loro prima rappresentazione corale che posso definire riuscitissima.
Complimenti al coreografo Davide Romeo e Giovanna Zanchetta.
Vincente l’accompagnamento musicale nella persona di Francesca Turchetti, che ha sottolineato ogni emozione , ogni espressione gestuale.
Grazie a questa compagnia a cui voglio augurare una crescita continua e intensa. La potenzialità c’è, tanta, e si avverte.

Grazie Barbara per avermi regalato uno spettacolo che mi ha emotivamente commosso, fatto vibrare l’anima, riempito il cuore di umanità, fatto sorridere. E riflettere su quanto siamo il tempo di noi stessi. Grazie per gli echi alla nostra storica letteratura, per la ricerca del “teatro” nella sua più profonda tradizione e significato, per la voglia di non trascurare l’inserimento di temi contemporanei e d’attualità.

“La vita è uno spettacolo e ognuno vive il proprio dentro di essa…uno spettacolo nello spettacolo”

 

9 commenti »

Papà, il mio

Guardo la foto di mio nipote (29 anni), con il suo bambino (2 anni), e mi commuovo. Quanto sono belli e uniti.
Lui, un padre meraviglioso.
Il mio se ne è andato troppo presto (60 anni).

 

 

Papà, oggi mi sei mancato tanto, mi consolo solo pensando a quanto tu sia stato presente nella mia vita, fin dal primo giorno che sono venuta al mondo, le foto me lo dicono, mia madre me lo raccontava, la mia mente, il mio cuore lo ricordano. Le mie braccia ti cercano ma non ti trovano. Sei stao un “buon padre” se così posso ristrettamente definirti. Quante volte mi hai accompagnato nell’adolescenza, approvato nella vita, appoggiato….Non eri perfetto, non eri un super eroe…ma eri il mio eroe, e lo sei ancora.
Ancora oggi sei “una parte della mia vita” intramontabile.
Ciao papà mio adorato.

17 commenti »

Leggo

Per un paio di anni non ho quasi più letto libri nè visto film, come ero solita fare. La malattia di mia mamma mi aveva costretto a poco tempo libero.
Da qualche giorno ho fatto rifornimento di libri e stilato un elenco di film che vorrei vedere.
Ma il libro è ciò che voglio pù di tutto.
E cosa c’è di meglio che riempire questo vuoto che da dolore acuto si sta trasformando in una malinconica nostalgia se non un libro?
E’ il condimento alle ore vuote

21 commenti »

Sono destabilizzata…

Ma il governo non si dovrebbe prendere cura del popolo?
Ma le amministrazioni non dovrebbe essere incorruttibili, oneste, efficienti?
Ma in una nazione non dovrebbe esserci lavoro per tutti, niente ingiustizie?
Ma una nazione dovrebbe avere strutture solide, pari spazi per tutti?
Ma il popolo dovrebbe avere strumenti sufficienti per vivere?
……………………………………………………………………………………………..
Al momento, anzi da un bel po’ nella mia bella Italia tutto questo non lo vedo.
Sarà l’onda emozionale di destabilizzazione che provo in questo momento’
———————————————————————————————
RICOSTRUZIONE
(non vedo altra strada)

24 commenti »

Jak e Parigi

E di nuovo voli a Parigi, ti ha rubato il cuore, ma so che tornerai. E’ la tua promessa.

“Salvare Parigi è più che salvare
la Francia, è salvare il mondo.
Parigi è il centro stesso dell’umanità.
Parigi è città sacra. Chi attacca
Parigi attacca in massa tutto
il genere umano.”

Victor Hugo

21 commenti »

Sono così!

E’ un continuo ritornello…”…perchè non tingi i capelli, dai! sareti più in, più giusta…dai stai bene castano chiaro, dai dimostreresti un po meno…” insomma qualche amica e più di qualche conoscente mi vuole cambiata. E io rido. Io mi accetto come sono. Mi piace “sentirmi” come ho deciso di essere. Voglio guardarmi allo specchio e vedermi con i miei occhi e non come la gente mi vorrebbe vedere.
E comunque ringrazio per l’interesse e i consigli.

 

“Io sono più forte di me”
Clarice Lispector
(scrittrice brasiliana)

42 commenti »

Tu

Da un po’ di tempo sei fisicamente sempre più assente, tra amici e fidanzatino…le coccole tra noi si fanno rade…le passeggiate si diradano…dove sono tutti i baci che mi davi? ora solo il buongiorno e la buonanotte o quello quando esci…ma ti voglio sempre bene, immensamente bene, perchè comunque sei tu.

10 commenti »

Come puoi…

…non amarli?

E noi li amiamo…

 

22 commenti »