TUTTOLANDIA

"…il posto che mi piace si chiama mondo…"

L’essenza fatale – Beatrice Fiaschi

“Ichi go, ichi e”

Celeste Zanetti, vice ispettrice della Omicidi, abile nel travestirsi sotto copertura, affianca il commissario Almeida per un’indagine complessa: omicidi seriali che hanno come caratteristica la presenza, nel luogo di ritrovamento del cadavere, di un forte e persistente odore di gelsomino e, fatto ancora più inquietante, è che l’ultima persona a vedere le vittime è Celeste, che con ognuna di loro ha avuto una relazione.
Celeste viene indagata; Almeida non la lascerà sola e, oltre ad aprirsi una strada per la risoluzione del caso, per loro potrebbe aprirsi una strada nuova, lasciandosi alle spalle storie traumatiche che hanno vissuto privatamente ed individualmente.

“Strana sostanza il cloroformio: a seconda della dose sortisce effetti diversi, proprio come l’amore! Può solo stordire, farci sentire strani, ma può anche ucciderci”.

 

Non ho voglia di dare più dettagli sulla trama di questo libro, è intrigante leggerlo e scoprire cosa racchiude.
E’ un giallo che si snoda in varie zone di Roma, luoghi veri, non di fantasia, ogni luogo fisico è in realtà uno spazio emotivo che riempie la narrazione; conoscendo io la maggior parte di questi luoghi ho avuto spesso i brividi leggendo il libro, la scrittrice ha una forza descrittiva incredibile.
Questo libro è più che un giallo, è un viaggio che parla di sentimenti travagliati, di ferite difficili da curare, di traumi, di vittime che cercano riscatto, di solitudine…
E’ un viaggio nella psicologia umana, nella psicologia delle donne ferite nell’anima. E’ un viaggio verso la speranza di una nuova vita, è riscatto.
Credetemi se vi dico che l’autrice (di cui ho letto un altro libro e racconti), è riuscita perfettamente a farmi entrare nei personaggi fisici e nelle loro emozioni, non chè ad incuriosirmi per scoprire chi è il killer.
Leggetelo e incontrerete un narcotrafficante, l’infermiere, l’Erborista, la psicologa, Maria e…il Chirurgo!

 

“…La firma al gelsomino….Bastano poche gocce per diffondere dappertutto un profumo persistente….”

 

Per chi fosse interessato


Io ci sarò!

1 Commento »

La voglia di creare…

 

https://www.instagram.com/p/CQQr-J5h64A/https://www.instagram.com/p/CQTransBHfG/

 

4 commenti »

Cigni selvatici. Tre figlie della Cina – Jung Chang

  Tra la fine dell’800 e la fine della dittatura di Mao Zedong si sviluppa la vita di tre donne (l’autrice, sua madre e sua nonna).
La Cina è attraversata da tragedie, rivoluzioni, guerre, dittature…. E cambiamenti.
Tre donne che vivono dolori, amori, persecuzioni, deportazioni, torture e speranze….

 

Questo libro a mio giudizio è un capolavoro. E’ una storia vera.
Non si legge tutto di un fiato, non si può; la narrazione è complessa ma efficace nel far capire la storia di una nazione che ha attraversato incredibili momenti storici e culturali, alcuni periodi li ben ricordo. Ci sono intrecci narrativi non solo sulle vite vissute dalle tre protagoniste ma anche sulla politica, la società, la cultura, la scuola…un grande quadro che fa ben capire come si viveva in questo immenso Paese.
E’ un libro che ampia gli orizzonti, che riporta realmente fatti e vite, che a tratti commuove. Ci vuole tempo ma vale la pena leggerlo.

 

“La luce si fa più bianca quando a notte diventa scura,
la mia penna corre incontro all’alba…”

6 commenti »

Leggiamo?

Qualche giorno fa leggevo un articolo in cui si diceva che in Italia le case editrici sono in perdita, diverse librerie hanno chiuso…e questo non causa Covid, ma perchè in Italia si legge sempre meno, in più i giovani hanno poca passione per la lettura e se leggono la maggior parte lo fa sul computer o libri elettronici. Ecco su questi due punti mi sento davvero triste. Va bene leggere comunque, ma come si fa a non prendere in mano un libro e sentire il profumo della carta, sfogliarlo, seguire con il dito le lettere…Ma questa del libro è una mia preferenza, certo.
Penso che il libro è una finestra sul mondo, è cibo per l’anima, è compagno di vita, è compagno contro la solitudine, è rimedio contro la noia, è un viaggio senza biglietto e bagaglio…leggero e subito realizzabile.
Come madre un merito me lo voglio prendere: aver portato mia figlia all’interno delle librerie fina da quando aveva 8 mesi e gli regalai il primo libro di tessuto (che ancora ha) che gli feci scegliere mettendone a sua disposizione tre di diverso colore, scelse quello con la copertina gialla e averla portata a visitare più biblioteche possibile, insomma averle imparato ad amare la lettura e i libri.

“Il tempo per amare, come il tempo per leggere dilatano il tempo per vivere”
Daniel Pennac

30 commenti »

Le figlie delle stagioni – Cassandra Graziosi/Martina Palmieri

Lo Stregone Oscuro e una parte di umanità mettono a repentaglio la sopravvivenza di Madre Natura, che cerca di difendersi, ma con grande difficoltà….
Per fortuna quattro giovanissime streghe, Nives, Euridice, Tessa e Iris, affiancate dai genitori e da amici, cercano di venire in aiuto.
Ci riusciranno? Vinceranno la guerra che lo Stregone Oscuro a messo in atto contro Madre Natura?

 

 

Una dolce favola moderna.
Un libro per i giovanissimi ma che strizza l’occhio anche agli adulti.
Temi di attualità: la sopravvivenza del pianeta, l’inquinamento, la battaglia degli ambientalisti, un pizzico di magia…
Una scrittura ancora acerba ma che fa riflettere e sperare.
Cassandra è una giovane scrittrice che già avevo presentato (https://tuttolandia1.wordpress.com/2020/07/19/allombra-di-alagna-larrivo-del-male-cassandra-graziosi/) e che ripropongo con piacere anche per il tema trattato.
Il racconto è accompagnato dai deliziosi disegni di Martina, acquerelli delicati e poetici.

 

5 commenti »

#Save the Face – Thomas Caner

Non c’è una trama definita, la trama sono le tante storie di guerra riportate nel libro.
Storie che colpiscono e dovrebbero ancora oggi far riflettere quanto una guerra sia terribilmente devastante e inutile.
L’originalità che mi ha colpito in questo testo è che l’autore, al suo primo libro, ha abbinato ad ogni storia un dolce di sua invenzione.
Dolore e dolcezza…
Ringrazio Thomas perchè la sua attenta ricerca ha portato a mia conoscenza storie individuali di chi ha attraversato una parte tanto tragica della nostra storia.

5 commenti »

Libri…

“Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica.”

Gesualdo Bufalino

23 commenti »

L’albero di giuda – A. Joseph Cronin


David Moray, scozzese, studia medicina. Vive una storia d’amore con la giovane Kathy che lascerà per contrarre un matrimonio di convenienza.
Rimasto vedovo, dagli Stati Uniti si trasferisce in Svizzera in una lussuosa villa ricca di opere d’arte e mobili pregiati. Corteggiato da molte donne da una di queste sente parlare della Scozia e in lui riaffiora la memoria del suo giovane amore. Decide così di tornare lì per cercare Kathy, ma scoprirà che la donna è deceduta lasciando una figlia, infermiera, che vive in restrittezze. David decide di occuparsi della giovane. Sarà in grado di farlo?

Romanzo drammatico, triste e bellissimo.
Un intreccio di umanità ed egoismo, di inganni e prove di riscatto, responsabilità e fughe, fino all’ultima, quella estrema.
Come ogni libro di Cronin l’ho letto con fluidità, mi ha coinvolto ed emotivamente scosso. Una vera denuncia verso chi mette il bene materiale davanti a qualsiasi evento che coinvolge la vita, una denuncia a quanto sia fugace e precario il valore dei beni materiali.

2 commenti »

ll buio oltre la siepe (Uccidere un passerotto) – Harper Lee

Jean Louise e Jeremy sono figli di Atticus, avvocato vedovo che si prende cura di loro con saggezza, supportato da Calpurnia, domestica di colore.
I due bambini sono vivaci, gioiosi e in estate vengono raggiunti da Dill, nipote di una vicina e inventore di storie.
Sulla stessa strada dove vivono c’è una casa chiamata “la casa misteriosa” dove vive Boo, che non esce mai, il padre non glielo permette. I ragazzi ne hanno paura ma ne sono anche affascinati.
Atticus deve difendere Tom Robinson, bracciante nero, accusato di aver violentato e picchiato una ragazza bianca. Atticus riesce a dimostrare la sua innocenza e a dimostrare che il vero colpevole è il padre della ragazza; malgrado questo, la giuria, composta da bianchi razzisti, giudica Tom colpevole. Tom tenta la fuga e viene ucciso dalle fucilate delle guardie… come un uccellino indifeso. Bob Ewell, padre della ragazza stuprata, odia tanto Atticus che una sera tenta di uccidere Jem e Scout mentre tornano a casa da una festa. In aiuto dei bambini arriva Boo che uccide Ewell, ma non verrà accusato dallo sceriffo, che fa passare l’omicidio per un incidente.

 

L’ho letto a 14 anni, poi a 30 e qualche giorno fa.
Libro scritto benissimo, a me piace molto per la spontaneità di cui è pervarso malgrado la commovente drammaticità dei temi trattati, temi ancora oggi attualissimi: bianchi, neri, poveri, emarginati, bambini, adulti, pregiudizi, diversità…ma il fulcro del libro è senz’altro il razzismo. Una trama coerente e godibile. Anche la figura di Scout è coinvolgente, anticonformista se si pensa al periodo in cui è ambienta la storia. Lo definirei un libro di formazione.

 

 

 

 

8 commenti »

Il silenzio di Marta – Paola Pioletti

“Il ticchettio non fa l’orologio”

Marta vive a Bibury in una “cucchiaiata di zucchero”, ha un orologio con le lancette ripiegate, non veste alla moda, vive con Miss Nitting e la gallina Autumn, ha due amiche del cuore, Marge e Cloe, svolge un lavoro che le permette di vivere nella natura, il birdwatching. Sogna e forse i sogni non sono poi così irrealizabili.

“…Che strana cosa i sogni vero? Spesso volano liberi e leggeri per poi schiantarsi su una lastra d’acciaio che ghiaccia tutto….”

Un libro dalla scrittura pulita, l’ho letto come se stessi guardando una galleria di quadri, ogni frase è un’immagine, un libro che racconta una favola con dentro la vita reale.
E ci sono immagini, i bellissimi disegni di Paola che, con la sua mano e la sua originalità li ha resi fantastici.

7 commenti »