TUTTOLANDIA

"…il posto che mi piace si chiama mondo…"

Palazzo Sogliano – Sveva Casati Modignani

A Palazzo Sogliano vive una dinastica famiglia di corallari di Torre del Greco.
Orsola, i suoi figli e la suocera, sono riuniti per un pranzo a cui manca solo Edoardo, ma uno squillo di telefono mette fine all’attesa, l’uomo non tornerà più a causa di un mortale incidente d’auto.
La morte dell’uomo farà emergere un segreto: un’altro figlio.

 
Ora, dopo aver letto questo libro alle mie amiche (ecco mi sento tanto una funne del circolo pensionate Rododendro, https://tuttolandia1.wordpress.com/2017/01/24/funnele-ragazze-che-sognavano-il-mare-katia-bernardi/ 😀 ) ho detto loro che mai più avrei letto libri di questa autrice. Solita famiglia di ricchi, soliti amori, solite storie contemporanee che si intrecciano al passato, solite donne forti e umane fino all’inverosimile, tanto melense, dopo essere state presentate come dure e toste, da dover esigere un caffè amaro.
Una lettura scontata, prevedibile, noioso, deludente fino all’inverosimile, personaggi descritti tanto per riempire le pagine. Fallimento completo. Ma alla Casati gli piacciono le principesse che da povere diventano ricche? (io salvo solo Cenerentola, guai chi me la tocca!) Ma la conosce la vita reale?

 

Prossimo giro (ormai l’impegno c’è), se vogliono una mia lettura scelgo io (vabbè è poco democratica la cosa, ma sinceramente se devo “sprecare” il mio tempo….)

9 commenti »

Donne – Andrea Camilleri

  Quasi un’autobiografia raccolta in storie d’amore.
La scoperta dell’universo femminile.

 

 

39 donne.
39 ritratti di femminilità diverse, sentimenti, emozioni.
Amore e odio che attraversando i secoli hanno coinvolto le donne fino ad oggi. Romanzate e reali le donne di Camilleri divertono, intrigano, fanno sognare.
Ho adorato il racconto su Elena di Troia.
Un libro visto con gli occhi di un uomo che ama le donne, da leggere con leggerezza, con facilità, una lettura che non impegna ma coinvolge.

 

 

“Le ho amate tutte, per un’ora
o per sempre. Alcune con grazia,
altre con irruenza, altre ancora
le ho solo immaginate.
Senza di loro, non sarei stato io.”
Andrea Camilleri.

25 commenti »

Brida – Paulo Coelho

  La ventunenne Brida O’ Fern, irlandese,  vuole diventare una strega, quella che potrebbe essere l’altra parte di se, quella parte che l’attrae verso la magia..
Per avviare questo percorso chiede aiuto ad un mago, uomo solitario, che la metterà alla prova con una serie di ostacoli che gli faranno capire che l’amore è il tramite per accedere al mondo spirituale. Il mago sa che lei è la predestinata, avendo in se una sensibilità rara. Brida farà un viaggio nelle donne del passato.

 
Libro consigliatomi da Gianni del blog http://giannipianofortista.blogspot.it.  Il libro è basato su una storia vera.
La trama è intrisa di misticismo, spiritualità, religione, magia, esoterismo, reincarnazione, amore.
Il libro è piacevole da leggere anche se non particolarmente coinvolgente, i fili della trama si intrecciano e a volte si perdono. Però mi è piaciuto attraversare le donne del passato.

 

 

 

11 commenti »

Il cacciatore di aquiloni – Khaled Hosseini

book1  Due ragazzi: Amir, afgano di etnia pashtun; Hassan, afgano di etnia hazara, bravissimo nel tiro con la fionda. Vivono a Kabul.
I due sono grandi amici anche se Hassan e Alì, suo padre, lavorano come domestici per Baba, padre di Amir.  Anche Baba è amico di Alì.
Hassan ha il labbro leporino è Baba si propone di pagargli l’intervento chirurgico anche se il costo è elevato, Baba ha un forte affetto per questo ragazzo e glielo dimostra spesso, mentre per il figlio Amir ha una certa freddezza, ritenendolo la causa della morte della moglie dopo il parto.
Amir si rifugia così nel conforto di Daniele Carusim, amico del padre, appassionato come lui di letteratura.
Amir ed Hassan crescendo decidono di partecipare a quello che è il gioco più importante della città: la caccia agli aquiloni, dove bisogna tagliare il filo dell’aquilone degli avversri e impossessarsene.
Amir riuscirà a vincere la competizione con l’aiuto di Hassan. Ma questa vittoria costerà cara ad entrambi, minerà la oro amicizia e il rapparto tra Baba e Alì.
Amir e suo padre scapperanno in America, dove il agazzo troverà l’amore e dove Baba morirà.
Ma il passato si riaffaccerà nella vita di Amir nelle vesti di Rahim; il passato porterà Amir di nuovo nel suo paese d’origine dove conoscerà una verità sconvolgente, dove si metterà a confronto con i demoni della sua adolescenza, dove cercherà di annodare i fili di un imprevisto destino tramite Sohrab. Suo nipote.

 
Lo so, un libro “datato”, ma io e Meli lo abbiamo riletto insieme, a lei era stato assegnato un compito proprio su questo romanzo.
Sinceramente rileggerlo è stato bello, mi sono rituffata in un mondo scomparso, ho riprovato emozione, dolore, rabbia.
Un libro dove si parla di amicizia, coraggio, paura, dolore, amore, guerra, destino.

Abbiamo deciso di rivedere anche il film.

14 commenti »

Il grande futuro – Giuseppe Catozzella

9788807031762_0_0_300_80  Alì, ancora piccolo, mette il piedi su una mina. Si salva ma porterà una cicatrice sul corpo che segnerà per sempre la sua vita.
La madre gli cambia nome chiamandolo Amal, speranza. Amal è figlio di servi, generazioni che servono la famiglia di Ahmed, suo grande amico.
Nell’isola dove vive conoscerà la pace in famiglia, la guerra tra l’Esercito Regolare e i Neri, la parola rassicurante del mare, il tradimento, l’abbandono.
Cercherà se stesso nella Grande Moschea del Deserto, dove incontrerà religione, integralismo, ascetismo, solitudine, odio, amore. Dove lascerà l’innocenza dell’infanzia per capire il segreto del padre.
Diverrà guerriero, marito, padre.

 

Una storia intrisa di pathos, anche leggende, ma tratto dalla storia vera di un ex fondamentalista.
Racconto scritto bene che ci fa confrontare con il mondo islamico; vale la pena leggerlo per capire dove inizia il male e dove va a sfumare per trovare il bene e viceversa, per capire quanti io possiamo avere dentro.
Personalente a volte ho provato rabbia, a volte tristezza, a volte poesia. Ho comunque conosciuto un mondo in parte sconosciuto anche se tanto attuale.

9 commenti »

Funne/Le ragazze che sognavano il mare – Katia Bernardi

index 12 ottantenni di Daone, Trentino, organizzano una raccolta fondi per andare a vedere il mare.
Le “funne”, cioè le “donne” secondo il dialetto locale, fanno parte del circolo pensionate “Rododendro”, dove si gioca a tombola, si balla, ci si racconta della vita, si sogna di abiti meravigliosi.
Molte di loro non hanno mai visto il mare e nell’occasione del ventesimo anniversario del circolo vorrebbero concedersi questa gita.
Ma economicamente il circolo è in deficit e le “ragazze”, tutte più o meno ottantenni, cercano un’idea: vendere torte? fare un calendario? vendere ricami? le idee non mancano.
Cosa escogiteranno queste irriducibili per coronare un sogno?

60637_ppl
La storia raccontata in questo libro è vera.
Tra le imponenti montagne innevate le funne fanno partire un sogno, un’avventura che le porterà anche ad organizzare un croadfanding. Il sogno è il mare della Croazia.
Tra le righe troveremo sorrisi, dolori, invidie; conosceremo la forza della presidentessa del circolo, Erminia, un vulcano di idee, Iolanda, che prepara le migliori torte di mele del paese, Armida, bravissima ballerina di liscio…. funne
Divertente la descrizione del calendario, della sua realizzazione, anche grazie a Massimo il fotografo, della personalità di ogni funne, interessante la dscrizione delle loro vite nel quotidiano. Un libro che scorre veloce.
E’ una storia poetica che sembra irreale, che ci insegna che per sognare non c’è età, che l’energia non ha età, che la curiosità non ha età.
Che un calendario può avere tredici pagine.

coverlg_home

 

funne_poster  Su questa storia è stato girato anche un documentario (sempre di Katia Bernardi) simpaticissimo, da vedere se vi capita. La storia ha fatto il giro del web e del mondo.

funne-le-ragazze-che-sognano-il-mare_imagefullwide

20 commenti »

La ragazza che guardava il cielo -Alberto Reggiori

“Cominciava a conoscere il cerchio delle stagioni, gli acquazzoni con l’arcobaleno, i cieli solcati dalle andide nubi imponenti come velieri, i campi prosciugati durante la siccità, il sorgere del sole quando accompagnava la madre a prendere l’acqua, i tramonti gialli e caldi mentre si accendevano i primi fuochi per cucinare la cena, le paurose notti nere come la pece ….Epoi i saggi consigli che sua madre le regalava durante il cammino, o le storie spaventose, piene di spiriti e malochio….”

ragazza-guardava-cielo-reggiori_5_1  Zamu nasce in Uganda nel 1962.
Mentre la madre grida di dolore viene sancita l’indipendenza del Paese che però scivolerà nella dittatura.
Zamu è intelligente e forte, vuole studiare, ma ciò non gli impedisce di essere data come sposa, a solo sedici anni, ad un uomo mai visto e tanto più vecchio di lei.
Zamu tra un matrimonio e l’altro avrà dei figli che crescerà da sola, nella disperazione, fino ad arrivare ad una disperazione immensa, quando gli verrà diagnosticata l’Aids.
Zamu conoscerà l’Amore di una forza divina che gli farà comprendere la fede e la porterà a lottare per se ma soprattutto per gli altri. Per questo Amore cambierà il suo nome in Veronica.

 

“Le vie di accesso al continente nero erano costellate di croci piantate su tumuli di terra. L’Africa non si concedeva a buon prezzo e usava le sue invincibili armi per non lasciarsi violare: le malattie, il clima e la natura feroce”

Non è un racconto di fantasia, è una storia vera di una giovane donna malata, che ha conosciuto violenza, dolore, abbandono, miseria, ma anche speranza e riscatto. A raccontarla in questo meraviglioso libro è Alberto Reggiori, il medico italiano che ha curato Zamu a Hoima.
Troveremo tradizioni africane ancestrali, come la sposa bambina, la pratica di fango e cenere che da secoli le levatrici spalmano sulle partorienti durante il travaglio, conosceremo la fuga dalla guerra, il flagello devastante dell’Aids, conosceremo l’Avsi* e il Meeting Point**, conosceremo l’Highly Active Anti-Retroviral Therapy , combinazione di tre farmaci che tiene in vita molti malati di AIDS.
Il libro ha un’impronta cristiano/cattolica, ma è scritto con umiltà e immensa umanità.
Mi ha commosso questo libro, la storia di questa donna è struggente e dolorosa, ma non so perchè mi fa sognare di un’Africa meravigliosa, dove ancora, in alcune zone, le donne non possono frequentare la scuola e sono trattate come merce.
Mi ha affascinato la forza di questa giovane che non ha mai rinunciato a guardare le stelle e pregare (e posso solo immaginare quanto sia bello il cielo stellato in quel travagliato meravigliso continente), che non ha esitato a farsi chiamare Veronica, colei che allevia…

“…una tradizione africana: chi guarda un leone negli occhi e sopravvive sarà invincibile.”

* AVSI: fondazione per uno sviluppo sostenibile e capace di rispondere ai bisogni reali delle persone, impegnata soprattutto alla difesa e valorizzazione della dignità della persona.
** Meeting Point:centro creato da un malato di AIDS per trattare in modo più umano chi è ammalato.

4 commenti »

Storie della citta’ di Dio – Pier Paolo Pasolini

bbb Un libro diviso in due parti: Racconti romani – Cronache romane.
Passeggerete nelle borgate romane: Testaccio, la Garbatella, Pietralata, il Tufello, il Quadraro, Tor Marancio, Primavalle, il Mandrione…
Sfiorerete Trastevere, Borgo Panico, Campo de’Fiori, Monte Mario Monteverde, San Paolo, Monte Sacro…

 

 

Grande Pasolini, meraviglioso libro, da non perdere.
In quei luoghi ho vissuto, ho assorbito i racconti di mio padre e li ritrovo in queste pagine.
Il racconto Castagne e crisantemi è bellissimo, poetico.
Il racconto Santino nel mare di Ostia mi ha emozionato particolarmente.
In Donne di Roma scoprirete Anna Magnani, ho sempre pensato agli occhi di questa donna stupenda e quelli di Pasolini…malinconici, a volte tristi, qualcosa li univa, continuo a pensarlo.
Mi sono emozionata a legger di Vicolo del (der) Cinque, dove mio papà ha vissuto per un periodo della sua vita, “….un povero budello di sampietrini e vecchi matoni, adagaito ormai nella notte, col sole che dardeggia tiepido sui tetti….”
E parla di Terracina, er mare dei romani…, “Erano nubi disordinate e pesanti…..nel centro si squarciavano, e qua e là affiorava il cielo, azzurrino o giallo, e verso sinistra…il sole faceva cadere un ventaglio di raggi, come riflettori puntati su un solo specchio di mare, che quindi luccicava, in quel punto, come una spada nuda…”

 

La sua scrittura mi incanta, le sue descrizioni mi trasportano in altra dimensione.
Pasolini era l’uomo che sapeva guardare oltre.

4 commenti »

33 giorni – Léon Werth

“Bisogna allattare a lungo un neonato prima che impari a pretendere. Bisogna coltivare a lungo un amico prima che reclami il suo debito di amicizia. Bisogna essersi rovinati per generazioni a riparare il vecchio castello che crolla, per imparare ad amarlo.”
33gg 1940, i tedeschi avanzano minacciosi verso Parigi quando ormai la guerra per i francesi sembra perduta; Léon Werth e la moglie fuggono verso Saint-Amour, nel Canton Giura, Svizzera. Il loro mezzo di trasporto è la vecchia Bugatti.
Il viaggio di solito dura nove ore. Ci vorranno trentatré giorni.

 

“…il 12 giugno, ripartiamo alle quattro di mattina….
Alla sera ci fermiamo..Abbiamo fatto sedici chilometriin quindici ore.”

“La carovana avanza a passo d’uomo, cento metri, cinquanta metri cinque metri.”
“Alla velocità di due cilometri all’ora, oggi ne abbiamo fatti venticinque.”

“…riesco a fare quattro chilometri in meno di un’ora. Fa giorno…Alla fine della giornata, avremo percorso una decina di chilometri.”

 

E’ un libro questo che era destinato ad essere conosciuto, malgrado le avversità a cui andò incontro.
leon-w Il libro è rimasto per decenni nascosto fino a quando Antoine de Saint-Éxupery, amico di Werth e autore del Piccolo principe che dedicò proprio all’amico, lo portò negli Stati Uniti dove nessun editore volle pubblicarlo. Solo nel 1992 sarà pubblicato da Viviane Hamy (editore francese) senza prefazione di Saint-Éxupery, andata perduta che fu ritrovata nel 2014 da uno stagista francofono, che lavorava presso una piccola casa editrice americana, la Melville House.
lw Léon Werth rimase in Francia perché di origini ebraiche, ma la loro profonda amicizia non cessò mai di esistere anche se non si videro più. era un legame di profondo affetto, rispetto, ammirazione.
Un libro che racconta senza giudicare, che presenta i fatti come li ha vissuti l’autore, un resoconto preciso e senza illusioni, un diario di fuga tra dormite nei campi e l’offerta di un tetto o del mangiare; racconta la fuga di milioni di francesi tra cui i soldati, una fiumana che fugge a bordo du qualsiasi mezzo, con poche cose, se non la disperazione che la storia ci mette davanti in alcuni momenti, racconta la resistenza di alcuni di loro verso i nazisti, racconta dei collaborazionisti.
Un racconto che ho trovato meraviglioso nella sua drammaticità, che mostra paure e sentimenti, che parla di una generazione che spesso non ha oltrepassato la gioventù (e non parlo solo fisicamente, è invecchiata dentro), che mi fa pensare a quanti anni sono trascorsi fino ad oggi e che ancora tutto il vissuto niente ci ha imparato.

 

sur-les-routes-de-l-exode-avec-andrzej-bobkowski-et-leon-werthm269862

“D’altro canto, una trascrizione nuda e cruda degli eventi è impossibile. I fatti si mescolano alle emozioni e ai giudizi…”

“Che cosa è vero? La guerra, la politica, l’uomo, Dio? Dio forse esiste, ma più lontano di dove l’hanno messo le religioni. Per come ci viene presentato, è una soluzione facile, buona per la pace e buona per la guerra, buona per i santi e per i criminali…. Ma non ho più la forza di andare a cercare in un paesino la storia e le sue ripercussioni. Aspetto che sia la storia a venire da me…Ciò che chiamiamo storia non può essere la più vana delle illusioni umane? Ciò che attribuiamo alla storia, alle guerre e alle potenze in tempo di pace, non è un segno della nostra incapacità? Facciamo la storia come un mlato fa una malattia. Siamo responsabili della storia come i matti sono responsabili della creazione dei manicomi.””

5 commenti »

Bianco su Nero – Ruben Gallego

bianco-su-nero “…io piangevo sui libri.Come accade anche per gli uomini, ci sono libri e libri…anche i fumetti sono libri…non fanno piangere i bambini. Perchè bambini allegri non hanno alcun bisogno di piangere sui libri…invce io leggevo un libro, e piangevo .Piangevo di impotenza e di invidia…Certi libri ti fanno cambiare il modo in cui vedi il mondo, dopo certi libri vorresti morire, oppure vivere diversamente.
Se vuoi capire qualcosa, o chiedi a qualcuno, o chiedi ad un libro. Anche i libri sono uomini. E come gli uomini, anche i libri ti possono aiutare; e come gli uomini, anche i libri mentono. Io non leggevo tanto per leggere, io volevo capire come era fatto il mondo. volevo sapere come stare al mondo….”

 
Mosca, 1968,: la figlia del segretario del partito comunista spagnolo in esilio e uno studente venezuelano hanno una relazione, da questa nascono due gemelli, uno muore subito, l’altro, cerebroleso, non usa nè braccia nè gambe; tolto alla madre, viene internato in un orfanotrofio insieme ad altri handicappati. L’altro è Rubén.

 

“Il programma prevedeva che gli studenti ci coinvolgessero in qualche iniziativa, che ci aiutassero a fare i compiti e via discorrendo. la maggior parte di loro, però, ci guardava come se avessimo vauto la lebbra…Come descivere altrimenti i loro occhi strabuzzati e il malcelato disgisto?”
Dopo una serie di trasferimenti, nel 1990, riesce a scappare dall’ultimo ospizio che srebbe stata per lui la soglia della morte.

 

“…L’automobile si allontana a tuta velocità dall’ospizio, dalla prigione e da quel bastardo di guardiamo. Che bellezza.
La libertà.”
aurora Rubén inizia le ricerche per ritrovare la madre e quando la incontrerà inizierà a scrivere la sua storia.

 
Un libro autobiografico (il bambino sulla copertina è lui), un romanzo agghiacciante che narra l’orrore con cui ha attraversato l’infanzia.

 

“…per un attimo, un attimo solo, rammentò d’essere stato un uomo…Era finita. prima c’era un uomo, ora non c’è più.”

gallego                                                            gallego_33

Battendo sul computer con un solo dito, Ruben libera tutti i suoi ricordi e ci racconta di sopravvivenza, infelicità, solitudine, impotenza, umiliazione, fame, freddo…
Non manca l’ironia in questo libro e nenanche la poesia (il cane, la studentessa che danza…), non è un libro patetico, anzi, c’è la forza di vivere. Nonostante tutto.
Vi commuoverete, emozionerete, soffrirete, vi si torcerà lo stomaco nel cercare di immaginare….cercare, perchè è impossibile capire fino in fondo se non si vivono situazioni tragiche come questa, ma vi leggerete anche tanta speranza.
Se non avete paura di “sapere” leggetelo, anche se in modi diversi, l’uomo, in ogni parte del mondo, sa pianificare e creare il male, l’assurda cattiveria.
Non è un capolavoro, la scrittura, anche per ovvi motivi, non è ricercata, ma proprio la sua semplicità, essenzialità vi farà leggere senza intoppi tutto il racconto.
Ho trovato molto toccante il capitolo: La spagnola.

ruben

“… In russo si può tradurre quasi tutto…Quasi tutto. Quasi..,I go. Una frase intraducibile in russo.”

“Questa è l’America. Qui tutto si compra e tutto si vende. E’ un paese crudele, tremendo. Dove non puoi contare sulla pietà. Ma di pietà ho già fatto indigestione in Russia. Il business mi va più che bene.
Questa è l’America.
-Cosa vende?-
-Un giorno di libertà…-“

2 commenti »