TUTTOLANDIA

"…il posto che mi piace si chiama mondo…"

Giorno della Memoria- 27 gennaio 2018

I clandestini del mare –  Sereni Ada

Le difficoltà , i sacrifici, i dolori, degli ebrei sopravvissuti ai campi di sterminio, che dovettero affrontare la navigazione, dopo la guerra del 1945, per raggiungere la Terra Promessa, Erez Israel, Israele, terra ancora chiusa all’immigrazione dagli inglesi.
Sereni Ada fu l’aiuto inaspettato.

Ada Ascarelli nasce a Roma nel 1905 da un’illustre famiglia ebrea, Il padre muore che Ada è ancora in giovane età.
Si iscrive al liceo Mamiani dove conosce Enzo Sereni, che diverrà suo maito.
Dopo aver ottenuto la laurea in filosofia Enzo aderisce al movimento sionista, Ada abbandona la Facoltà di lettere e decidono, nel 1926, a due anni dal matrimonio, di migrare in Palestina e lasciare l’Italia fascista, vogliono costruire Erez Israel, la Terra d’Israele. Malgrado contrastati dalle famiglie partono con la loro bambina Hana
Nel 1928, in Palestina, contribuiscono a fondare il grande kibbutz Ghivat Brenner (Tel Aviv), ancora oggi uno dei maggiori di Israele. Intanto mascono Hagar e Daniel.
Il fascismo e il nazismo intanto iniziano a mietere vittime e vengono ordinate le leggi razziali. La madre di Ada riesce a sfuggire al rastrellamento del 16 ottobre 1943, a Roma, rifugiandosi presso il convento delle suore di Notre-Dame de Sion.
Nel 1944 Enzo si arruola nella Brigata ebraica dell’esercito inglese; quando l’Hagana e il Palmach, le due formazioni militari dell’Yishuv, decidono di lanciare alcuni uomini dietro le linee tedesche per prendere contatto con gli ebrei e incitarli a combattere, Enzo accetta.
Fingendosi ufficiale inglese è paracadutato nella notte tra il 14 e il 15 maggio 1944 nell’Italia settentrionale, oltre la linea gotica. Ada non ne saprà più nulla fino a quando, finita la guerra, tornerà in Italia alla ricerca del marito. Scoprirà che, dopo essere stato paracadutato, era stato fatto prigioniero, torturato a Verona, transitato nel campo di Bolzano, internato a Dachau, dove venne fucilato nel novembre 1944.
Ada decide di restare in Italia dove si lega al movimento dell’ immigrazione clandestina (trasferimento in Palestina dei sopravvissuti della shoah) dove diventa un importante componente della organizzazione, anche grazie alla conoscenza perfetta dell’ italiano, dell’ ebraico, del francese e inglese, del tedesco e arabo. Si parla di circa 25.000 ebrei salvati.
Il 14 maggio del 1948 viene fondato lo Stato di Israele.
Ada muore a Gerusalemme il 24 novembre 1997, verrà sempre ricordata come una donna giusta, le venne assegnato il Premio Israel per il contributo particolare alla società e allo stato ebraico.

Annunci
2 commenti »

La vedova Van Gogh (titolo originale La vedova dei Van Gogh) – Camilo Sánchez

“A momenti, quando la natura è bella come in questi giorni, sento una terribile lucidità.
Poi mi dimentico di me stesso, e il dipinto mi viene come in sogno.”

 

Van Gogh scrisse molte lettere al fratello, di questo carteggio ne venne in possesso la moglie di quest’ultimo, Johanna Van Gogh-Bonger. Pur non conoscendo a fondo l’artista Johanna si prese carico di leggelre tutte e di recuperare le opere che la suocera, Anna Cornelia Carbentus, aveva lasciato a Parigi, di quelli dimenticati nei ripostigli, di quelli utilizzati come tappabuchi, questo gli permise di organizzare la prima mostra di quadri del cognato, ad Amsteram, e pubblicare il carteggio.
Johanna dopo il suicidio di Van Gogh e la morte del marito, che non seppe reagire alla perdita dell’amatissimo fratello, decide di leggere tutte le lettere, quasi a voler mitigare il dolore per il lutto, per la sua vedovanza di giovane donna con un bimbo da crescere (che porta lo stesso nome dello zio); nelle lettere conoscerà l’anima, la fatica del vivere, la visione poetica, l’uso che del colore di Vincent, capì il suo modo di guardare il mondo.
Nasce così un diario in cui la donna racconta le sue emozioni, ma anche le descrizioni poetiche che l’artista fa dei suoi quadri e di quelli di altri artisti; un viaggio dal baratro alla cima, una battaglia che la vedrà affiancata da Willelmina, sorella dei Van Gogh, anche lei donna emancipata e fuori dai schemi femminili dell’epoca.

 

Questo bellissimo, sringato, emozionale libro, ci racconta come le opere di Van Gogh conobbero la luce e il meritato successo artistico, ci racconta annedoti sconosciuti della sua vita .
Ma la protagonista è Johanna Van Gogh-Bonger, traduttrice, giovane donna vedova che si lascia affascinare dalla poesia e dal colore che il cognato descrive nelle lettere destinate al fratello Theo; una donna che riesce a diventare imprenditrice di se stessa (apre una locanda, l’adorna con 200 quadri del cognato, tratta e contratta con critici d’arte, galleristi…) e a far conoscere i quadri dell’artista, uno tra i più grandi pittori mai nati. Una donna che definirei “contemporanea” per il suo modo di gestirsi e di vedere oltre le apparenze dell’epoca.
Questo libro mi è entrato nel cuore, io che amo il colore e la poesia e l’arte ho vissuto ogni parola e ogni pagina come un meraviglioso sogno, una poesia di vita e di speranza, quella che la bellezza delle parole e dell’immagine possano vincere sempre e comunque sulle bruttture che questo scorcio di secolo ci sta gettando addosso in continuazione.
Devo ringraziare Camilo Sánchez per avermi fatto conoscere questa figura fondamentale (di cui ne ero a conoscenza ma non così dettagliatamente) per la scoperta dell’artista e dei suoi quadri.
Se non lo avete fatto leggete questo romanzo suggestivo, intimo, affascinante, dove scoprirete il ritratto di una meravigliosa donna, di un artista definito pazzo, con una grande umanità e sensibilità.

“Se ogni stile fosse una vita, Van Gogh avrebbe vissuto almeno otto vite in un decennio…”

9 commenti »

I libri sono tesoro

“Certi libri costituiscono un tesoro, un fondamento; letti una volta, vi serviranno per il resto della vita”

Ezra Pound

41 commenti »

Attesa di Dio – Simone Weil

“Ritengo che bisogna sostenere sempre ciò che si pensa, anche se così si sostiene un errore contro una verità. Ma nel contempo bisogna pregare ininterrottamente per ottenere più verità ed essere pronti in qualsiasi momento ad abbandonare la propria opinione, quale che sia, non appena l’intelligenza abbia ricevuto luce. Ma non prima di allora”.

 

La ricerca difficile, disperata della scrittrice verso la “verità assoluta”.
Una vita breve alla ricerca e nell’attesa di vivere spiritualmente e fisicamente l’amore di Dio.
Considerazioni, lettere, testi, saggi, una raccolta di scritti che presentano il pensiero di Simone Weil svelandone l’intimo più segreto, dove presenta una religione basata, si sulla preghiera, ma anche sulla ragione, la parte che gli impedì di entare nella Chiesa cattolica.

 

Ho letto con difficoltà questo libro straordinario che mi ha presentato come l’intelligenza e la fede possano coesistere.
La profondità dei pensieri della Weil mi ha spesso obbligato a leggere e rileggere le pagine, anche perchè nel libro mi si apre una visione non comune, originale, dal normale modo di pensare e guardare il mondo religioso.
Vita e pensiero, ricerca e partecipazione…pensieri affascinanti, alcuni mi hanno letteralmente “acchiappato” emotivamente, un percorso che trovo attuale se penso alla società in cui viviamo in relazione alla cristianità; un pensiero rispettoso anche nelle critiche alle Chiese, a cui non perdona il pensiero indotto che ha sempre confezionano; il suo punto maggiore è l’insegnamento di Gesù, è lo studio della figura di Cristo; la ricerca della scrittrice passa per l’intelletto non per l’appartenenza religiosa o per la gerarchia ecclesiastica.
Per la scrittrice l’attesa e lasciare aperta l’anima, svuotata dai pregiudizi per ricevere la luce di Dio.
Il libro fu pubblicato postumo.

 

Simone Weil visse in ritiro per quattro anni prima di narrare come l’aveva affascinata irrimediabilmente una poesia di George Herbert:

“Nel 1938 ho passato dieci giorni nell’abbazia di Sollerno, dalla domenica delle Palme al martedì di Pasqua, seguendo tutte le funzioni. Un giovane inglese cattolico mi fece conoscere quei poeti inglesi del 600 che venivano detti metafisici, più tardi nel leggerli vi ho scoperto una poesia intitolata “Amore”, l’ho imparata a memoria e spesso, nei momenti culminanti delle violenti crisi di emicrania, mi sono esercitata a recitarla, ponendovi la massima attenzione e aderendo con tutta l’anima alla tenerezza che essa racchiude. Credevo di recitarla soltanto come una bella poesia, mentre a mia insaputa quella recitazione, aveva la virtù di una preghiera, fu proprio mentre la stavo recitando che Cristo è disceso e mi ha presa”.
Nel monastero benedettino di Solesmes (Francia), aveva incontrato un giovane durante la settimana santa che le aveva fatto scoprire il testo di George Herbert; la Weil era arrivata a Solesmes particolarmente sofferente, tormentata da devastanti emicranie che la tormentavano da tempo, la poesia la recitava quando le emicranie erano insopportabili.

Amore

L’Amore mi accolse; ma l’anima mia indietreggiò,
colpevole di polvere e peccato.
Ma chiaroveggente l’Amore, vedendomi esitare
fin dal mio primo passo,
mi si accostò, con dolcezza
domandandomi se qualcosa mi mancava..
«Un invitato» risposi «degno di essere qui».
L’Amore disse: «Tu sarai quello».
Io, il malvagio, l’ingrato? Ah! mio diletto,
non posso guardarti.
L’Amore mi prese per mano, sorridendo rispose:
«Chi fece quest’occhi, se non io?»
«È vero, Signore, ma li ho insozzati;
che vada la mia vergogna dove merita».
«E non sai tu» disse l’Amore «chi ne prese il biasimo su di sé?»
«Mio diletto, allora servirò».
«Bisogna tu sieda», disse l’Amore «che tu gusti il mio cibo».
Così mi sedetti e mangiai.

 

 

 

 

13 commenti »

Leggiamo?

“Leggete per vivere”

Gustave Flaubert

 

Nel tardo pomeriggio ho assistito ad una conferenza sulla lettura e il teatro; l’avvenimento è stato organizzato da un’associazione privata culturale allo scopo di sensibilizzare i cittadini dell’area in cui vivo.
Ci potete credere se vi dico che eravamo in dieci? Mi sarei messa a piangere, e non credete che l’assenza sia dovuta a ferie o simili…è sempre così quando si tratta di cultura.
Da un sondaggio fatto risulta che qui pochissimi leggono e ancor meno vanno a teatro (e vi posso garantire che è vero, esperienza diretta).
Uscita dalla conferenza mi è venuto di pensare che i tagli sulla cultura che in Italia si fanno  qui neanche se ne accorgono, interessa a ben pochi 😦
Già lo stato ci mette di suo per distruggerla, spererei almeno che noi cittadini riusciamo ad impedire uno scivolone verso la “povertà” che ciò comporta. A tutti i livelli sociali, non è solo per alcuni.
Se solo penso a quanto sia bello leggere, è un viaggio: nel tempo, nello spazio infinito, in strade nuove da esplorare, nelle vite in cui ti puoi immergere.
E sono lieta che mia figlia, che usa il computer tantissimo, va al cinema (televisione quasi zero come me), ritiene i libri ancora una priorità assoluta. Una magia. Lei dice che leggere è tante vite; su di un foglio che è attaccato nella sua camera ha scritto una frase tratta da un libro che ha letto, una frase che secondo lei dice tutto ciò che pensa dei libri,”Mi taglio sfogliando il mio libro preferito. Questo è amore.”

 

“…Rilassati. Raccogliti. Allontana da te ogni altro pensiero.
Lascia che il mondo che ti circonda sfumi nell’indistinto.
La porta è meglio chiuderla; di là c’è sempre la televisone accesa.
Dillo subito, agli altri:”No, non voglio vedere la televisione!”
Alza la voce, se no non ti sentono:”Sto leggendo! Non voglio essere disturbato!”

Italo Calvino
da Se una notte d’inverno un viaggiatore

19 commenti »

Palazzo Sogliano – Sveva Casati Modignani

A Palazzo Sogliano vive una dinastica famiglia di corallari di Torre del Greco.
Orsola, i suoi figli e la suocera, sono riuniti per un pranzo a cui manca solo Edoardo, ma uno squillo di telefono mette fine all’attesa, l’uomo non tornerà più a causa di un mortale incidente d’auto.
La morte dell’uomo farà emergere un segreto: un’altro figlio.

 
Ora, dopo aver letto questo libro alle mie amiche (ecco mi sento tanto una funne del circolo pensionate Rododendro, https://tuttolandia1.wordpress.com/2017/01/24/funnele-ragazze-che-sognavano-il-mare-katia-bernardi/ 😀 ) ho detto loro che mai più avrei letto libri di questa autrice. Solita famiglia di ricchi, soliti amori, solite storie contemporanee che si intrecciano al passato, solite donne forti e umane fino all’inverosimile, tanto melense, dopo essere state presentate come dure e toste, da dover esigere un caffè amaro.
Una lettura scontata, prevedibile, noioso, deludente fino all’inverosimile, personaggi descritti tanto per riempire le pagine. Fallimento completo. Ma alla Casati gli piacciono le principesse che da povere diventano ricche? (io salvo solo Cenerentola, guai chi me la tocca!) Ma la conosce la vita reale?

 

Prossimo giro (ormai l’impegno c’è), se vogliono una mia lettura scelgo io (vabbè è poco democratica la cosa, ma sinceramente se devo “sprecare” il mio tempo….)

9 commenti »

Donne – Andrea Camilleri

  Quasi un’autobiografia raccolta in storie d’amore.
La scoperta dell’universo femminile.

 

 

39 donne.
39 ritratti di femminilità diverse, sentimenti, emozioni.
Amore e odio che attraversando i secoli hanno coinvolto le donne fino ad oggi. Romanzate e reali le donne di Camilleri divertono, intrigano, fanno sognare.
Ho adorato il racconto su Elena di Troia.
Un libro visto con gli occhi di un uomo che ama le donne, da leggere con leggerezza, con facilità, una lettura che non impegna ma coinvolge.

 

 

“Le ho amate tutte, per un’ora
o per sempre. Alcune con grazia,
altre con irruenza, altre ancora
le ho solo immaginate.
Senza di loro, non sarei stato io.”
Andrea Camilleri.

25 commenti »

Brida – Paulo Coelho

  La ventunenne Brida O’ Fern, irlandese,  vuole diventare una strega, quella che potrebbe essere l’altra parte di se, quella parte che l’attrae verso la magia..
Per avviare questo percorso chiede aiuto ad un mago, uomo solitario, che la metterà alla prova con una serie di ostacoli che gli faranno capire che l’amore è il tramite per accedere al mondo spirituale. Il mago sa che lei è la predestinata, avendo in se una sensibilità rara. Brida farà un viaggio nelle donne del passato.

 
Libro consigliatomi da Gianni del blog http://giannipianofortista.blogspot.it.  Il libro è basato su una storia vera.
La trama è intrisa di misticismo, spiritualità, religione, magia, esoterismo, reincarnazione, amore.
Il libro è piacevole da leggere anche se non particolarmente coinvolgente, i fili della trama si intrecciano e a volte si perdono. Però mi è piaciuto attraversare le donne del passato.

 

 

 

11 commenti »

Il cacciatore di aquiloni – Khaled Hosseini

book1  Due ragazzi: Amir, afgano di etnia pashtun; Hassan, afgano di etnia hazara, bravissimo nel tiro con la fionda. Vivono a Kabul.
I due sono grandi amici anche se Hassan e Alì, suo padre, lavorano come domestici per Baba, padre di Amir.  Anche Baba è amico di Alì.
Hassan ha il labbro leporino è Baba si propone di pagargli l’intervento chirurgico anche se il costo è elevato, Baba ha un forte affetto per questo ragazzo e glielo dimostra spesso, mentre per il figlio Amir ha una certa freddezza, ritenendolo la causa della morte della moglie dopo il parto.
Amir si rifugia così nel conforto di Daniele Carusim, amico del padre, appassionato come lui di letteratura.
Amir ed Hassan crescendo decidono di partecipare a quello che è il gioco più importante della città: la caccia agli aquiloni, dove bisogna tagliare il filo dell’aquilone degli avversri e impossessarsene.
Amir riuscirà a vincere la competizione con l’aiuto di Hassan. Ma questa vittoria costerà cara ad entrambi, minerà la oro amicizia e il rapparto tra Baba e Alì.
Amir e suo padre scapperanno in America, dove il agazzo troverà l’amore e dove Baba morirà.
Ma il passato si riaffaccerà nella vita di Amir nelle vesti di Rahim; il passato porterà Amir di nuovo nel suo paese d’origine dove conoscerà una verità sconvolgente, dove si metterà a confronto con i demoni della sua adolescenza, dove cercherà di annodare i fili di un imprevisto destino tramite Sohrab. Suo nipote.

 
Lo so, un libro “datato”, ma io e Meli lo abbiamo riletto insieme, a lei era stato assegnato un compito proprio su questo romanzo.
Sinceramente rileggerlo è stato bello, mi sono rituffata in un mondo scomparso, ho riprovato emozione, dolore, rabbia.
Un libro dove si parla di amicizia, coraggio, paura, dolore, amore, guerra, destino.

Abbiamo deciso di rivedere anche il film.

14 commenti »

Il grande futuro – Giuseppe Catozzella

9788807031762_0_0_300_80  Alì, ancora piccolo, mette il piedi su una mina. Si salva ma porterà una cicatrice sul corpo che segnerà per sempre la sua vita.
La madre gli cambia nome chiamandolo Amal, speranza. Amal è figlio di servi, generazioni che servono la famiglia di Ahmed, suo grande amico.
Nell’isola dove vive conoscerà la pace in famiglia, la guerra tra l’Esercito Regolare e i Neri, la parola rassicurante del mare, il tradimento, l’abbandono.
Cercherà se stesso nella Grande Moschea del Deserto, dove incontrerà religione, integralismo, ascetismo, solitudine, odio, amore. Dove lascerà l’innocenza dell’infanzia per capire il segreto del padre.
Diverrà guerriero, marito, padre.

 

Una storia intrisa di pathos, anche leggende, ma tratto dalla storia vera di un ex fondamentalista.
Racconto scritto bene che ci fa confrontare con il mondo islamico; vale la pena leggerlo per capire dove inizia il male e dove va a sfumare per trovare il bene e viceversa, per capire quanti io possiamo avere dentro.
Personalente a volte ho provato rabbia, a volte tristezza, a volte poesia. Ho comunque conosciuto un mondo in parte sconosciuto anche se tanto attuale.

9 commenti »