TUTTOLANDIA

"…il posto che mi piace si chiama mondo…"

Gazometro (o gasometro)

Se passate a ridosso della via Ostiense, a Roma, potete osservare un enorme cilindro metallico.
Oggi è considerato quasi una scultura, è il gasometro, o gazometro (come veniva chiamato una volta); intorno al gasometro si è sviluppato un quartiere che fa parte della Movida romana.
Il gasometro è il più grande d’Europ.
Fu costruito dalla società Ansaldo tra il 1935 e il 1937, voluto dal sindaco Ernesto Nathan. All’interno della struttura ancora visibile c’era un cilindro che si abbassava e alzava indicando la quantità di gas contenuto. Con l’arrivo del gas metano, intorno al 1960 il gasometro è caduto in disuso.

 

14 commenti »

A Roma c’è una gatta…

…a dire il vero ci sono tant gatti, Roma è nota anche per le sue colonie di felini, ma la gatta di cui voglio raccontare è particolare.


E’ una statua di marmo bianco che potete vedere nel Rione Pigna, proprio a Via della Gatta.
La gatta in questione sembrerebbe essere stata parte del Tempio di Iside, che, al tempo dell’antica Roma, si trovava in questa zona; il gatto era considerato sacro dagli antichi egizi che adoravano Iside; questa gatta sarebbe Bastet, proprio figlia di Iside e Osiride.
La statua è posizionata su un angolo di Palazzo Grazioli.
Su questa gatta ci sono diverse leggende, e noi romani siamo specialisti nel crearne, su ogni angolo della nostra stupenda e, ahimè, trascurata città; una leggenda racconta che la gatta miagolò quando vide un bambino sporgersi pericolosamente dal cornicione, così facendo attirò l’attenzione della mamma che lo salvò da quella che sarebbe stata una fatale caduta; un’alra leggenda racconta che la gatta iniziò a miagolare incessantemente per avvisare gli abitanti del rione di un incendio sviluppatosi di notte che, se non subito spento, avrebbe provocato vittime e danni; e ancora, la gatta sarebbe posizionata nel punto dove è sepolto un tesoro, ma non è stato mai trovato malgrado gli accertamenti effettuati; quella che piace di più a noi romani è quella che racconta dello sguardo…
Lo sguardo della gatta sarebbe puntato su un tesoro nascosto, ma per quanti lo abbiano cercato, nessuno lo ha mai trovato. Almeno ufficialmente.

 

 

 

32 commenti »

Buona festa dell’Immacolata a tutti i blogger

 

Per i “romani” la colonna dell’Immacolata è uno dei monumento fondamentali di Roma.
La colonna è dedicata al dogma dell’Immacolata Concezione che fu stabilito nel 1854 da papa Pio IX.
La colonna è situata in piazza Mignanelli.
Finanziata da Ferdinando II delle Due Sicilie fu progettata dall’architetto Luigi Poletti.
Il basamento è di marmo dove sono poste quattro statue raffiguranti David, Isaia, Ezechiele e Mosè ,opere di artisti diversi, sotto ogni statua è riportato un versetto della Sacra Scrittura riferentesi al dogma dell’Immacolata Concezione, vi sono anche quattro bassorilievi rappresentanti l’Annunciazione, il sogno di S. Giuseppe, l’Incoronazione di Maria in Cielo e la definizione del dogma ; la colonna è alta 11,81 metri, proviene dagli scavi romani nel monastero di Santa Maria della Concezione in Campo Marzio nel 1777; alla sommità svetta una statua bronzea raffigurante la Madonna, opera di Giuseppe Obici.
Il monumento fu inaugurato l’8 dicembre 1857 grazie al lavoro di 220 vigili del fuoco, all’inaugurazione e consacrazione della colonna intervenne Pio IX.
Da 1923 ogni anno i pompieri di Roma offrono, nella festa dell’Immacolata, una corona di fiori alla Madonna e dal 1958 il Papa presenzia regolarmente a questa cerimonia.

   

Mi commuovo sempre quando i pompieri salgono per donare all’Immacolata la corona di fiori.

 

 

 

26 commenti »

Roma è anche questo….

 

 

Lungo la Passeggiata del Gianicolo potete ammirare il monumento equestre di Anita Garibaldi*.
Fu realizzato nel 1932 dallo scultore Mario Rutelli. Alla base del monumento sono conservate le ceneri di Anita, traslate da Nizza.


La statua bronzea rappresenta Anita con la pistola in pugno che sorregge il figlio Menotti (neonato) mentre cerca di sottrarsi alla cattura nell’accampamento di São Luís, accerchiato dalle truppe imperiali durante la Guerra dei Farrapos.
Il piedistallo è ornato da pannelli bronzei che raffigurano episodi della vita di Anita.

Anita guida una formazione di soldati in marcia nelle Pampas.
 Anita alla ricerca del corpo di Garibaldi tra i caduti della battaglia di Curitibanos, dove ella credeva che l’Eroe dei due mondi fosse stato colpito.
 Anita sorretta da Garibaldi, durante la fuga nelle Valli di Comacchio.

 

 

 

*La vita di Anita fu brevissima, morì a soli 28 anni
Ana Maria De Jesus Riberio nasce in Brasile.
Riceve un’educazione elementare, sa cavalcare ed è anche una esperta nuotatrice.
Ancora giovanissima viene data in sposa a Giuseppe Duarte, del quale non si hanno notizie certe, ma sembrerebbe essere deceduto in un naufragio.
Garibaldi, fuggito dall’Italia perchè condannato a morte per avere partecipato ai moti carbonari e per essere iscritto alla Giovane Italia di Mazzini, si rifugia in America Latina, prendendo subito parte a insurrezioni locali. Durante un invito ricevuto conosce Anita e ne rimane colpito, quando riceve l’ordine di salpare, Anita vuole a tutti i costi imbarcarsi con lui.
Anita condivise veramente gli ideali politici del suo Josè, come lei lo chiama, e lo segue ovunque, nei pericoli e nelle battaglie. Si sposano quando venne accertata la morte del primo marito.
Nel 1840 le varie spinte secessioniste locali vengono definitivamente soppresse dal governo centrale e Garibaldi organizza la ritirata. Anita, che non è riuscita a scappare con lui, riesce a sfondare l’assedio ma il suo cavallo viene abbattuto, costretta ad arrendersi è convinta che Giuseppe sia morto, prega il nemico di poter cercarne il corpo tra i cadaveri nel campo di battaglia, non tovandolo decide di rubare un cavallo e durante la notte tenta la fuga. Anita era incinta di sette mesi, aggrappata alla coda di un cavallo guada un fiume, affluente dell’Uruguay. Raggiunge la fazenda di San Simon, dove si ricongiunge con Garibaldi. Qui che nasce il primo figlio, Menotti. A dodici giorni dal parto, mentre Garibaldi è assente, una improvvisa incursione la costringe a un’altra fuga. Avvolge il piccolo Menotti in un fazzoletto che lega a una spalla e, stringendolo al seno, fugge a cavallo. Garibaldi la trova esausta al margine di una foresta. Anita e Giuseppe hanno una vita disseminata da pericoli, sacrifici e povertà, anche perché lui ha sempre rifiutato i compensi che i governi dei popoli da lui aiutati gli avevano spontaneamente offerto. Quando la piccola famiglia si trasferisce a Montevideo, in una piccola casa in affitto, nascono altri tre figli: Rosita, che muore a due anni, Teresita e Ricciotti.
Intanto in Italia stanno maturando eventi nuovi e Garibaldi può essere di grande aiuto al suo paese, decide di farsi precedere da Anita e dai bambini; arriva a Nizza, dalla madre di Garibaldi, che arriverà dopo quattro mesi. Quando fu proclamata la Repubblica Romana Garibaldi viene proposto come deputato, Anita potrebbe rimanere al sicuro a Nizza coi suoi figli ma decide di raggiungere il marito a Roma, era incinta di quattro mesi. Quando la Repubblica di Mazzini cade, Garibaldi e le sue camice rosse fuggono da Roma, Anita si taglia i lunghi capelli, si veste da uomo e parte a cavallo a fianco di Josè, vengono seguiti dai soldati di cinque eserciti e l’intenzione di Garibaldi e della sua colonna è quella di raggiungere Venezia e sostenere la repubblica di Mazzini, attraversano l’Appennino trovando sempre sostegno nelle popolazioni. Molti avrebbero anche ospitato e curato Anita, che nel frattempo aveva contratto la malaria, cercando di convincerla a fermarsi, ma lei vuole proseguire. Garibaldi, Anita e 160 volontari raggiungono Cesenatico, dove si imbarcano, ma nei pressi di Goro iniziano dei cannoneggiamenti e sono costretti a sbarcare a Magnavacca. La fuga prosegue a piedi o con mezzi di fortuna, aiutati da cittadini di ogni estrazione sociale, in un territorio più sicuro ma molto faticoso, attraversando valli tra terra e acqua. Raggiungono la fattoria dei conti Guiccioli, vengono ospitati da Stefano Ravaglia, fattore del conte. Anita, ormai priva di conoscenza per la malattia e gli stenti, viene deposta su un letto dove muore poco dopo fra le braccia del suo Josè. Le circostanze drammatiche non permettono a Garibaldi di rimanere a piangere la moglie e, sollecitato, riprende la fuga. Per timore di essere scoperti come aiutanti di Garibaldi, i Ravaglia seppelliscono il corpo di Anita in un campo da pascolo dove viene scoperto da tre pastorelli. Seguono giorni di ricerche e di denunce. Il corpo della donna sconosciuta viene così sepolto nel cimitero di Mandriole, per poi essere traslato all’interno della chiesa. Dopo dieci anni, al termine della II guerra di indipendenza, Garibaldi, coi figli Menotti e Teresita, giunge a Mandriole per ritirare le spoglie di Anita e trasferirle al cimitero di Nizza. Nel 1931 il governo italiano chiede il permesso al sindaco della città natale di Garibaldi di spostare i resti a Roma, al Gianicolo.
Di questa donna coraggiosa e unica, si è raccontato molto, è molto difficile districarsi tra storia e leggenda, molti sono i racconti veri e romanzati.

 

20 commenti »

Natale di Roma 21 aprile 753 a.C – 21 aprile 2020

Poesia di Marco Corsi, poeta sensibile e dolcissimo

 

 

 

Il mio grazie a Marco Corsi e alla sempre intensa Barbara Bricca, per aver regalato a Roma tanta meraviglia e a me sempre grandi emozioni

10 commenti »

Santi, torciatori, zitelle

A Roma c’è una chiesa dedicata a S.Caterina d’Alessandria: S. Caterina de’Funari, che è l’antichissima chiesa di S.Maria dominae Rosae, forse chiamata così riferendosi alla benefattrice e fondatrice di questa, identificazione difficile per mancanza di documenti.
Nel 1536 papa Paolo III concesse la chiesa a Ignazio di Loyola, che fondò nel monastero una casa per ragazze povere, spesso figlie di prostitute, che venivano chiamate figlie del luogo, ma vi si rifugiavano anche le stesse ragazze dopo essere rimaste vedove o se venivano maltrattate dai mariti. Venivano ospitate anche giovanissime ragazze zitelle che venivano collocate come serve che, dopo sei anni di lavoro, ottenevano dai padroni una dote di 150 scudi per maritarsi. Nel giorno di S. Caterina, il 25 Novembre, le giovani fanciulle, vestite di bianco, andavano in processione verso la Basilica dei SS. Apostoli, per essere scelte dai futuri mariti. Nel 1611 durante la processione una delle ragazze scomparve misteriosamente: per tale motivo si interruppe tale uso per diversi anni e la processione non si svolse più fino al 1640, quando la tradizione fu ripristinata. S. Ignazio e altri devoti uomini, molti dei quali erano nobili e ricchi spagnoli, si offrirono di mettere al sicuro e salvare dal pericolo le figlie di cortigiane e di donne di mal costume che, per il cattivo esempio domestico o per l’estrema povertà, potevano cadere vittime della seduzione. Esse dovevano essere di gradevole aspetto, residenti a Roma da almeno due anni e di età dai nove ai dodici anni. Erano sorvegliate dalle suore agostiniane, che inizialmente furono scelte tra le stesse ragazze aventi vocazione religiosa; istruivano, insegnavano le virtù cristiane, il cucito, il ricamo e ogni arte domestica che potesse formare ciascuna di esse in una donna onesta e timorata di Dio se avevano attitudini alla vita matrimoniale, altrimenti venivano indirizzate alla vita monastica.
Nel 1876 fu trasformato in istituto destinato all’istruzione di orfane di famiglie di condizione civile cadute in povertà. Oggi questo istituto/monastero non esiste più.
La strada prende il nome dai funari, i torciatori di funi (fabbricanti di funi) che si erano stabiliti in questa via dalla vicina riva sinistra del fiume Tevere, per utilizzare come botteghe gli androni dell’antico Circo Flaminio.

4 commenti »

Un’opera “speciale”

 

 

San Pietro in Vincoli, una basilica romana, situata sul colle Oppio. Ma non è di questo sito che voglio parlare, pur conservando sotto l’altare maggiore la catena con cui era stato legato San Pietro a Gerusalemme, ma di un’opere incredibile qui conservata: la tomba di Giulio II, papa dal 1503 al 1513 (che però è sepolto nella basilica di San Pietro in Vaticano).
Una tomba di stupefacente bellezza, che contiene il Mosè di Michelangelo. Un opera maestosa e affascinante, dal volto espressivo e realista, emozionante.
La realizazzione di questa opera meravigliosa costò litigi, contrasti, invidie, ostilità.
L’opera doveva contenere più di quaranta statue, ma di fatto ne contiene sette. Papa Giulio II non la vide mai, fu completata dopo la sua morte
Se transitate in Roma, non fatevi scappare questo capolavoro.

                                                        

11 commenti »

Palazzi e torture

Tra Via del Corso e Via di Ripetta (Campo Marzio) c’è Via della Frezza, che prende il nome dalla famiglia Frezza che qui aveva un palazzo. Questa zona nasce intorno al 1500.
All’altezza di Vicolo delle Colonnette c’era “lo spiazzetto” dove, tra le finestre dei palazzi, tra cui quello della pia signora Pulieri, era appoggiata la trave che permetteva il supplizio della corda per i condannati a questa tortura bestiale; proprio su questo palazzo era posta la trave principale.
Nel 1816 la pia donna fece murare la finestra su cui pose una croce in ricordo dei condannati e per la misericordia di Dio.
Nel 1930 iniziarono i lavori che modificarono completamente questa strada, eliminando lo spiazzetto e molti palazzi


La tortura della corda consisteva nell’appendere, per i piedi o le braccia, il condannato ad una carrucola, veniva sollevato e tirato fino a che tutte le giunture non si fossero slogate. Vi rendete conto che cosa orribile?
Città delle meraviglie e degli orrori la mia Roma.

10 commenti »

Una poetica leggenda

Piazza S.Francesco d’Assisi (prima S. Francesco a Ripa), in Trastevere, a Roma, prende nome dall’omonima chiesa* che sorge dove un tempo era situata l’antica chiesa denominata S.Biagio de Curtibus, un convento dei Frati Minori con annesso ospizio-ospedale.
Si dice che qui venne ospitato S.Francesco d’Assisi in occasione della sua visita al papa nel 1219 ( ancora oggi la chiesa custodisce la cella del santo ed alcune sue reliquie), anche se molti studiosi nutrono dubbi.
Sul santo nasce quella che sembra essere una poetica leggenda: San Francesco, piantò, nel giardino del convento, un albero di arancio, che fruttificò per diversi secoli; nel 1613 fu trapiantato ma fiorì ugualmente, nel 1871 divenne secco e si decise di bruciarlo, allora un frate staccò un ramoscello e lo piantò, l’albero crebbe e ricominciò a fiorire e dare frutti fino al 1879, e poi ancora nel 1888 anno in cui cessò definitivamente di esistere.

* da visitare assolutamente, se non fosse per ammirare l’Estasi di Beata Ludovica Albertoni del Bernini, una scultura drammaticamente bella, direi meravigliosa, che riproduce la santa sul letto di morte; nel sarcofago sono conservate le spoglie di Ludovica.

26 commenti »

I fossari cristiani

Ma chi erano?
A Roma i fossari erano operai specializzati facenti parte di una antica corporazione che risale ai primi secoli dell’era cristiana, avevano l’incarico di seppellire i morti nelle catacombe e si occupavano della manutenzione dei cimiteri.
I fossari usavano principalmente uno strumento chiamato dolabra fossoria, una piccozza usata per lo scavo della pietra delle catacombe nelle quali aprivano gallerie e dove decoravano anche le tombe. Avevano anche scalpello, pala, mazzuolo, ascia e lampada.
I fossari vivevano di donazioni fino a quando, in cambio di privilegi, sempre inerenti al loro lavoro, iniziarono a ricevere lauti guadagni.
Dal pontificato di Sisto III (432-440) terminò la compravendite di sepolcri in quanto il clero si riappropriò dell’amministrazione cimiteriale, questo decretò la scomparsa di questa figura.
L’unica immagine che abbiamo dei fossari è un affresco della catacomba di Domitilla (Roma), è il fossore Diogene (Diogenes fossor in pace depositus | octab (um) kalendas Octobris (III 6649)

 

11 commenti »