TUTTOLANDIA

"…il posto che mi piace si chiama mondo…"

Figli

Non amo questa figura della psicoanalisi, anzi, ma questa sua frase l’appoggio in toto.

“Non puntate ad avere un figlio che piacerebbe a voi. Abbiate rispetto per quello che il bambino è”  
(Bruno Bettelheim)

     “Giovane madre che cuce”
                Mary Cassatt

Annunci
21 commenti »

Amiamoli…

“Fratelli…Amate tutta la creazione divina,
nel suo insieme e in ogni granello di sabbia.
Amate ogni foglia,
ogni raggio di luce!
…amate le piante,
amate tutte le cose!…
Amate gli animali…amate
specialmente i bambini
perchè…essi vivono per purificare
e commuovere i nostri cuori…”

Feodor Dostoevskij

(da I fratelli Karamazov)

10 commenti »

Giorno della Memoria- 27 gennaio 2018

I clandestini del mare –  Sereni Ada

Le difficoltà , i sacrifici, i dolori, degli ebrei sopravvissuti ai campi di sterminio, che dovettero affrontare la navigazione, dopo la guerra del 1945, per raggiungere la Terra Promessa, Erez Israel, Israele, terra ancora chiusa all’immigrazione dagli inglesi.
Sereni Ada fu l’aiuto inaspettato.

Ada Ascarelli nasce a Roma nel 1905 da un’illustre famiglia ebrea, Il padre muore che Ada è ancora in giovane età.
Si iscrive al liceo Mamiani dove conosce Enzo Sereni, che diverrà suo maito.
Dopo aver ottenuto la laurea in filosofia Enzo aderisce al movimento sionista, Ada abbandona la Facoltà di lettere e decidono, nel 1926, a due anni dal matrimonio, di migrare in Palestina e lasciare l’Italia fascista, vogliono costruire Erez Israel, la Terra d’Israele. Malgrado contrastati dalle famiglie partono con la loro bambina Hana
Nel 1928, in Palestina, contribuiscono a fondare il grande kibbutz Ghivat Brenner (Tel Aviv), ancora oggi uno dei maggiori di Israele. Intanto mascono Hagar e Daniel.
Il fascismo e il nazismo intanto iniziano a mietere vittime e vengono ordinate le leggi razziali. La madre di Ada riesce a sfuggire al rastrellamento del 16 ottobre 1943, a Roma, rifugiandosi presso il convento delle suore di Notre-Dame de Sion.
Nel 1944 Enzo si arruola nella Brigata ebraica dell’esercito inglese; quando l’Hagana e il Palmach, le due formazioni militari dell’Yishuv, decidono di lanciare alcuni uomini dietro le linee tedesche per prendere contatto con gli ebrei e incitarli a combattere, Enzo accetta.
Fingendosi ufficiale inglese è paracadutato nella notte tra il 14 e il 15 maggio 1944 nell’Italia settentrionale, oltre la linea gotica. Ada non ne saprà più nulla fino a quando, finita la guerra, tornerà in Italia alla ricerca del marito. Scoprirà che, dopo essere stato paracadutato, era stato fatto prigioniero, torturato a Verona, transitato nel campo di Bolzano, internato a Dachau, dove venne fucilato nel novembre 1944.
Ada decide di restare in Italia dove si lega al movimento dell’ immigrazione clandestina (trasferimento in Palestina dei sopravvissuti della shoah) dove diventa un importante componente della organizzazione, anche grazie alla conoscenza perfetta dell’ italiano, dell’ ebraico, del francese e inglese, del tedesco e arabo. Si parla di circa 25.000 ebrei salvati.
Il 14 maggio del 1948 viene fondato lo Stato di Israele.
Ada muore a Gerusalemme il 24 novembre 1997, verrà sempre ricordata come una donna giusta, le venne assegnato il Premio Israel per il contributo particolare alla società e allo stato ebraico.

2 commenti »

Vaccino?

Volevo inserire nel blog quuesto post due giorni fa, ma aspettavo notizie migliori, che non ci sono state purtroppo.
Oggi leggo sui giornali dell’attenzione verso il morbillo…
2 anni, contrae il morbillo, sta malissimo, ricovero in ospedale.
Era stato vaccinato? No.
I genitori fanno parte di quelli che hanno deciso di aderire alla non-vaccinazione (o almeno avevano deciso) , ora sono disperati…ha seri problemi respiratori per una broncopolmonite.
Io sono a favore dei vaccini, l’ho sempre sostenuto e continuerò a farlo.
In Italia ci sono le prime avvisaglie che fanno pensare ad un allarme: 2017, 230% di casi in più rispetto al 2016, tanto per dire…Per essere al sicuro da questo virus la copertura vaccinale dovrebbe essere al 95%, attualmente siamo all’85.
La paura più grande che inibisce il fare il vaccino è data dagli effetti collaterali. A dire il vero sono utilizzati da milioni di persone e gli effetti collaterali sono nella maggior parte dei casi (se non additrittura inesistenti), abbastanza lievi (tipo febbre…)
E’ stato certificato che solo un caso su due milioni si può avere anafilassi, ma se ci pensiamo anche mangiare un alimento può procurare questa reazione.
Tra gli effetti collaterali menzionati a gran forza la fa da padrone l’autismo, la scienza lo ha smentito categoricamente. Una ricerca ha confermato che l’autismo può essere diagnosticato già a 6 mesi, il vaccino in questione viene somministrato tra i 13/14 mesi.
Purtroppo molti di noi ricorrono al web per documentarsi, ma sappiamo bene quante bugie vi circolano dentro, altri ascoltano il consiglio dei medici, molti di quelli che hanno osteggiato le vaccinazioni sono ora sotto procedimento disciplinare, ma come il solito in Italia tutto finirà in una bolla di sapone. In altri paesi sarebbero stati irradiati.
Mi spiace essere drastica ma io farei la setessa cosa.
Apro una parentesi, quando sono nata io pochi vaccinavano, ricordo bambini attaccati dalla poliomelite, bambini morti con la polmonite causata dalle malattie infettive….e chi più ne ha più ne metta, perchè tornare indietro?

 

31 commenti »

Si avvicinano le elezioni…

L’Aquila

 L’ommini so’ le bestie più ambizziose,
– disse l’Aquila all’Omo – e tu lo sai;
ma vièttene per aria e poi vedrai
come s’impiccolischeno le cose.

Le ville, li palazzi, e li castelli
da lassù sai che so? So’ giocarelli.
L’ommini stessi, o principi o scopini?,
da lassù sai che so’? Tanti puntini!

Da quel’artezza nun distingui mica
er pezzo grosso che se dà importanza:
puro un Sovrano, visto in lontananza,
diventa ciuco? come una formica.

Vedi quela gran folla aridunata
davanti a quer tribbuno che se sfiata?
È un comizzio, lo so, ma da lontano
so’ quattro gatti intorno a un ciarlatano.

Trilussa

 

Buonanotte blogger!

20 commenti »

E’ questo il futuro?

.…non mi piace. Quando la tecnologia si diffonderà su cala globale molti lavori ora svolti da persone, circa il 49%, saranno automatizzati. Che tristezza.

20 commenti »

Giornata contro la violenza sulle donne

Circa sette milioni di donne sono state oggetto di abusi e spesso tra le mura domestiche, non trovando il coraggio e la forza di denunciare.
Ci vogliono annientare?
Inutile, siamo immense, abbiamo dentro di noi una bellezza che va oltre quella fisica: la resistenza, e quella viene dall’anima. Si, la resistenza, perchè è vero che si parla di “femminicidio” da qualche anno, ma ci siamo dimenticati delle donne lapidate, oltraggiate, devastate dai tribunali…che hanno attraversato i secoli? Non sono state dimenticate, anzi, sono state offerte alla memoria, con la loro arte, filosofia, scrittura, donne coraggiose che hanno sfidato guerre e regimi, culture e preconcetti.
E le donne sono ancora qui. Su questa Terra che “sembra” degli uomini, ma non lo è, è “anche” degli uomini.

“Essere donna è un compito difficile: consiste nell’avere a che fare con gli uomini.” Joseph Conrad

Come dico sempre, amateci uomini, con rispetto.

12 commenti »

Curare…

…un giardino, un orto, dei semplici fiori nel vaso, sembra essere un buon antistress…in Italia lo fa (secondo una statistica della Kronos) solo il 37% della popolazione…pochini eh! Sarà per questo che questa mattina correvano tutti con l’automobile (malgrado la nebbia) come se stessero su di un circuito da gran premio?

30 commenti »

Non è una lezione…

…ma una constatazione, triste se vogliamo.

Per noi genitori i figli sono il centro dell’Universo, almeno per me, è la mia vita.
Ma il figlio non deve diventare un desposta a cui i genitori devono inginocchiarsi. Vedo bambini a cui è permesso di tutto, anche mandare a “vaf……” madre o padre; il permissivismo senza regole non è un bene, porterà alla debolezza, del bambino diventato adulto, davanti i problemi della vita e per reazione potrebbe diventare prepotente, un tiranno convinto che la forza è la base del potere sugli altri, un bullo incapace di tollerare ache la minima frustrazione.
Dobbiamo avere il coraggio di mettere dei limiti, dobbiamo avere il coraggio di essere irremovibili davanti ad un no; i figli non devono vederci come un comandante, ma deve capire quando agiamo per il suo bene.
La nostra resistenza deve comunque essere equilibrata, non dobbiamo urlare, strillare o alzare le mani…ma parlare, spiegare, ascoltare, mantenere una coerenza.

 

“I genitori troppo morbidi sono quelli che fanno le peggiori ingiustizie ai figli
(G.Barbiellini Amidei)

 

(oggi ero presente ad una manifestazione per le forze armate e un bambino, circa 8 anni, ha beatamente detto al padre di andare a quel paese solo perchè il papà gli aveva proibito di scavalcare un muretto….e c’è anche di più, davanti a ripetuti no del genitore sapeste che crisi isterica…)

32 commenti »

Halloween

 

Può piacere o no io vi lascio il mio augurio per una magica notte stregata!

18 commenti »