TUTTOLANDIA

"…il posto che mi piace si chiama mondo…"

Tra il 9 e il 10 novembre 1938: Notte dei cristalli

“Se Hitler avesse vinto non sarei mai nata, non sarebbero nati i miei figli,
i miei nipoti. Non ci sarebbe un ebreo al mondo, non un rom, un disabile,
un omosessuale, un nero. E il mondo senza ebrei, senza omosessuali,
senza disabili e senza rom sembrerebbe ai più del tutto normale”.

Manuela Dviri

(negozio Berlino)

 

(campo di concentramento Nordhausen)

 

Annunci
10 commenti »

E che te pare!

(espressione dei romani…)

E vabbè, oggi avrei tirato una scarpa in testa ad un tizio, che ricopre una carica amministrativa, dalle nostre parti, non indifferente.
Elogiando una persona di sesso femminile per il lavoro svolto, a poi concluso dicendo, ed è pure “gnocca”.
Ecco lì! Sempre lì andiamo a parare…anzi “vanno”…

17 commenti »

Bambini

Ci avevano detto che figli non ne avremmo avuti, “colpa mia”, abbiamo cercato l’adozine (anche se abbiamo sempre adottato tutti i figli di amici e nipoti, ce li lasciavano quando doveano uscire o passare una serata a due, un vero asilo), ma mai concessa, perchè all’epoca eravamo girovaghi per lavoro. Poi arriva Melissa e basta, questa volta davverto non si possono avere più, ripensiamo all’adozine, ma ancora no, per motivi miei di salute…vabbè abbandoniamo. In compenso adottiamo non legalmente, nel senso che seguiamo più di qualche bambino per svariati motivi.
Da 10 anni le adozioni di minori si è ridotto di quasi tre quarti. Anche per le adozioni di bambini da parte di Paesi che non sono quelli di nascita, se in parte è giusta l’adozione nei Paesi di appartenenza è pur vero che la maggioranza di loro continua a vivere in istituto.
Un crollo di adozioni. In Italia per le adozioni internazionali: 2010=4000 adozioni; 2017=1500
E’ pur vero che molti Paesi hanno chiuso le adozioni per paura di compravendite e scandali pedofilia.
E non è facile l’adozione, giusto, ma a volte sento cose assurde.

 

34 commenti »

Acqua

Sono ben tre giorni di seguito, anzi quattro con oggi (anche se domenica abbiamo provato con le mergenze) che telefoniamo (non solo noi, anche le tre famiglie che vivono vicino a noi) per segnalare una perdita d’acqua sulla strada…una cosa che mi fa veramente girare….La risposta è: domani verremo per il sopralluogo, ma a tutt’oggi non si è visto nessuno, domani saremo più dastrici e vedremo cosa accadrà.
L’acqua è fonte di vita, il nostro corpo è costituito in gran parte di acqua.
L’acqua è una risorsa preziosissima per la nostra vita ed purtroppo sempre più minacciata da fattori che ne riducono la quantità e la qualità.
L’uso razionale dell’acqua dovrebbe essere costante e secondo me inizia con i piccoli gesti quotidiani: quando annaffiamo, quando laviamo la macchina, quando laviamo piatti, quando laviamo verdure, quando ci facciamo la doccia, quando scarichiamo il water…e in alcuni casi perchè non usare l’acqua piovana?
L’acqua va salvaguardata, è un bene in esaurimento, il bene più prezioso del pianeta, è sopravvivenza.
Alcuni dati che mi fano rabbrividire:
1 miliardo di persone non hanno accesso all’acqua potabile (e la perdiamo in grandi quantità per negligenza);
1,4 milioni di bambini l’anno muoiono per malattie causate dall’acqua contaminata in assenza di misure igieniche adeguate;
3/4 miliardi sono le persone che non hanno acqua sufficiente e in quantità stabile (e chi ce l’ha la spreca senza ritegno);
2,5 miliardi sono le persone che vivono senza acquedotti e infrastrutture;
1 miliardo di persone non hanno un rubinetto in casa;
8 milioni di persone muoiono per la mancanza di approvvigionamento d’acqua.

 

16 commenti »

Chirurgia estetica

2014: liposuzione, mastoplastica, blefaroplastica, lato B, peeling chimico, rimozione dei peli con laser (superato il milione di interventi, gli italiani superano gli americani)
2016: il boom del botox (solo negli USA sono state inniettate sette milioni di fiale)
2017: punture sciogligrassi, zigomi da selfie, trapianto di barbe, rinofiller, belly slot per gli addominali (interventi poco invasivi, i potenziali pazienti vogliono migliorare l’aspetto senza degenze e post-degenze lunghe)

 

L’industria della bellezza vuole fermare a tutti i costi lo scorrere del tempo, vuole fermare , o almeno rallentare, i cambiamenti del corpo. Le lancette dovrebbero tornare indietro, i trattamenti durare a lungo ed essere immediati.
Ma tutto ciò ci rende protagonisti del tempo? O nemici di noi stessi?

 

“Molte persone non arrivano più a ottant’anni, perchè si sforzano troppo a lungo di averne solo quaranta.”
Salvador Dalì

19 commenti »

Un dato…

…che alla soglia della Festa della mamma mi ha stroncata.
Tre milioni di bambini sono morti nel 2017 per cause legate alla malnutrizione.

11 commenti »

1° Maggio?

Per rispetto di chi ha lottato per questa giornata, non posso ignorarla.
Ma i bambini schiavi del lavoro? Sfruttati per il lavoro? Per rispetto e indignazione non posso ignorarli.
Milioni di donne e uomini sfruttati senza pensare alla dignità umana? Per rispetto e rabbia non posso ignorarli.

 

In un mondo apparentemente libero ancora ci sono i “schiavi”. E non parlo solo dei paesi “non industrializzati” (una parola che da un po di tempo mi disturba molto).

17 commenti »

Omicidio Vannini

In-giustizia

VERGOGNA!

12 commenti »

In Europa…

…crescono i casi di morbillo.
Secondo l’OMS nel 2017 sono state colpite da questa malattia 21.315 persone (35 morti), nel 2016 i casi erano stati 5.273.
Le tre nazioni più colpite sono state: Romania (5.562), Italia (5.006), Ucraina (4.767).
Una recrudescenza preoccupante davvero.

 

12 commenti »

Lavoro

Oggi ascoltavo dialogare dei ragazzi, seduti al bar parlavano di lavoro, nessuno di loro era riuscito in ciò che volevano fare. Ma neanche in quello che non era di loro interesse.
Uno avrà avuto cira 25 anni, gli altri intorno ai 30…due pensavano di andare in Australia.
E la mia mente è volata al mio figlio adottivo, che se ne è dovuto andare per trovare un lavoro stabile e ben retribuito, al figlio di una mia amica che ora lavora alla grande in un noto ristornate di Sidney, ed è pagato benissimo rispetto a queloo che guadagnava qui (sfruttato praticamente). Vi metto il link e lo potete guardare all’opera (https://youtu.be/1nb1a3lK0U4). E’ felicissimo e non intende tornare, da quando è partito sono passati circa due anni…ecco.
In Italia si è allungata l’età lavorativa ad una media di 67 anni, ma la cosa assurda è che una sostanziale fascia di 40 è disoccupata…se mai troveranno un lavoro a che età andranno in pensione? Adulti considerati troppo vecchi per lavorare.
E poi i stipendi…stipendi bloccati, tra i più bassi in Europa, o forse nel mondo?
La vita si è allungata ma per il lavoro ci invecchiamo presto. Io dico che ci deprimiamo anche. Mandi i curriculm ovunque e neanche ti rispondono per un no.
C’è sempre meno qualità, professionalità, esperienza…perchè dove trovi lavoro ti butti anche se non è il tuo campo e dove ti assumono, tanto ti sottopagano, va bene di tutto.
E poi c’è il mondo sommerso…quello dello sfruttamento, quello che se ti dice male fai parte dei tanti migliaia di morti all’anno sul lavoro, insieme a chi regolarmente lavora ma non è tutelato.
Io vedo nei bassi segnali di crescita, una stagnante produttività, denaro che non circola, assunzioni ferme…vedo un’Italia “povera”.
Genitori e giovani che spendono soldi per la scuola, per i corsi di formazionie, e poi’? Braccia e cervelli che fanno la valigia e se ne vanno. Cercano chi offre l’opportunità di misurare la creatività, lo spirito imprenditoriale, la voglia di lavorare, la genialità…
E come te la fai una casa? E come coltivi i rapporti sociali? E come metti su famiglia? E come fai i figli?
Sto con mamma e papà fino a quando?
E per non parlare del progresso tecnologico, che ha portato tanto benessere ma anche tolto tanto lavoro: tanta produttività a costi minimi.
E allora dov’è sta Repubblica fondata sul lavoro?

 

E dico questo non perchè sono pessimista o ho voglia di pontificare, è perchè guardo chi se ne è andato, chi ha voglia di farlo o si sta preparando per farlo, e chi resta qui…e mi sento morire.

41 commenti »