TUTTOLANDIA

"…il posto che mi piace si chiama mondo…"

Pompei – Robert Harris

Anno 79 d.C.
Esomnio, sovrintendente dell’acquedotto Aqua Augusta, a Pompei, scompare.
I funzionari romani chiedono un sostituto: il giovane ingegnere idraulico Marco Attilio Primo.
Intanto a Pompei avvengono una serie di insolite situazioni: improvvisamente muoiono le triglie allevate in vasche annesse a villa Ortensia, dove vive Numerio Popidio Ampliato, ricchissimo liberto; un forte odore di zolfo è percepibile sia nella ville che nelle condutture principali; a Nola e Napoli non arriva l’acqua….
Marco Attilio decide di fare un controllo sulle tubature dell’acquedotto: un’imponente opera d’ingegneria che convoglia le acque del Serino verso occidente, attraversando le pianure vicino al mare, ai piedi del Vesuvio; è l’acquedotto più lungo del mondo, più lungo anche di quelli romani, perché serve nove città della Campania. Il problema è che c’è una forte siccità, quindi Marco Attilio deve trovare nuove sorgenti, ma ogni volta che i suoi operai tentano lo scavo l’acqua si ritira rilasciando vapore. Marco Attilio scopre anche che attorno all’acquedotto girano traffici non legali, in questo verrà aiutato dalla figlia di Ampliato, Corelia.
Il giorno dopo il suo arrivo Plinio nota che la piscina mirabilis è prosciugata e sul fondo è apparsa un’anfora piena di monete d’argento, messa lì da Esomnio. Attilio fa rilevare dal suo segretario le vibrazioni del Vesuvio, piccole scosse che si ripetono a tempo scadenzato e nota sulle pendici del vulcano una cenere bianca, decide allora di scalare il versante dove si sente un forte odore di zolfo; arrivato al cratere trova il cadavere di Esomnio, morto probabilmente per i gas esalati dal vulcano; raggiunto dal caposquadra questi tenta di ucciderlo ma rimane vittima delle esalazioni e muore, Attilio capisce di essere mira di un complotto organizzata da Ampliato per non far scoprire i suoi illeciti; Ampliato tenta di far cadere la colpa su Esomnio, e quando la figlia lo accusa la fa chiudere in una stanza.
Il 23 agosto una forte scossa di terremoto annuncia l’eruzione, iniziano a piovere lapilli tra il fuggi fuggi generale degli abitanti. Attilio si ferma a Ercolano a villa Calpurnia, dove la moglie di Pedio Casco, gli dà un cavallo e una lettera da portare a Plinio, l’ammiraglio della flotta romana, per chiedere aiuto. Arrivato consegna la lettera e si imbarcano per prestare soccorso ai cittadini, ma l’intensa pioggia di pomice colpisce la nave che si arena a Stabia, 5 chilometri da Pompei. Si recano allora nella villa di Pomponiano, vecchio amico dell’ammiraglio, ma la villa inizia a crollare, e si uniscono alla folla in fuga; tra la folla, Attilio vede Popidio che gli dice che Corelia era stata chiusa in camera dal padre. Attilio va a Pompei dove Ampliato ordina a uno schiavo di ucciderlo, ma fortunatamente Corelia e Attilio riescono a fuggire verso il Vesuvio rifugiandosi nelle gallerie dell’acquedotto.
L’Aqua Augusta, riparata da Attilio, continuerà a funzionare per secoli.

 

Romanzo storico ambiento a Pompei, Ercolano e Stabia nei giorni che precedono l’eruzione del Vesuvio che ucciderà decine di migliaia di persone.
Non è la descrizione della catastrofe, ma si argomenta sull’acquedotto costruito dai romani.
La trama è avvincente, tra sentimento, lotta, paura, schiavitù, opulenza, corruzione….natura. Tra usi e costumi di una società ricca e sfruttratrice. Una trama costruita fra fantasia e realtà.
Il libro è quasi un saggio di storia più che un romanzo, ma si legge bene, pur se non tra i migliori che ho letto mi sento di consigliarlo, soprattutto a chi è appassionato dell’antica Roma e di acquedotti, visto i dettagliati particolari sull’argomento. E anche un pizzico di amore.

21 commenti »

Il tris di Alessandra Marcotti

Tutto inizia da qui…

 

https://tuttolandia1.wordpress.com/2019/01/06/la-befana-di-melissa-a-mamma/

 

Li ho letti con calma, perchè in ogni pensiero c’è da cogliere una profonda emozione, oppure un sorriso, oppure i ricordi che fai tuoi, oppure una presa di posizione….Tutta la lettura scorre, ti scivolano davanti i pensieri schietti, senza sovrastrutture…Non è un romanzo è vita. Quella vera.

 

“…Per farla breve e per non tediarvi….Reginaldo, il mio sposo, mi guarda e rimane sbigottito….”
“…Fu amore. Non a prima vista, ma fu amore.”
“…Quella che vorrei raccontarvi oggi è la storia di due ragazzi che mi sono rimasti nel cuore. Nuria e Andy….”
“Io non capisco perchè ci siano cose che ti hanno fatto molto male ma, nonostante questo, continui a rimanerci legato….”
“…Quando tornai a cas…lo trovai lì ad aspettarmi con un orsetto…Era per me. Ed è ancora con me, sul mio letto.
(da Amore Freak)

“I tirchi…I tirchi sono tirchi anche verso i sentimenti, come i pigri….”
“Ho un’amica molto carina…Le chiedono “Mangi?” Be’ non credo si possa vivere nè d’aria nè d’amore come nei film…”
“Il buongiorno si vedrà anche dal mattino ma ecco…”
“Supermercato…” “Il supermercato è proprio il mio mondo.”
“…Poi arrivano sempre quelli che …”
“…Volete sapere perchè sono un cinico radiattivo’…”
(da Storie di un cinico radiattivo)

“…Non passo l’intero giorno ad aspettare…” “E poi perchè la vita è questa ed è una…non la spreco…”
“La paura della morte mi pone in quella condizione di vivere e di farlo anche bene e in modo felice…”
“…Vorresti essere una mosca…”
“…voglio mettere in piedi una sceneggiatura degna di un film americano che si rispetti…”
“…ad essere veloce nel pensiero, lesta a prendere decisioni e semplice nell’esprimere emozioni e sentimenti…”
(da Mi presento, sono la mosca)

Io, un giro con Ale al supermercato me lo farei…magari come una mosca….anzi due mosche.

15 commenti »

Lady Anna – Anthony Trollope

Nell’Inghilterra dell’800 una madre e una figlia, Lady Anna, affrontano un processo affinchè venga riconosciuto che siano effettivamente una la moglie e l’altra la figlia del Conte Lovel, se così fosse entrambe potranno usufruire dell’eredità del conte.
Se così non fosse tutto andrebbe al giovane Conte Lovel, a cui comunque aspetta il titolo.
Il giovane Lovel vorrebbe sposare Anna, che invece è innamorata di Daniel Thwaite, sarto, con cui è cresciuta e che ha promesso di sposare.
Il tutto passa attraverso un complicato processo, intrecciate avventure, amori e complotti.

Nobiltà vittoriana, ambienti borghesi, una ragazza determinata anche se inizialmente sembra debole e facilmente plagiabile, una girandola di personaggi.
La lettura scorre piacevolmente, non mi ha deluso questo romanzo, per me tale è in tutte le sue forme: la storia, le descrizioni dettagliate dei personaggi e degli ambienti, la descrizione delle regole dell’epoca,
Avvincente la storia che mette in risalto personalità femminili che devono contrastare la supremazia di quelle maschili.

8 commenti »

Un mistero per Lady Jessica – Laura Rocca

Siamo nell’Inghilterra vittoriana, lady Jessica Baker, proveniente da una famiglia di conti, deve sottostare al volere della madre, che intende farla sposare con un uomo di alto lignaggio molto più anziano di lei, il perfido e subdolo Duca di Warchester.
Jessica, da sempre sogna di sposare il fratello della sua migliore amica, lady Abby, che ama fin da quando era una bambina, Michael. Apprendere che così non è non distrugge però in lei il sogno di poterlo fare.
L’amore contrastato dovrà attraversare inganni, intrighi, misteri, morti, dolore…Jessica dovrà affrontare nemici inaspettati.
Jessica Baker avrà il coraggio di affronatre fino in fondo gli eventi e vivere la sua storia d’amore?

 

Indubbiamente un romanzo rosa, l’epoca si presta. Il romazo è fluido, le descrizioni dei personaggi sia fisicamente che caratterialmente sono perfette, li vivi, come ti sembra di indossare gli abiti delle dame, ogni particolare è descritto, ma senza cadere mai nella noia, anzi!
Il bello di questo romanzo è aver legato il romanticismo al colpo di scena, e si, perchè non c’è solo l’amore ma anche il mistero, il “giallo” da risolvere, e l’intreccio non è banale…
Interessante è stata l’idea della scrittrice di aver dato alla protagonista un “carattere” da pioniera dei sentimenti e del sociale, scontato? Può essere, ma guai se non ci fossero state, la condizione femminile sarebbe ancora arretrata di tanto, e allora perchè non usarle?
Interessante anche conoscere gli usi del momento, non fa mai male apprendere! L’epoca vittoriana ha lasciato in Inghilterra ancora oggi ambientazioni e usi duri a morire. ma per fortuna non le norme.
E non ultimo, ho apprezzato l’aver inserito realtà esistenti in quell’epoca nella trama.
Da leggere e, non me ne abbia a male la scrittirce, da capire che forse Jessica non è l’unica protagonista del romanzo, lei con il suo carattere forte, ma anche Abby, che ho trovato riflettere molte donne di oggi, maltrattate, impaurite, ma non remissive, pronte, con meno determinazione forse, a cambiare la loro vita.
La coalizione tra donne non va mai sottovalutata.

10 commenti »

Persuasione – Jane Austen

per  Anne, aristocratica intelligente e generosa, e Frederich, ufficiale di marina dal temperamento forte e deciso, si amano, ma la famiglia di lei la “persuade” a rinunciare a questo uomo, visto la differenza di classe sociale. Si ritrovano dopo sette anni, lui ricco e potente, ancora ferito dall’essere stato abbandonata dalla ragazza.
Anne, ormai matura, capise quanto è ancora innamorata di Frederich.
Una storia attraversata dalla presenza del padre e della sorella di Anne che, pur se in piena bancarotta, continuano a voler vivere nell’illusorio splendido mondo dell’aristocrazia; da Mary, sorella minore della ragazza, che ha sposato Charles, che anni prima aveva corteggiato Anne inutilmente; da lady Russell, migliore amica della madre, prematuramente scomparsa, che influenzerà moltissimo la ragazza; dalla sorella e dal cognato di Frederick che affittano Kellync Hall, l’antica proprieta della famiglia di Anne; e ancora da Louisa, William, Mrs. Smith…

 
Un romanzo romantico senza essere melenso, anzi… un inno all’amore, alla passione che deve superare convenzioni, interessi, pregiudizi.
L’epoca era perfetta per questo tipo di contegni.
Avevo iniziato a leggere questo libro nel periodo delle superiori, non l’ho mai terminato, neanche ricordo il perchè, qualche tempo fa, dopo avre letto Orgoglio e Pregiudizio, mi è venuta voglia di farlo e per fortuna! Jane Austin non mi ha delusa, anzi, trovo questo romanzo stupendo, più di Orgoglio e Pregiudizio, e lo so che mi attirerò le ire dei tanti estimatori di quest’ultimo, ma credo in assoluto che sia migliore, anche se non hanno alcun riferimento uno all’altro.
Una malinconia dolce pervade queste pagine, vi si trova una verità, quella della persuasione (che ancora oggi spesso fa capolino in situazioni sentimentali), questo e  il raccontare rapporti non convenzionali, storie di ragazze che lottano per migliorarsi, rendono l’autrice assolutamente attuale.
Trovo interessante come Anne sia passata dalla fragilità giovanile alla maturità caratteriale, mi è piaciuto anche scoprire questo lato della protagonista, ben delineato dalla Austin.
La lettura scorre anche grazie alla scrittura chiara, alla descrizione minuziosa dei personaggi.
Un libro da leggere.

13 commenti »

L’ arcobaleno – D. H. Lawrence

arc Siamo a Nottingham, nell’East Midlands dell’Inghilterra.
Tra l’Ottocento e il Novecento si svolge la vita di una intera dinastia, i Brangwen: Tom, Ursula, Lidya, Anna…in una società in pieno cambiamento sociale e industriale.
E un arcobaleno.

 
Stupendo libro che ho voluto rileggere.
Un libro di donne dai sentimenti forti, dalle passioni contro ogni tabù, come poteva essere all’epoca l’omosessualità. Donne che con la loro forza hanno iniziato a vivere ruoli importanti, moderni, disincantati.
Amore, passione, conformismo, società, tutto raffinatamente raccontato dall’autore, maestro nell’indagare l’animo e i sentimenti degli uomini e delle donne.
Un racconto intenso non privo di romanticismo ma anche di grande libertà nel parlare del rapporto sessuale non solo come relazione fisica ma anche come legame spirituale (per questo fu ritirato, addirittura bruciate più di mille copie, nel 1915 perchè considerato osceno), non c’è volgarità nel linguaggio, ma descrive profondamente le passioni dei protagonisti; le donne dovrebbero leggerlo.
Quando i libri sono capolavori non c’è incendio che tenga, rinascono sempre dalle ceneri.

 

l

10 commenti »

L’amante giapponese – Isabel Allende

amante  In una residenza per anziani di San Francisco vive Alma Belasco, facoltosa aristocratica.
Irina, infermiera moldava, l’assiste.
Seth Belasco è l’unico nipote che va a trovare la ultraottantenne.
Tra Irina e Seth nasce l’amore, che è cullato dal racconto che Alma farà del suo amore clandestino con Ichi, suo compagno di giochi nell’infanzia e figlio del giardiniere giapponese che curava il giardino della villa della famiglia belasco.
Una storia che attraversa la seconda guerra mondiale, i campi di concentramento, tragedie, amori, orgoglio, sensualità, pregiudizi.
Un mistero c’è nella vita di Alma: lettere e gardenie che arrivano puntuali. Irina e Seth decidono di fare chiarezza su chi sia il misterioso ammiratore dell’anziana aristocratica.

 
Hol letto quasi tutti i libri della Allende, ma questo proprio non mi ha convinto.
Si legge velocemnte, la scrittura è scorrevole, fin troppo, rasenta una semplicità che non si addice alla scrittrice. Un calderone di personaggi e situazioni che si sovrappongono a volte in modo illogico. Peccato perchè la storia di per se poteva essere davvero interessante.

10 commenti »

Le ragazze di Kabul – Roberta Gately

kabul   Elsa, ventenne americana, parte per l’Afghanistan come infermiera volontaria.
Parween, giovanissima afgana, è una ribelle assetata di vendetta verso i talebani.
Le loro vite si incroceranno tra morte, violenze, povertà, piccole gioie e amori, rabbia e umiliazione, il peso del burqa e il colore di un rossetto; le loro vite cambieranno per sempre.

 

Un libro che scorre, che vale la pena leggere anche se, sinceramente, la storia narrata è, a mio giudizio, trattata troppo sommariamente.
La trama è anche accattivante, soprattutto la parte che riguarda Parween e la descrizioni delle tradizioni matrimoniali e le leggende del popolo hazaro. Di quella che qui viene chiamata Parween in parte ne conoscevo l’esistenza, la chiamano la donna ribelle, una figura che a quanto sembra esiste veramente.
Come spesso accade anche qui la traduzione del titolo è veramente fuori luogo, titolo originale: Lipstick in Afghanistan, che ci sta tutto; titolo tradotto: Le ragazze di Kabul che non c’azzecca niente (città mai mensionata)…Mha!

Lascia un commento »

Pagine d’Amore – Karen Kingsbury

9788867021376 Molly Allen ha amato, contraccambiata intensamente ma mai dichiarandosi, da Ryan Kelly, chitarrista. Dopo essersi lasciati per una situazione mai chiarita, entrambi vivono nel ricordo uno dell’altro.
Si sono conosciuti al college e hanno frequentato una piccola libreria chiamata The Bridge che diventa il luogo dove leggere e parlare senza essere controllati dal potente padre di lei. La libreria è gestita da Charlie Barton e dalla moglie Donna, entrambi saranno chiamati a più di una prova difficile che attraverserà la loro tranquilla vita.
Un Natale riporterà Molly e Ryan in quella libreria dove si rincontreranno.

 

Ho letto questo libro perchè una mia amica ha insistito tanto, la Kingsbury è la sua scrittrice preferita, io sinceramente ne avevo sentito il nome ma non ne avevo mai letto un libro. Inzio a leggere e mi sembra, più che un romanzo, una favola dove i sogni fanno da padrone. E poi c’è la componente religiosa con tanto di miracoli. Non ho nulla contro questo argomento ma qui mi sembra veramente troppo martellante.
Quando ne ho parlato con la mia amica mi ha detto che l’autrice scrive libri che si ispirano alla religione cristiana. Ci può stare, ma a me sembra che l’argomento sia trattato con troppa superficialità, spero di non dire una cosa assurda, ma così la vedo io. Si fa un uso della Fede e del miracolo senza avre una base profonda se non l’uso stesso della Fede e della preghiera come mezzo troppo facile per ottenere qualcosa, che puntualmente accade. O forse questo mio punto di vista è dovuto al fatto che trovo il romanzo scritto in modo superficiale, poco articolato, anzi per niente, qualche emozione, ma niente di più.
Il libro mi ha delusa e annoiata, non lo consiglierei, a me non è piaciuto neanche un po’.

7 commenti »

La sposa bianca di Ousmane – Mariama Bâ*.

os Dakar, capitale del Senegal, fine anni ’60 primi anni ’70, Mireille, francese, figlia di un diplomatico e Ousmane, senegalese, si innamorano.
In quell’epoca un amore tra un nero e una bianca non era visto bene ne dai bianchi, ne dai neri.
I due, dopo varie vicissitudini riescono a sposarsi e la giovane Mireille, convertita all’islamismo e piena di speranze va a vivere a Dakar, tentando in tutti i modi di entrare nelle grazie della suocera, ma senza rinunciare ai suoi diritti e dignità.
Ma lo scontro di mentalità, l’apparenza di una vita che poteva adattarsi per entrambi, la sudditanza sociale a cui le donne senegalesi sono soggette, ataviche tradizioni, relazioni non in uso tra gli occidentali (poligamia), razzismo e la non accettazione della Toubab da parte della famiglia di Ousmane porteranno i due all’allontanamento.
L’asfissiante unione delle donne del luogo faranno della giovane bianca oggetto di razzismo che la isolerà rifiutandola; anche Ousmane, benchè abbia una ottima cultura (è insegnante di filosofia) non riuscirà a superare i comportamenti che la società senegalese gli impone, neanche davanti all’arrivo di un figlio che anzi verrà disprezzato perchè meticcio.
L’ipocrisia, i silenzi, l’isolamento porteranno Mirielle ad un gesto tragico.

 
L’autrice del libro la conoscevo perchè era stata citata durante un convegno sulle donne, a cui avevo partecipato anni fa,  in cui si parlava di violenza, dignità, parità…Ma non mi aveva sfiorato nenache l’idea di leggere i suoi libri. L’avevo completamente rimossa dalla mia mente fino a qualche giorno fa, quando, in una prticolare circostanza, un ragazzo senegalese mi ha regalato questo libro.
Nel libro ci sono precise denunce, forti se collocate negli anni ’80: malgrado il Paese si avviava ad una apertura culturale, proseguiva un percorso di aridità sentimentale e tradizionale che impediva, o quanto meno fortemente ostacolava, l’unione delle coppie miste impedendo lo sviluppo di una società più aperta e libera; il denaro aveva un ruolo sociale fondamentale; l’impatto devastante dell’ancestrale cultura era dominante; la poligamia diffusissima; la violenza sulle donne, non fisica ma morale e mentale era all’ordine del giorno.
La scrittura del romanzo è complessa essendo anche farcita di molte parole in lingua senegalese (ovviamente con nota che chiarisce il significato), a volte mi sono interrotta per rileggere alcuni passaggi, frasi a metà, punteggiatura non proprio ben collocata…; mi sarebbe piaciuta una descrizione più intima dei protagonisti, ma questo libro vale la pena leggerlo perchè ci fa conoscere un mondo sconosciuto, ci parla di gruppi, di individui soli, parla di quanto sia più comodo vivere nel passato che costruire un presente. Va letto per il coraggio che ha avuto questa donna di scrivere l’annientamento dell’ essere donne in una cultura dove non erano nulla se non avevano un uomo accanto, ha avuto il coraggio di parlare della frustrazione delle donne africane in alcuni contesti.
Da un sondaggio del 2011 si evince che molte donne europee sposano senegalesi accettando di essere prima, seconda o terza moglie, e che gli uomini dichiarano pubblicamente il loro stato civile. Ma allora cosa sarà mai cambiato?

 
*Mariama Ba nasce nel 1929 a Dakar, suo padre è stato il primo ministro della sanità della legge quadro Deferre; essendo orfana di madre è stata cresciuta dalla nonna.
Ha dovuto lottare per acquisire una formazione, perché in quel periodo si credeva non necessario che le ragazze avessero una cultura personale e ancor meno che potessero diventare insegnati cosa a cui lei aspirava. I nonni l’hanno fortemente ostacolata, ma grazie al padre che aveva una visione ampia del futuro è andata a scuola. I nonni erano una famiglia agiata (il nonno è un lebou, prima etnia a Dakar) che possedeva molti palazzi e anche una grande moschea in muratura dove le persone si riunivano ad ogni ora per pregare; Mariama Ba sarebbe dovuta crescere senza conoscere la scuola, con l’educazione tradizionale che comprende l’iniziazione a dei riti, avrebbe dovuto saper cucinare, lavare i piatti, setacciare il miglio, trasformare la farina in couscous, avrebbe dovuto saper lavare la biancheria, stirare i bubu maschili e sottomettersi, quando sarebbe arrivato il momento, con o senza il suo consenso, a un’altra famiglia, a un marito.
Dopo le scuole primarie, all’età di 14 anni sceglie di fare la segretaria frequentando un corso accellerato, ma la direttrice della scuola primaria, ritenedola particolarmente intelligente e dotata la ritira dal corso e gli fa fare un esame per entrare all”Ecole Normale des jeunes filles’ di Rufisque, scuola con base francese. Supera brillantemente l’esame ma i nonni si oppongono all’iscrizione, essendo il padre assente per lavoro la decisione aspettava a loro, la direttrice insiste fino ad ottenere il consenso, il legame tra le due durerà tutta la vita. Si diploma nel 1947 e inizia ad insegnare a Medina, lo farà per 12 anni fino quando, per una malattia, viene assegnata all’ispezione regionale; qui lavorerà fino al suo decesso avvenuto nell’agosto 1981 a seguito di una  lunga malattia.
Ha sposato un membro senegalese del Parlamento, Obèye Diop-Alto, quando ha divorziato si è dovuta prendere cura da sola dei loro nove figli.
E’ stata socia di un gran numero di associazioni femminili attive per dei diritti e la difesa delle donne: l’Amicale Germaine Legoff’, associazione di tutte le ex alunne della Normale; Soroptimiste International, sezione di Dakar; Cercle Fémina, che si interessa di solidarietà….
Non è riuscita ad inserisrsi in un partito politico anche se partecipa all’avvio del nuovo stato indipendente del Sénégal.
Si è battuta contro la disparità di trattamento tra l’uomo e la donna specie nella religione musulmana.
Pubblica il suo primo libro nel 1980, “Uni si longue lettre”, tradotto in numerose lingue che le valse il primo premio Noma in Africa. Nel 1981 viene edito “La sposa bianca di Ousmane” di cui non vede l’uscita essendo da poco deceduta.

“Dove soffre la donna, soffre l’intera umanità”

Mariama-Ba

2 commenti »