TUTTOLANDIA

"…il posto che mi piace si chiama mondo…"

Dal web

Tutto è cominciato molto tempo fa con la luna !
Stando vicina agli Angeli,
la luna aveva sentito dire che il 25 dicembre
sarebbe nato sulla Terra un Bambino straordinario.
In cielo c’era una grande agitazione.

Gli Angeli raccontavano che questo meraviglioso Bambino
avrebbe portato la pace, l’amore e la felicità sulla Terra.
La luna, emozionatissima,
decise che doveva fare qualcosa di straordinario
per celebrare la nascita del Bambinello.

Così, dopo avere riflettuto per bene,
chiamò tutte le stelle per annunciare loro la notizia
e chiedere loro un aiuto per preparare un regalo.

«Conta pure su di noi», risposero subito le stelle.
« Ma come possiamo aiutarti? Noi non sappiamo fare altro che splendere».

La luna spiegò loro il suo ingegnosissimo piano:
«La notte dell’evento, una di voi brillerà senza sosta sopra la casa in cui nascerà il Bambinoin modo che tutti sappiano dove andare per ammirarlo. Nei giorni che precederanno la nascita del Bambinello le altre stelle rimarranno al loro solito posto nei cieli,intorno alla Terra. Di notte, ciascuna di loro dirigerà il suo raggio luminoso verso la camera di un bambino addormentato per raccogliere i suoi sogni! »

Le stelle rimasero incantate da questo piano
«Immaginate che belle storie di posti meravigliosi e di animali straordinari potremo trovare nei sogni dei bambini», disse la Stella Polare.

«Noi le offriremo al Bambinello che sta per nascere e sono sicura che apprezzerà il nostro regalo! »

12 commenti »

Una frase…

E’ bene tornare bambini qualche volta e non vi è miglior tempo che il Natale,
allorchè il suo onnipotente fondatore era egli stesso un bambino.

Charles Dickens

32 commenti »

Domanda stupida…

Cosa ne pensate dei bambini star che cantano alla tele le canzoni degli adulti?

47 commenti »

Bambini?

Dal 2012 a oggi ci sono 10milioni in più di bambini che lavarano nei campi.

Oggi, in tutto il mondo (ufficialmente), sono 108milioni.

“Se cerchi l’infinito lo troverai nel sorriso di un bambino. Abbi cura di quel sorriso, è l’anima del mondo.”

B.Cucinelli

Lo stiamo facendo? Non credo.

20 commenti »

Bambini

Ci avevano detto che figli non ne avremmo avuti, “colpa mia”, abbiamo cercato l’adozine (anche se abbiamo sempre adottato tutti i figli di amici e nipoti, ce li lasciavano quando doveano uscire o passare una serata a due, un vero asilo), ma mai concessa, perchè all’epoca eravamo girovaghi per lavoro. Poi arriva Melissa e basta, questa volta davverto non si possono avere più, ripensiamo all’adozine, ma ancora no, per motivi miei di salute…vabbè abbandoniamo. In compenso adottiamo non legalmente, nel senso che seguiamo più di qualche bambino per svariati motivi.
Da 10 anni le adozioni di minori si è ridotto di quasi tre quarti. Anche per le adozioni di bambini da parte di Paesi che non sono quelli di nascita, se in parte è giusta l’adozione nei Paesi di appartenenza è pur vero che la maggioranza di loro continua a vivere in istituto.
Un crollo di adozioni. In Italia per le adozioni internazionali: 2010=4000 adozioni; 2017=1500
E’ pur vero che molti Paesi hanno chiuso le adozioni per paura di compravendite e scandali pedofilia.
E non è facile l’adozione, giusto, ma a volte sento cose assurde.

 

34 commenti »

Belle & Sebastien – L’avventura continua.

di Christian Duguay

 

 

Sebastien e Belle aspettano con ansia il ritorno di Angelina,  che purtroppo rimane vittima di un incidente: l’aereo su cui vola cade al confine tra Francia e Italia.
L’incendio che si propaga anche nella foresta fa pensare che non ci siano superstiti.
Sebastien non vuole convincersi che Angelina è tra questi, insieme all’inseparabile Belle e al nonno, decide di andarla a cercare.
Su suggerimento del nonno incontra Pierre Marceau, aviatore, che, oltre ad aiutarlo nella spedizione di salvataggio, si rivelerà più del provetto pilota che è. La vita di Sebastian cambierà.

Il primo film l’ho trovato stupendo, questo una favoletta dove tutti vissero felici e contenti, dove i salvataggi rocamboleschi mi sanno tanto di action movie assurdo.
Comunque bravissimo il piccolo Félix Bossuet; avrei voluto la splendita Belle più coinvolta; belli i paesaggi.
In questo film manca lo spettacolo naturalistico come poesia, manca l’emozione dei sentimenti che si appiattiscono a fronte delle azioni spettacolari. Sceneggiatura prevedibile.
Peccato, non mi ha coinvolto neanche un po, mi sono “accontentata”, già dall’inizio, per amore dei miei piccoli vicini.

8 commenti »

Il GGG – Il Grande Gigante Gentile

 di Steven Spielberg

 

 

 

Londra: Sophia, bambina orfana, viene rapita da un gigante che la porta nel Paese dei giganti
Il gigante ha il compito di soffiare i sogni nelle camere delle persone e dei bambini che stanno dormendo; GGG porterà anche Sophia nel Paese dei Sogni; è un gigante dolce, gentile
Nel Paese vivono anche dei giganti terribili, che amano nutrirsi di bambini, a differenza di GGG che è vegetariano, i giganti mettono paura; la bambina vorrebbe eliminare la violenza che usano per imporsi, e quando scopre che vogliono fare una srage non esita, insieme al GGG, a presentarsi alla Regina d’Inghilterra per spiegargli la situazione

 

 

Il film è tratto da un libro che non ho letto quindi non posso fare confronti; la viosione del film mi è stata proposta dai bambini della mia vicina a cui ieri, per tre ore, ho fatto da “guardiana” come dice il più grande (7 anni).
Gli effetti speciali non mancano e legano la fantasia cinematografica a figure reali.
Una trama che strizza l’occhio alla diversità, vi si insinua l’ironia; una favola un po’ ingenua, innocente, una favola con una magia dentro: quella della speranza.
Sinceramente un po ne sono rimasta delusa, mi aspettavo di più da un regista come Spielberg, ma vale la pena vederlo, per sognare ancora un po l’infanzia e abbandonare il disincanto della vita; i bambini si sono comunque incantati e divertiti con la figura del GGG.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

14 commenti »

Segreti

“I bambini hanno un mondo segreto che per gli adulti sarà sempre impenetrabile.”

J.K.Rowling

 

13 commenti »

In Francia

Cristo (particolare) Velazquez

In Francia fino il venerdì Santo le campane delle chiese restano silenziose in segno di dolore per Gesù Crocefisso.
Ai bambini si racconta che le campane volino verso Roma, per poi tornare la domenica della Santa Pasqua, in questo giorno i bambini  si affrettano a cercarle in cielo per vederle tornare.
Quando le campane iniziano a risuonare i più piccoli cominciano la ricerca delle uova di cioccolato che i genitori hanno nascoste precedentemente.

21 commenti »

Desiderio

«Il bambino chiama la mamma e domanda:

“Da dove sono venuto? Dove mi hai raccolto?”

La mamma ascolta, piange e sorride mentre stringe al petto il suo bambino.

“Eri un desiderio dentro al cuore.”»

Tagore

sweet-and-lowstampata

8 commenti »