TUTTOLANDIA

"…il posto che mi piace si chiama mondo…"

Il Corriere – The Mule

di Clint Eastwood.

 

Earl Stone, floricoltore, veterano di guerra, diventa corriere della droga in tarda età, causa un dissesto finanziario
In breve riesce a trasportare grandi quantitativi di droga per i narcotrafficanti messicani con il suo pick-up; guadagna bene e impiega gran parte del denaro per scopi benefici.
La sua età avanzata lo rende un insospettavbile, ma la DEA lo controlla e lo fermerà.

 

 

Film drammatico, pazzesco, da vedere,
Trovo sia un capolavoro, per la storia, la regia e l’interpretazione degli attori, tutti; eccellente Bradley Cooper, ma Clint Eastwood è davvero fantastico, potente, senza trucco mostra tutte le sue rughe, ma anche la sua ancora forte figura.
Il film è tratto da una storia vera (quella di Leo Sharp), Eastwood ha saputo magistralmente dirigerlo mettendo in evidenza l’America dei non-miti, del non-sogno.
Sorprendente e commovente il personaggio da lui interpretato. Un film sul tramonto della vita, che ancora scorre su binari inaspettati.
lo dico senza remore. Ho amato Eastwood dai film di Sergio Leone, mi ha incantato con lo sguardo dell’ispettore Callaghan, e ancora mi affascina.

17 commenti »

Sono così!

E’ un continuo ritornello…”…perchè non tingi i capelli, dai! sareti più in, più giusta…dai stai bene castano chiaro, dai dimostreresti un po meno…” insomma qualche amica e più di qualche conoscente mi vuole cambiata. E io rido. Io mi accetto come sono. Mi piace “sentirmi” come ho deciso di essere. Voglio guardarmi allo specchio e vedermi con i miei occhi e non come la gente mi vorrebbe vedere.
E comunque ringrazio per l’interesse e i consigli.

 

“Io sono più forte di me”
Clarice Lispector
(scrittrice brasiliana)

42 commenti »

Quanti anni ho?

Dopo un anno rivedo un mio amico, una persona dolce e sincera, ha 11 anni meno di me, fisicamente sembra sempre un eterno adolescente, magro, scattante, con quel bel sorriso a rallegrare il suo volto dalla pelle ambrata per le tante ore passate all’aperto. Una passione ch abbiamo sempre condiviso fino al giorno in cui lo hanno trasferito per lavoro (se non voleva perderlo). Lontano purtroppo.
Risate, ricordi, aggiornamenti sulle nostre vite…poi arriva una nostra amica che fa la battuta “del cavolo” : “Hai visto (guardandomi) non cambia mai, sembra sempre una ragazza, con quel fisico snello….” Ok, sono magra, ma sentirmi dire sempre sta storia mi scoccia, perchè devo sempre star li a dire che non faccio diete, che non faccio sport ossessivo….che sono nata così, una sorta di giustificazione che non mi appartiene. E invece vorrei poter dire, e il problema è che mi guardano come se stessi dicendo un’eresia, che sono così perchè di ogni età che ho attraversato e che sto attraversando (e mi auguro di attraversarne parecchie 🙂 ) mi godo i vantaggi e non i limiti, che non sono mai stata suddita della giovinezza reale ne’ di quella ossesivamente cercata, che, malgrado il tempo passa, non mi sento scaduta ma incredibilmente diversa ogni giorno, perchè ho dentro di me tante donne, tutte di età diverse ma tutte in contemporanea, ognuno esce al momento giusto prendendosi libertà, rischi e responsabilità….Perchè il “segreto” del mio essere così “giovane” non è il fisico, ma il continuo cambiare ogni giorno. Perchè la vita è un continuo cambiamento, il modo migliore per crescere sempre.
La mia età non è un fatto mentale, è fisico, inevitabile, e far pace con gli inevitabili cambiamenti del mio corpo mantiene l’anima giovane e se l’anima è giovane qualcosa fuori traspare.

22 commenti »

Differenza

Venezia, Meli ha 4 anni e mezzo, si diverte a guardare i piccioni che salgono sulle mie braccia e vuole provare…ma scappano. Nella foto si nota una giovane ragazza che ride e un reporter. E’ la televisone tedesca e quando un piccione decide finalmente che Meli gli è simpatica lo fa in modo davvero originale, l’altro reporter che era intento a fotografare Piazza San Marco è velocissimo a scattare ed ecco una foto strepitosa. La foto e un piccolo video risultano essere particolari e ci vengono chiesti per un programma tedesco che parlava delle bellezze italiane (culturali ovviamente) e diamo l’ok. Questa foto è stata usata per promuovere anche una campagna a favore degli animali abbandonati ed è in una pagina di un calendario che servì per raccogliere fondi per un canile vicino Milano. Tutto è stato concesso gratuitamente da parte nostra. Oggi sfogliando l’album delle foto di mia figlia me le sono trovate davanti e mi è preso un’attacco di nostalgia. In quella foto era piccola, paffutella, dolce, infantile, ignara che la vita non è solo un volo di piccioni.

m378

2004

Ora la guardo alzarsi la mattina, magra, alta, con i capelli azzurri, vestirsi per andare a scuola o al lavoro (da ieri ha 15 giorni di proggetto scuola/lavoro) e la vedo consapevole delle sue responsabilità, la sento stasera parlare con il padre della stanchezza delle sei ore in piedi, ma della grande soddisfazione di affrontare un lavoro a lei congeniale (laboratorio grafico), la sento ragionare sugli aspetti di questo lavoro….la vita scorre, corre e io ringrazio Dio di essere ancora qui a vedere la mia meravigliosa creatura diventare “grande”.

20161229_163127

 

23 commenti »

Non mi sento cadavere

Una mia amica ieri ha compiuto 50 anni, le invio un messaggio di auguri e mi rispone “..la vita si sta accorciando, che c’è da festeggiare? La vita s’accorcia e il corpo si disfa…”
Ho chiesto se aveva qualche problema, in effetti era da qualche giorno che non la vedevo. Mi risponde che non ci sono problemi, è l’età che non va bene, ultima parte del suo messaggio “…tu ne sai qualcosa!” Rispondo “…ok, allora io sono cadavere.” “Quasi”.
Ora, non ho risposto e non gli ho telefonato, ma sinceramente sono rimasta basita.
Ognuno pensa e vive come vuole, ma che cavolo! A 50 anni certe frasi le trovo assurde, e poi ancora di più rivolte a chi la vita se l’è vista per più di qualche volta sulla soglia della fine.
Un’altra amica mi dice che anche lei l’ha chiamata per gli auguri e neanche ha risposto, il marito dice che in questo momento ha deciso di tagliare con tutte noi e scegliere amiche più giovani. Vabbè sinceramente con cattiveria mi sono fatta una risata.

Allora, l’aspettativa di vita per le donne oggi è di circa 86 anni. A me non interessa sapere quanto potrei vivere (visto poi che la Nera Signora mi ha accarezzato più di qualche volta inaspettatamente), ma come meravigliosamente voglio vivere… Ovviamente spero di vivere a lungo, di potere godere delle tante opportunità che la vita mi mette o mi metterà a disposizione.
Perchè a questa età non dovrei sentirmi ancora curiosa, con la voglia di viaggiare, con la voglia di mettermi ancora in gioco in tante cose, di poter ancora gestire la mia famiglia come ho sempre fatto, di poter ridere delle mie inevitabili rughe che non offuscano per niente la consapevolezza e la fiducia in me stessa, di non aver paura del cambiamento fisico che è inevitabile, di non ascolatre con drammaticità i miei ormoni ormai oscillanti, anzi…
E allora mi faccio la mia giornaliera puntura di ottimismo.
Vivi Paola come vuoi, con passione, amore, felicità e che nessun ostacolo mi possa fermare, rallentare senz’altro, ma fermare fino all’ultimo non lo permetterò. Soprattutto dalla mentalità che ancor di più oggi detta legge sulla bellezza e l’età, una mostruosa bugia che crea il vuoto dentro invece che la consapevolezza che l’importante è essere e non apparire.

 

“Se sei bella a sedici anni, non è merito tuo.
Se sei bella a sessanta, è l’anima che si mostra”

Marie Stopes

1980413img-20161106-wa0007

51 commenti »

Ha detto…

Pablo Picasso:

“La gioventù non ha età.”

Lascia un commento »