TUTTOLANDIA

"…il posto che mi piace si chiama mondo…"

Il bosco sotto il pino

Così chiamo io questi meravigliosi fiori selvaggi nati sotto questo albero

 

L’albero è stato regalato a mia figlia quando aveva un anno, ha 24 anni se calcoliamo che quando è stato acquistato era in vaso da quasi un anno. Lo abbiamo tenuto un po’ nel suo vaso ma quando abbiamo visto che si stava rovinando abbiamo deciso di piantarlo, unico posto disponibile era dove alloggia adesso. Non credevamo sarebbe cresciuto e invece….

 

13 commenti »

Un dono inaspettato…

…e che per un attimo ha colorato la mia giornata. Apprezzato e inaspettato.
Grazie.
A volte basta poco per dare sollievo al cuore.

14 commenti »

Il giardino/prato ai tempi del coronavirus…

Il mio, si, è un po’ giardino e un po’ prato, diciamo che lo lascio al “naturale”, e mi incanto a guardarlo….ci passo diverso tempo.

Oggi non era proprio l’ideale stare fuori, vento freddissimo…ma come  fai a resistere quando sulla testa ai tanta meraviglia, anche se promette pioggia?

E quando rientri per scaldarti lui è li, ancora un po’ a tenerti compagnia

 

26 commenti »

L’ape bionica

Ma davvero avremo bisogno dell’ape bionica?
L’ha inventata l’americana Anna Haldewang (studentessa di design).
Un drone dal colore giallo/nero che spargerà polline per supplire all’assenza delle “vere” api, messe a rischio da cambiamenti climatici e pesticidi.
Per il momento c’è un solo protodipo…e io mi sento immalinconire.
L’impollinazione, immenso atto d’amore potrebbe diventare un atto meccanico….

 

“Quando arriva la primavera,
per chi sbocciano i fiori'”

Hsueh-Tou

19 commenti »

Il fiore colorato (e io ne ho tanti)

Ho molti conoscenti, ma pochi amici (maschile/femminile).
Amiche, nel senso di femmine ancor di meno.
Ma quei pochi amano venire a casa mia, per un pranzo (dicono che cucino bene), per un caffè, per essere ascoltati, spesso mi dicono “…chi ti ascolta più, nenache in casa…”. Diciamo che sono una che sa relazionarsi, non con tutti eh! proprio no! Se non mi va a genio qualcuno lo dimostro palesemente, anche se rispetto sempre tutti. A volte casa mia diventa un crocevia…io divento un crocevia. Più di qualcuno mi dice che sicuramente sono così perchè ho avuto una vita da favola….Ora, lo dico senza modestia, come dico sempre me la sono e me la canto, ma io davvero sono amabile, non faccio alcuno sforzo per esserlo a tutti i costi, non mi interessa, io sono quella che sono. (punto), io lo dico sempre che sono stata fortunata: amata da piccola, professori eccellenti nel periodo scolastico, datori di lavoro con cui ancora sono in contatto perchè mi hanno insegnato molto, fortunata in amore…insomma sono fortunata, ma, ma…si domanderà qualcuno se dietro tutto questo non ci sia anche la mia fatica? Se solo sapessero quante volte mi sono messa in gioco, quante volte mi sono sfidata, ho sfidato, ho faticato, ho rischiato, quante volte sono caduta, mi sono fatta male, sono stata ferita…le esperienze amare mi hanno fatto crescere e migliorare. Qualcuno si chiede se la favola a volte non è stata dolorosa? La gente ti guarda e pensa che cammini a tre metri da terra perchè sei fortunata, ed è difficile far capire che proprio così non è, a volte ti senti dire “…che problemi hai tu?” Che espressione stupida! Se sapessero quanto a volte la sera sono sfinita, fisicamente e nell’anima. Ma poi? Non è che semplicemente si nasce così?
Qualcuno mi chiede se ho un segreto per essere sempre così disponibile, non essere mai arrabiata con la vita, per non essere mai acida (espressione che mi fa morir dal ridere), per vedere sempre un lato positivo.
Certo che ce l’ho un segreto, ora lo rivelo: ogni dolore e ogni gioia che ho provato hanno inciso nel mio cuore un fiore colorato che non posso far morire, lo annaffio tutti i giorni perchè possa continuare a creare profumo d’Amore.

27 commenti »