TUTTOLANDIA

"…il posto che mi piace si chiama mondo…"

Colette

di Wash Westmoreland

 

 

La ventenne Gabrielle Colette, vive in provincia, nel 1893 sposa Willy, scrittore, critico, seduttore.
Vanno a vivere Parigi, dove conducono una intensa vita mondana tra salotti letterari, figure di artisti, giochi amorosi e scandali.
Gabrielle ama scrivere, ha un vero talento, Willy la convince che firmare i scritti a nome suo sia la migliore strategia. E così sarà.
Ma quando Gabrielle incontrerà Missy, con la quale si legherà sentimentalmente, decide di rompere il matrimonio e rivendicare la proprietà delle sue opere; presa coscienza del suo valore come artista e della sua sessualità, costruirà la sua emancipazione sociale diventando solo Colette*.

Il film è biografico, racconta una parte della vita della scrittrice Colette.
Un buon film, ma sinceramente mi aspettavo qualcosa di più. A tratti mi ha annoiato. Da una figura così “rivoluzionaria” si poteva trarre qualcosa di più importante. Più che della vita di Colette sembra un’affresco sulla Belle Epoque, uno spaccato frenetico del momento, che sicuramente ha la sua importanza ai fini della storia, ma è qualcosa di visto e rivisto in altri film.
La regia a mio giudizio pecca di originalità, si impantana nei scandali, rapporti e intrighi della protagonista calcando sulla carnalità e passione, riducendo così il vero valore di Colette, quello artistico, senza troppo descrivere il raggiungimento dell’indipendenza femminile e conseguente femminismo.
Comunque belli i costumi e la ricostruzione degli ambienti parigini. Brava Keira Knightley (Colette) che sfodera la sua sensualità, il suo fascino nel bene e nel male, anche se un po richiama ad altri ruoli da lei sostenuti in altri film, Colette esigeva secondo me qualcosa di più incisivo; davvero strepitoso Dominic West (Willy), un vero talento in questa interpretazione che può apparire antipatica per il ruolo del marito maschilista e opportunista.

 

*Colette è considerata una delle maggiori scrittrici francesi, candidata al Premio Nobel per la letteratura nel 1948

 

Lascia un commento »

Saving Mr. Banks

di John Lee Hancock

 

 

Londra 1961, Pamela Lyndon Travers, scrittrice di romanzi per l’infanzia, dopo vent’anni cede alla richiesta del suo editore, Mr. Russel: incontrare Walt Disney, ossessionato dall’idea di realizzare un musical tratto da “Mary Poppins”, romanzo sulla tata tuttofare dotata di poteri magici e del quale la scrittrice non vuole cedere i diritti. Pamela è in difficoltà economiche, ma ancora non si decide a capitolare.
Quando Pamela, che ha avuto un’infanzia non facile, arriva in California, viene travolta dalle mille attenzioni di Walt Disney e dei suoi assistenti.
Walt Disney dovrà affrontare molte difficoltà per convincere la prevenuta, severa, ostica ma dal carattere fragile, Pamela Travers.

Film da vedere assolutamente, spiritoso, con dialoghi brillanti, immagini bellissime.
Una commedia sulla nascita del film su Mary Poppins, con risvolti mai raccontati.
Attori calati completamente nei personaggi, magistrale, perfetta, straordinaria Emma Thompson, bravissimo, impeccabile, grandioso Tom Hanks, senza dimenticare Colin Farrell; eccellente la regia, splendita la fotografia
Il film è anche un viaggio tra passato e presente della scrittrice, affidato a commoventi flash back; c’è lo scontro tra due forti personalità che appassiona, la donna chiusa in se stessa, intransigente e l’istrione visionario e determinato.
Scoprirete la verità sui personaggi che animano Mary Poppins, un mondo sconosciuto, intenso, un mondo che anche se avvolto dalla magia racchiude la solitudine, la tristezza, la sofferenza della scrittrice, e scoprirete perchè Pamela Lyndon Travers aveva difficoltà a cedere Mary Poppins; il film è un viaggio psicologico della sua vita.
E scoprirete chi è il signor Banks…..veramente.

 

 

 

 

 

 

15 commenti »

Libri…

“Non c’è nessun amico più leale di un libro.”

Ernest Hemingway

8 commenti »

Io bambina…

Sono un po assente in questi giorni, sto facendo un grande lavoro…ho requisito un vecchio baule di mio nonno, contiene i suoi libri, quei libri che io leggevo già da piccola, non sto a spiegare perchè ne entro in possesso solo ora, sono passati tanti anni, troppi, ma non mollo mai, quando ho in mente qualcosa difficilmente mi do per  vinta. Li apro, li metto alla luce, li spolvero, li annuso…e torno bambina. Un effetto meraviglioso. E li sto rileggendo. Nel frattempo riordino le fotografie che ha lasciato mia mamma, Tra queste  ho trovato lettere d’amore, lettere che si scambiavano mia madre e mio padre prima del matrimonio. Non ho il coraggio di leggerle, mi sembra di violare la loro intimità…ma so che prima o poi lo farò, mi piace pensare a quell’amore che è stato forte e dolce e passionale….credo che su quelle lettere mi struggerò. E ho trovato una letterina che scrissi a mia mamma quando era in ospedale, avevo 9 anni, una calligrafia pulita, ordinata, dolci parole…
Io bambina, ho attraversato un tempo lungo…e ancora non ho perso quel cuore da bambina, mi sostiene e mi rallegra, mi fa sognare. Mi fa amare

“Avere un cuore
da bambino
non è una
vergogna.
E’ un onore.”

Ernest Hemingwey

 

20 commenti »

Libri

“Il libro originale non è quello che non imita nessuno, bensì quello che nessuno può imitare”
(Chateaubriand)

Lascia un commento »

Grazie Melissa

Nel suo sabato romano c’è stato spazio  per pensarmi… E mi conosce di più di quanto io pensi…

E grazie per la dedica forte e bellissima che mi ha scritto sulla prima pagina, non la riporto perchè molto personale, con quella sua grafia minuta, di chi ancora non si sente sicura in questo mondo, quasi una riservatezza che è lo specchio del suo essere ❤

 

21 commenti »

Storia di una ladra di libri – Markus Zusak

ladra 1939 – Germania.
Liesel Meminger durante la sepoltura del fratellino trova un piccolo libro, lo prende e lo custodisce segretamente. Non sa leggere ma apprenderà le parole grazie al padre adottivo, che gli impara anche ad amare la musica: “Mai dimenticarci la musica.” E’ il periodo nazista e i libri vengono bruciati, Liesel cerca di portarne via alcuni, li ruba anche a casa del sindaco, vuole salvarli e ha sete di sapere. Ama leggere, unica forza contro il momento difficle che vive l’umanità. Ha un alleato, Rudy, che condividerà con lei i furti di libri anche se preferirebbe rubare generi alimentari. Malgrado tutto Liesel è serena, ma tutto cambia quando in casa arriva un giovane ebreo che la famiglia nasconderà per diverso tempo: Papà disse: ” Com’era là fuori?”  Max sollevò il capo, con un’espressione stupita. “C’erano le stelle”, disse. “Mi hanno bruciato gli occhi.”

 

Ho riletto questo libro sotto la spinta di Melissa, che a sua volta voleva rileggerlo. Insieme a me. Voleva commentare la Morte, personaggio chiave di questo stupendo libro.
All’inizio si fatica un pò a leggerlo, ma poi ti avvince e vai di filato. Trama impostata in modo originale, a volte spiazza. Un romanzo che fa riflettere sulla vita, sulla morte, sul dolore, sulla paura, sulle inutili e devastanti guerre. E’ un libro di speranza perchè le parole, i libri, sono ciò che possono salvare la mente, il cuore, l’anima dalle brutture del mondo.
E la figura della Morte a noi è piaciuta, dice una grande verità, che forse ancora l’uomo non ha capito, o si rifiuta di accettare, preso com’è dalla sua onnipotenza.

 

La Morte:
***PICCOLO MA SIGNIFICATIVO COMMENTO***
Nel corso degli anni ho visto tanti giovani che credono
di correre gli uni contro gli altri.
Non è così.
E’ verso di me che corrono.

La Morte:
***UN ULTIMO FATTO***
La ladra di libri è morta ieri.

12 commenti »

Storia di una ladra di libri

ladraFilm di Brian Percival.
In Germania, alla soglia della Seconda guerra mondiale, Liesel Meminger, ragazzina di 11 anni, vede morire suo fratello, viene allontanata dalla madre (costretta a lasciare la Germania per le sue idee politiche), viene adottata da Rosa e Hans Hubermann, viene mandata a scuola dove si rivelerà incapace di leggere. Liesel conserva un libro, “rubato” al becchino che ha seppelito il fratellino, pur sapendo di non poterlo leggere. In breve tempo impara le prime nozioni del leggere e dello scrivere, riesce ad amare la sua nuova famiglia che deciderà di nascondere in casa Max Vandenburg, giovane ebreo, figlio di un amico di Hans, sfuggito ai rastrellamenti tedeschi. Il ragazzo aiuterà Liesel a esternare con le parole i suoi sentimenti. La ragazzina gioca innocente con i nuovi compagni, ma la voglia di leggere sarà tanto grande che “ruberà” dei libri in casa del sindaco  per leggerli a Max, gravemente malato, perchè capisce che sono l’unica via d’uscita ad un mondo di repressione; grazie a quelle letture maturerà e conoscerà alti aspetti della vita. La guerra sconvolgerà la giovane ragazza con la morte di molti che vivevano accanto a lei.

 
Tratto dal romanzo “La bambina che salvava i libri” (che non ho letto) di Markus Zusak è un film bellissimo, doloroso, che  mi ha emozionato. Come molti film che trattano di nazismo e potere viene evidenziata la non cultura dei regimi, la repressione di questa che, si sa, non può che generare parole che inducono la cosienza a mettersi in gioco, che parlano di vita, che sviluppano l’immaginazione.
Il film ci mette davanti a un fatto tipico dei periodi di guerra: giovanissimi forzati a crescere per difendersi e affrontare la crudeltà di chi in questa follia si sente onnipotente, dove le debolezze si trasformano in forza. Un film dove c’è spazio anche per la speranza: quella di aiutare chi è perseguitato, quella di distrarre chi si nasconde per il bombardamento, nel bisogno di condividere l’amore. Un film che cattura, anche senza effetti speciali, perchè il vero effetto è l’insegnamento che c’è dentro, che non dobbiamo mai dimenticare, tralasciando l’aspetto della libertà che è fondamentale e credo ovvio, parliamo della cultura: insegna, libera, fa varcare i confini…Dovremmo sempre ricordarlo, come dice nel film l’ebreo Max Vandenburg (interpretato da Ben Schnetzer), “Le parole sono vita”.
Ho trovato originale la “voce narrante” che altri non è che la Morte, che si concede uno stop per seguire la vita di Liesel, quella morte che non di impossesserà della piccola per moltissimi anni, ma gli toglierà altro.
L’interpretazioni degli attori mi è piaciuta molto: Sophie Nélisse (Liesel) è magistrale, il suo volto vale mille Oscar; Geoffrey Rush (Hans Hubermann), molto indovinato il suo modo di interpretare questo padre adottivo che ama e ha sentimenti di libertà; Emily Watson (Rosa Hubermann) a cui avrei dato l’Oscar comer migliore attrice non protagonista, e che dire del giovanissimo Nico Liersch (Rudy Steiner), amico e innamorato di Liesel, che si tinge di nero per assomigliare a Jesse Owens; ma tutto il cast è stato all’altezza dei personaggi assegnati.
Molti hanno criticato la sceneggiatura, giudicata prevedibile, sinceramente trovo che non avesse bisogno di grandi effetti, come la regia, la storia è di per se ben presentata, credo che lo scopo sia stato proprio questo: centrare la storia sulla trasformazione che le guerre portano nei giovani, non far mancare la cultura, i libri, che sono uno dei modi fondamentali per non far passare la follia di regime. Un film da vedere.

 

 

18 commenti »