TUTTOLANDIA

"…il posto che mi piace si chiama mondo…"

I libri sono tesoro

“Certi libri costituiscono un tesoro, un fondamento; letti una volta, vi serviranno per il resto della vita”

Ezra Pound

Annunci
41 commenti »

Leggiamo?

“Leggete per vivere”

Gustave Flaubert

 

Nel tardo pomeriggio ho assistito ad una conferenza sulla lettura e il teatro; l’avvenimento è stato organizzato da un’associazione privata culturale allo scopo di sensibilizzare i cittadini dell’area in cui vivo.
Ci potete credere se vi dico che eravamo in dieci? Mi sarei messa a piangere, e non credete che l’assenza sia dovuta a ferie o simili…è sempre così quando si tratta di cultura.
Da un sondaggio fatto risulta che qui pochissimi leggono e ancor meno vanno a teatro (e vi posso garantire che è vero, esperienza diretta).
Uscita dalla conferenza mi è venuto di pensare che i tagli sulla cultura che in Italia si fanno  qui neanche se ne accorgono, interessa a ben pochi 😦
Già lo stato ci mette di suo per distruggerla, spererei almeno che noi cittadini riusciamo ad impedire uno scivolone verso la “povertà” che ciò comporta. A tutti i livelli sociali, non è solo per alcuni.
Se solo penso a quanto sia bello leggere, è un viaggio: nel tempo, nello spazio infinito, in strade nuove da esplorare, nelle vite in cui ti puoi immergere.
E sono lieta che mia figlia, che usa il computer tantissimo, va al cinema (televisione quasi zero come me), ritiene i libri ancora una priorità assoluta. Una magia. Lei dice che leggere è tante vite; su di un foglio che è attaccato nella sua camera ha scritto una frase tratta da un libro che ha letto, una frase che secondo lei dice tutto ciò che pensa dei libri,”Mi taglio sfogliando il mio libro preferito. Questo è amore.”

 

“…Rilassati. Raccogliti. Allontana da te ogni altro pensiero.
Lascia che il mondo che ti circonda sfumi nell’indistinto.
La porta è meglio chiuderla; di là c’è sempre la televisone accesa.
Dillo subito, agli altri:”No, non voglio vedere la televisione!”
Alza la voce, se no non ti sentono:”Sto leggendo! Non voglio essere disturbato!”

Italo Calvino
da Se una notte d’inverno un viaggiatore

19 commenti »

Tag, Tag, Tag…

1) Travel Tag Challenge

    …è successo davvero?

tag-turisti

 

per questo tag/gioco ringrazio M. & P. dell’interessantissimo blog A Tourist Abroad (https://atouristabroad.wordpress.com)

Regole del gioco:

Usa l’immagine del tag originale.
Nomina l’ideatore del tag, A Tourist Abroad, inserendo il link al blog.
Racconta le 3 cose più strane che ti sono successe in viaggio: 2 vere, 1 inventata.
Inserisci alla fine di ogni racconto la frase “…è successo davvero?“
Tagga almeno 5 blog!
Prima di giocare, cerca di indovinare quale delle 3 cose raccontate nel post di chi ti ha taggato è falsa!

Iniziamo…

1. Brancaleone, Calabria, un hotel stupendo, giardino meraviglioso, piscina, mare cristallino e…3 coppie sole in vacanza. Si fa amicizia (inevitabile), si pranza e cena a tavola con il maitre e la moglie, la cuoca, una stupenda signora calabrese che ci ha fatto assaggiare tutte le meraviglie calabresi. Sei giorni di risate, annedoti, nuotate, chiacchiere e silenzio…solo tre stanze occupate in un albergo che ne aveva circa 100…una spiaggia intera tutta per noi. E una vetrata crivellata di colpi da mitra.

Secondo voi… è successo davvero?

 

2.Val d’Aosta, Valsavarenche, ore nove del mattino, ci incamminiamo all’interno di un bosco, era il 10 settembre, il freddo già si faceva sentire, dopo un’ora di camminata si arriva ad uno slargo dove tre forzuti boscaioli facevano colazione: grappa di mirtillo, panini, vino…ci invitano a mangiare con loro, accettiamo, io bevo un pò di vino e dopo mi addormnto sul tavolo di legno….ho dormito per 30 minuti filati con grande disperazione di mio marito che voleva continuare la passeggiata. Però che bel ricordo ho dei boscaioli!

Secondo voi… è successo davvero?

 

3. Rotte Capozze Farm (Calabria)..Sembra un nome inventato, ma è un luogo vero ed è da sogno dove calette e rocce lo rendono magico (vi farei vedere le foto, prima o poi le posto); ci sono stata tantissimi anni fa, pochi all’epoca lo conoscevano, più che altro i residenti (molto scarsi su quel promontorio a picco sul mare). Io e mio marito scendiamo la scogliera per raggiungere la spiaggia bianca, fine, il mare è perfetto, passiamo lì quasi tutto il giorno passando da caletta a caletta (via mare), quando decidiamo di tornare indietro perchè notiamo il mare muoversi troppo, ci rendiamo conto di non poterlo fare, l’alta marea ci aveva sorpreso e il mare rumoreggiava con forti correnti. Dopo l’iniziale smarrimento decidiamo che più che restare lì non potevamo fare. Passiamo l’intera notte sulla spiaggia, battendo i denti, avvolti nei teli da mare, all’alba finalmente la bassa mara e torniamo indietro…in albergo avevano deciso di dare l’allarme se non saremmo rientrati entro l’ora do pranzo.
Secondo voi… è successo davvero?

 

Provate a indovinare.

 

2)Rapid Fire Book Tag

tag-shioren

 

Ancora un tag a cui partecipo volentieri, per questa nomina ringrazio Shio del fantasioso blog Il mondo di Shioren (https://ilmondodishioren.wordpress.com), gli appassionati di manga non possono non visitarlo..

 

Le regole:

-Rispondere alle domande del tag.
-Citare chi vi ha taggati…

 

Domade/risposte:
*Ebook o Cartaceo?*
Cartaceo, follemente cartaceo, l’odore della carta, il poterla toccare, non ha paragone.

*Shopping online o libreria?*
Libreria, devo gironzolare, guardare…appropriarmi della sua magia.

*Trilogie o serie?*
Nessuno delle due.

*Eroi o cattivi?*
Entrambi, mi deve affascinare il personaggio in tutte le sue caratteristiche.

*Un libro che vorresti leggessero tutti?*
Non so, i libri alla fine andrebbero letti tutti…

*L’ultimo libro letto?*
I baci di una notte (ahimè)

*L’ultimo libro acquistato?*
I segreti del Vaticano – Corrado Augias

*La cosa più strana usata come segnalibro?*
Uso solo segnalibri comprati nei luoghi più impensati o nei miei viaggi (quello che amo di più me lo hanno fatto i miei fratelli con carta forbici e ritagli di giornali quando erano piccoli) o cartoline, santini, fogli bianchi per appuntarmi impressioni, emozioni…

*Libri usati o no?*
Amo quelli nuovi, ci appunto le cose, devono essere mia esclusiva, ma non disdegno qualche vecchia edizione trovata ai mercatini.

*Il nome dei primi tre libri che ti vengono in mente:*
Le braci, la Bibbia, Il vagabondo delle stelle

*Un libro che ti ha fatto ridere e piangere allo stesso tempo?*
Nessuno.
*Un film o un telefilm che hai preferito al libro?*
Non saprei.
*Giudichi un libro dalla copertina?*
No, ma ne sono affascinata.

 

3)Tag : Guardaroba passpartout – i Capi essenziali da avere nell’armadio …

armadio

Ed eccomi all’ultimo blog ; per questo ringrazio la dolce Violeta, i suoi blog pieni dei suoi scatti sono fantastici (https://violetadyliopinionistapercaso2.wordpress.com – http://www.violetadyliphotographer.com – https://fotografasenzastampante.wordpress.com). Mi scuso per i scatti poco carini ma non sono brava a fotografare.

Le regole per poter partecipare sono semplici :

– 1 Citare il blog che ha creato il Tag che è : Messy Streets .

-2 Raccontare quali sono i nostri dieci capi che non devono mancare nel nostro armadio e se vogliamo possiamo illustrare tutto con delle foto fatte da noi oppure reperite in web .

3- Invitare a partecipare dieci bloggers

 

Iniziamo:

1-20161110_120019 Non manca mai una camicia nera, se portata con pantaloni stile uomo o jeans diventa sportiva, su una gonna plissttata lunga o a tubino, con accessori colorati uò essere elegante.

2-20161110_120103 Gonna nera, io la preferisco a tubino e con tessuto elasticizzato, risolve molte “situazioi” dell’ultimo minuto, basta giocare con gli accessori.

3-20161110_120756 E per terminare la serie del nero, il tubino, anche qui ci possiamo giocare alla grande!

4-20161110_120314 Ne inserisco uno dei tanti..amo in estate portare abiti colorati, lunghissimi, anche scollati…se potessi li indosserei scalza, ma visto che non si può! Scalza perchè trovo i piedi nudi estremamente sensuali se si intravedono sotto abiti di questo tipo. Questo che ho postato è il mio preferito.

5-20161110_120451 Camicia e gilè jeans…non potrei farne a meno, li uso con i pantaloni, leggings e gonne lunghe e particolari.

6-20161110_120819 Un capo che non mi faccio mancare mai è una camicia bianca, se stile uomo (come questa) ancora meglio, mi piace giocare con i capi maschili…

7-20161110_121037 nel mio armadio non mancano mai i cappelli, nè d’estate nè d’inverno…questa è una zarina sfiziosa che mi iverto ad indossare spesso…anche per ripararmi dal freddo.

8-20161110_121242 E foulard e sciarpe? Potrei aprire un negozio…

9-20161110_121314 Collane, bracciali, anelli…ne ho una quantità incredibile, mio marito mi coccola in questo senso…

10-20161110_12154720161110_121623 E sacrpe…si stivale, decoltè…ma quelle nere non possono mancare, come non possono mancare scarpe stile uomo, le adoro!

Ho lavorato anni nella moda come direttrice e curatrice di negozi, indossatrice e creatrice di capi, ma sinceramente potrei indossare lo steso pantalone per anni, lo stesso maglione, ma il mio vero debole è la biancheria intima e le camicie da notte…mi sfizio davvero!

 

Non nomino nessuno, c’è tag da scegliere fatevi sotto amici blogger!!!

 

 

 

12 commenti »

Book Tag – Giochiamo con i libri!

non-puoi-comprare-la-felicitc3a0-ma-puoi-comprare-dama

 

Ancora una volta ringrazio la Dama del blog https://raccontidalpassato.wordpress.com, per avermi coinvolto in questo tag. Non è facile scegliere, ma vado di filato senza pensare troppo, come richiedono le istruzioni (riportate qui sotto…).

 

Istruzioni: Elenca 10 libri che ti sono rimasti dentro, non metterci più di una manciata di minuti e non pensarci troppo non devono essere capolavori o libri “giusti”.
Solo quelli che ti hanno colpito e tagga 10 amici.
Il male oscuro/ Giuseppe Berto
Le braci/Sándor Márai
L’alchimista/Paulo Coelho
Il vagabondo delle stelle/Jack London
Racconti di fantasmi/Henry James
Ventimilaleghe sotto i mari/Verne
Fuga dal Campo 14/Blaine Harden
Uccidere per amore/Giorgio Scerbanenco
Ti riporto a casa/Nicola Maestri
Storia di neve/Mauro Corona

Non so perchè mi siano venuti in mente questi…sono libri che comunque fanno parte di me.

Nomination

bloodyivy.it

argentoblu.wordpress.com

mentitude.com

fabianaschianchi.wordpress.com

occhialfuturo.wordpress.com

ilperdilibri.wordpress.com

oriana75.wordpress.com

violetadyliopinionistapercaso2.w…

theguywhosaidalwaysno.wordpress.com

https://adelfonenci.wordpress.com

5 commenti »

Il passato fa capolino…

Questa mattina volevo andare nel campo del mio Hailander, ma l’erba è talmente alta che ho avuto paura di incontri poco simpatici (vedi serpenti, anche vipere), quindi ho rinunciato; volevo andare in alta montagna ma non avevo l’auto a disposizione (vedi meccanico); di stare sotto la coperta a smaltire il dolore per Romana non se ne parlava (vedi operai della vicina con trapani e fiamme ossidriche) e allora come scaricare? Decido di tirare giù tutto quello che c’è nel mobile della sala libri compresi, una fatica pazzesca, che non avrei potuto fare visto il loro peso, ma quando mi entra in testa e nell’anima qualcosa nessuno mi ferma. Inizio da piatti e bicchieri

20160212_105939 20160212_105948  20160212_110008 poi passo ai libri, che non mi accontento di tirare giù e spolverare, li sfoglio quasi tutti, dentro ci sono immagini sacre appartenute a mia nonna, antiche, bellissime, pagine di diari di persone a me care, petali di fiori che ho staccato da mazzi di fiori che mi sono stati regalati, insomma i miei sono libri portatutto 20160212_092150  20160212_101902  20160212_101854  20160212_091740 Non so quante volte ho spolverato questi miei libri, e mai e mai mi era caduta tra le mani questa cartolina, già, la vecchia mitica cartolina, e la mia testa questo spaccato di vita non l’ha dimenticato; mi sono ritrovata nei miei meravigliosi, spensierati 20 anni, con questo amico, commilitone di mio fratello, dagli occhi color della brace, allegro, simpatico, quanti bei momenti passati nsieme, ci siamo scritti sempre fino a quando non è partito per la Germania, eravamo legatissimi, andavamo in bicicletta, a ballare, a giocare a calcio, a biliardino. Mi sono immersa in quel meraviglioso ricordo e l’anima si è lasciata andare e ha lasciato uscire il sasso che la comprime dolorosamente  20160212_102212

 

24 commenti »

Mi descrivo con i libri Tag

Mi descrivo con i libri

 

Per questo Tag insolito e originale ringrazio Patty, del blog https://ilmondodelleparole.wordpress.com. Non è stato facile descrivermi e descrivere ciò che penso con i libri, anche perchè le interpretazioni sono molto personali, sicuramente le mie non sono riferite ai titoli ma al contenuto; ho faticato a scegliere perchè ad alcuni avrei dovuto affiancarne altri che avrebbero completato la dscrizione, ma nella regola non è specificato e mi sono astenuta.
Le regole: una, semplicemente rispondere alle domande attraverso i titoli dei nostri libri.
(l’immagine che descrive il tag è stata realizzata da Meli e non è parte del Tag, non c’è un logo rappresentativo, se vi piace potete usarla)
1) Sei maschio o femmina? Afrodita di Isabel Allende

2) Descriviti. Il gabbiano Jonathan Livingston di Richard Bach

3) Cosa provano le persone quando stanno con te? La mia Africa di Karen Blixen

4) Descrivi le tue relazioni precedenti. Una città per due di Carlo Castellaneta

5) Descrivi la tua relazione attuale. Inés dell’anima mia di Isabel Allende

6) Dove vorresti trovarti? La strega innamorata di Pasquale Festa Campanile

7) Come ti senti nei riguardi dell’amore? Ti riporto a casa di Nicola Maestri

8) Come descriveresti la tua vita? L’alchimista di Paulo Coelho

9) Cosa chiederesti se avessi a disposizione un solo desiderio? I detectives dell’archeologia di Ceram

10) Dì qualcosa di saggio. Pinocchio di Collodi

11) Una musica. Kunda di Giuseppe Mercuri

12) Chi o cosa temi? La notte di Elie Wiesel

13) Un rimpianto. Un uomo di Oriana Fallaci

14) Un consiglio per chi è più giovane. Storia di una ladra di libri di Markus Zusak

15) Da evitare accuratamente. Uccidere per amore di Giorgio Scerbanenco

 

E ora veniamo alle nomine:

https://alicejaneraynor.wordpress.com

https://raccontidalpassato.wordpress.com

https://donnaemadre.wordpress.com

https://mifo60.wordpress.com

https://tuttoilmondoateatro.wordpress.com

https://kalosf.wordpress.com

17 commenti »

Storia di una ladra di libri – Markus Zusak

ladra 1939 – Germania.
Liesel Meminger durante la sepoltura del fratellino trova un piccolo libro, lo prende e lo custodisce segretamente. Non sa leggere ma apprenderà le parole grazie al padre adottivo, che gli impara anche ad amare la musica: “Mai dimenticarci la musica.” E’ il periodo nazista e i libri vengono bruciati, Liesel cerca di portarne via alcuni, li ruba anche a casa del sindaco, vuole salvarli e ha sete di sapere. Ama leggere, unica forza contro il momento difficle che vive l’umanità. Ha un alleato, Rudy, che condividerà con lei i furti di libri anche se preferirebbe rubare generi alimentari. Malgrado tutto Liesel è serena, ma tutto cambia quando in casa arriva un giovane ebreo che la famiglia nasconderà per diverso tempo: Papà disse: ” Com’era là fuori?”  Max sollevò il capo, con un’espressione stupita. “C’erano le stelle”, disse. “Mi hanno bruciato gli occhi.”

 

Ho riletto questo libro sotto la spinta di Melissa, che a sua volta voleva rileggerlo. Insieme a me. Voleva commentare la Morte, personaggio chiave di questo stupendo libro.
All’inizio si fatica un pò a leggerlo, ma poi ti avvince e vai di filato. Trama impostata in modo originale, a volte spiazza. Un romanzo che fa riflettere sulla vita, sulla morte, sul dolore, sulla paura, sulle inutili e devastanti guerre. E’ un libro di speranza perchè le parole, i libri, sono ciò che possono salvare la mente, il cuore, l’anima dalle brutture del mondo.
E la figura della Morte a noi è piaciuta, dice una grande verità, che forse ancora l’uomo non ha capito, o si rifiuta di accettare, preso com’è dalla sua onnipotenza.

 

La Morte:
***PICCOLO MA SIGNIFICATIVO COMMENTO***
Nel corso degli anni ho visto tanti giovani che credono
di correre gli uni contro gli altri.
Non è così.
E’ verso di me che corrono.

La Morte:
***UN ULTIMO FATTO***
La ladra di libri è morta ieri.

12 commenti »

Mithological Book Tag

mythological-book-tag

 

Periodo di tag!!!
E non mi tiro indietro, la cosa mi diverte. Per questa nomina ringrazio la sempre dolcissima Dama del blog https://raccontidalpassato.wordpress.com.
L’immagine del tag l’ha creata lei perchè “…non mi piacciono i post senza immagine iniziale, ma non siete tenuti a usarla.”;  io ho deciso di farlo, chissà se mi chiederà i diritti d’autore? 😉
-Zeus: un autore del quale avete tutti i libri.
Ci sono tre quattro autori dei quali non ho tutti i libri, ma ne ho letti moltissimi, ad esempio Sepulveda, Paulo Coelho, Isabel Allende, Marquez, Herbert Richards Lawrence, Sandor Marai…non so più dove mettere libri.

-Era: il personaggio più vendicativo
Non saprei…

-Ade: il vostro personaggio preferito che l’autore ha mandato all’altro mondo
I fantasmi dell’Allende.

-Efesto: il romanzo distopico che più vi ha appassionato
Non so scegliere, tutto ciò che leggo mi appassiona, altrimenti chiudo.

-Dioniso: un libro che vi ha fatto divertire
Il libro sulle cartoline erotiche di altri tempi.

-Eros: la coppia più passionale
Diverse, ogn’una in modo diverso. D’altra parte sono una che si “infila” nei personaggi, scegliere per me è difficile.

-Ares: il libro più macabro/che vi ha spaventato di più
Nessuno, sono difficilmente impressionabile, e poi sono stati veramente pochi i libri che ho letto su questo genere, oggi li evito proprio, non mi interessano.

-Afrodite: la copertina più bella
E’ sempre l’ultima che vedo.

-Ermes: un libro dal finale inaspettato
Quelli che il finale non lo hanno, mi deprimono.

-Atena: il Protagonista che vorreste come amico/consigliere
Nessuno.

-Artemide: la/il protagonista più imprevedibile
Sempre i fantasmi…
Nomination

https://alicejaneraynor.wordpress.com

http://dodicirighe.com

https://ilmondodelleparole.wordpress.com

https://mifo60.wordpress.com

http://pitacoseachados.com

18 commenti »

Flash Avvo Tag

avvostag1

Ringrazio di cuore la mia dolcissima amica Violeta del blog https://violetadyliopinionistapercaso.wordpress.com, per avermi invitata a questo tag (che poi tanto tag non è…) ideato da Massimo Della Penna, alias Avvocatolo del blog https://avvocatolo.wordpress.com/ che, oltre essere un blogger di estrema intelligenza e ironia, nonchè sensibilità velata ma che traspare in alcuni dei suoi post, ora si cimenta nella scrittura pubblicando un libro  “L’Ultimo Abele , Storia di un ossessione.”bozza-copertina-b-w5
Le regole del tag :

-Inserire la foto che trovate https://avvocatolo.files.wordpress.com/2015/11/avvostag1.jpg
-Scrivere una storia in una singola frase, come ha fatto lui “ Causa errato acquisto vendesi tomba vuota (mai usata) e kit decennale di chemioterapia (usato 80%); valuto permute con fucile a canne mozze o candelotto di dinamite, munirsi di autocertificato di morte, trasporto a carico della salma, NO contrassegno.”; tra 15 giorni tutte le storie finiranno in una pagina sul blog e la migliore di esse verrà inserita nel suo libro L’Ultimo Abele
-I nominati che non proseguano nel Tag: saranno dati in pasto a mia suocera e condannati ai pozzetti di burraco forzati per tre ere geologiche;
-Non si possono cambiare le tre regole sopra;
-Non ci provate…anche la regola numero quattro è immodificabile;
-La regola numero cinque si può cambiare a piacimento;
-La regola numero sei NON va applicata (le violazioni comportano l’applicazione della regola numero tre).

La mia frase:

“Le luci erano abbaglianti: piccole, grandi…guardandole sopra di me, da dove ero sdraiata, mi davano l’illusione che il cosmo mi stesse abbracciando; il suo bel volto era chinato su di me, i suoi occhi color dell’ambra mi scrutavano, con voce calma mi chiese:”Di che squadra sei?” E nel languore che lentamente mi avvolgeva, chiedendomi il perchè di quella assurda domanda in una situazione come quella, mi sentii rispondere: “Non te lo dico, se sono contraria alla tua chissà cosa puoi farmi…” avevo un’assurda paura, ma ero immobile non avrei potuto reagire. E mentre i miei occhi agganciavano il suo sorriso capii che nulla srebbe stato più come prima…” (Paola)

 

E ora passiamo alle nomination:

https://alicejaneraynor.wordpress.com

https://agoressblog.wordpress.com

http://briciolanellatte.com

https://donnaemadre.wordpress.com

https://ilmondodelleparole.wordpress.com

https://lucia250.wordpress.com

https://piperitaomenta.wordpress.com

https://ladimoradelpensiero.wordpress.com

https://ordineecaos.wordpress.com

 

Mi sembra un’idea davvero carina…buttatevi (sul foglio bianco ovviamente)  😉

 

30 commenti »

Quando…

…la vita si fa dura mi chiudo nella mia coperta, ma con questo caldo non è possibile, rischio il collasso, allora vorrei una magia…ma non trovo il mago, allora mi tuffo nei libri, la mente vola e il dolore per un pò s’attenua…stè ore devono pur passare….Che grande forza hanno le parole.

264533_487424721330150_522468838_n

 

 

26 commenti »