TUTTOLANDIA

"…il posto che mi piace si chiama mondo…"

E poi ci trovi loro…

…dove? A Roma
Accompagno mia figlia, che di deve incontrare con un paio di suoi amici, per “colorare” la giornata
Ovviamente resto, sono curiosa. Gironzolo (inseme a mia sorella) tra i capannoni…Oriente…Spagna…Messico…America…Irlanda…Country.
Qui mi fermo, incuriosita dall’esposizione di stivali di tutte le fogge, di stetson, camicie colorate, ricamate, quadrettate. E dall’invitante profumo del cibo.


Mentre lo sguardo vaga di qua e di la, il mio padiglione auricolare (messo a dura prova dal vociare, urlare dei speaker che richiamano agli spettaoli) capta una melodia che non puoi non conoscere, non puoi non amare…Ennio Morricone.
Ma chi cavolo la esegue così bene?
Loro.
Mi siedo e li ascolto rapita. L’interpretazione delle colonne sono dei film ” spaghetti-western”, è impeccabile, come stupendi sono i brani da loro scritti ed eseguiti (ad esempio E lo chiamarono Giustizia).
Mi rubano gli occhi con le loro movenze, la simpatia, l’abbigliamento. Ma soprattutto mi rubano il cuore.
Sono forse in trance…propabile, è la fame. Ma dopo esermi rifocillata mi risiedo sotto il palco e arrivano ancora loro. Non posso non ascoltarli.
Bravi, bravi davvero. Quel tanto di moderno, di rock che te li fa amare ancora di più.
Loro sono i Dollaro D’Onore – Western Orchestra -, toscani, mitici!


Grazie a mia sorella potrò seguirli nella pagina FB: https://www.facebook.com/dollarodonore/


Non perdeteli se siete appossionati di questoi genere, ma se non lo siete li amerete. A me così è successo. Mi hanno conquistato.

Voglio nominare anche ‘Accademia Internazionale del Musical Torino, davvero bravissimi. Anche loro scoperti in questa lunga, divertente, gioiosa giornata.

Un grazie a mia figlia, mi trascina ovunque….e io scopro sempre cose nuove. Il mio passato, il suo presente. Mix esplosivo.

  

Annunci
17 commenti »

Songs of your life TAG

 

Per questa nomination ringrazio Neogrigio (https://unavitanonbastablog.wordpress.com), che è l’ideatore del TAG.
Neogrigio ha creato questo tag essendo un amante della musica, e ritenendo la musica una parte importante della vita, e in questo concordo assolutamente.

Le regole:

Cita il creatore del post, Neogrigio;
Inserisci l’immagine ufficiale del post;
Rispondi alle 15 domande;
Nomina 10 blogger.

 

E ora rispondo (anche se con qualche difficoltà) alle domande.

La tua canzone preferita?
Non c’è una canzone mia preferita, ma Hallelujah di Leonard Cohen mi emoziona e mi fa commuovere ogni volta che l’ascolto.

Il tuo cantante/gruppo preferito?
E anche qui mi è difficile rispondere…Michael Jackson tra i stranieri, Mango tra gli italiani, sempre nel mio cuore.

Il tuo musicista preferito?
Fabrizio De Andrè

Il vostro cd preferito (no raccolte, live o greatest hits)?
Ho la collezione di Battisti…

Potessi fare un duetto in un live, con chi lo faresti? E con quale canzone?
Nessuno e con nessuna canzone.

Concerti: l’ultimo visto? Quello che vorresti vedere? Quello più bello? E quello più brutto?
L’ultimo concerto è stato quello di Renato Zero al Teatro Tendastrisce di Roma, era l’anno 1977 o ’78, non ricordo bene; una grande emozione, ancora ricordo il velo fatto passare sui spettatori dai ballerini, un velo che rappresentava il cielo…brividi, ancora oggi.
Non vorrei vedere nessun concerto, per un motivo molto personale ho deciso di non andare mai più. Non ce n’è uno più bello nè uno più brutto, noiso si…visto a metà, ora i fan mi odieranno, ma non ho retto quello dei Pooh.

Il tuo più vecchio ricordo musicale?
Ero una bambina, circa 8 anni, ricordo le feste che i miei genitori davano in casa con gli amici e la musica sempre in sottofondo…musica italiana, ma anche i Beatles, Ray Charles…e chi più ne ha più ne metta; mio padre adorava la musica.

Chi fareste tornare in vita per godere ancora della sua musica? Mercury, Jackson, Strummer, Battisti, Dalla, Cobain, De Andrè?
Jackson, Battisti, Dalla, Cobain, De Andrè?

Dance anni 70, 80 o 90?
’70/’80, resiste imperterrita…un vero sballo da ballare all’infinito.

La canzone che vorreste fosse suonata al vostro matrimonio?
Nessuna, non abbiamo avuto musica; c’è stata dopo, la sera abbiamo organizzato una cena, tutti in jeans, chitarra, dischi e ballare…che bel ricordo!

Cd, mp3, Spotify o vinile?
Ora Cd, ma il vinile non si batte…li ho tutti, quelli dei miei genitori, e ho il loro giradischi, bellissimo.

Che ne pensi della discografia musicale italiana degli ultimi 5 anni?
Noia, eccetto qualche chicca.

Qual è l’ultimo cd che hai acquistato?
Nessuno.

C’è una canzone che associ ad un bel ricordo? (indica canzone e ricordo)
Ne ho due: Come pioveva, una vecchissima canzone che mia nonna cantava quando mio nonno usciva per andare al lavoro, mi sapeva di amore (e così era), io la canto quando li penso insieme o vedo le loro foto; La notte di Adamo, mio padre la regalò a mia madre…coppia d’amore e passione.

Canzone e cd del momento.
Un po’ di tutto.

Non nomino nessuno, ma tutti i blogger che vogliono partecipare o lasciare un loro pensiero nel mio blog sono graditi.

13 commenti »

L’emozione

“Ma è gioia – vedrai –  ciò che Egli dà”

chiesa di San Masimiliano Kolbe

 

 

 

Si può amare o no il periodo del Natale, si può amare o no ciò che rappresenta, si possono amare o no i simboli che lo rappresentano.
Ma la forza evocativa di questo evento ci travolge ogni anno da secoli ormai, non c’è poeta, non c’è scrittore, non c’è pittore, non c’è artista, non c’è regista che non lo abbia rappresentato, cantato, parlato, scritto.
Il natale è una data, un luogo di nascita, il Natale è “la nascita”. Del Salvatore.
E come non emozionarsi alla lettura di testi spesso dimenticati, di testi eternamente recitati, di brani nuovi da scoprire, di testi sacri e immediati.
Barbara Bricca ha creato una nuova magia, in un luogo speciale, tra pitture e candelabri, immagini sacre e l’uomo.
L’uomo spettatore, incantato dalla parola, cullato dalle musiche scelte, raffinate, potenti, ammalianti, coivolgenti, voci nuove, voci passate, voci che non possono che cantare il tempo del ricordo, il tempo del futuro.
L’uomo attore, che dedica la sua voce, le sue mani, i suoi sguardi, la sua emozione, commozione ad un evento tanto evocativo che, lasciatemelo dire, è di portata mondiale.
Grazie a Barbara per la sua sempre attenzione ai dettagli, alla cura dei testi, alla cura dei suoi allievi.
Grazie alla Compagnia del Cavaliere e alle Sibille che ogni volta donano generosamente la loro arte e le loro capacità, le competenze acquisite, per incantarci e farci sognare.
A loro voglio dire di crescere, sempre di più, di seguire questo immenso patrimonio che hanno tra le mani, questa “Insegante” che è passione, cultura, fantasia, bellezza.
Grazie Gabriele, Marco, Aurora, Roberta, Adelaide, Emanuela, Maria Teresa, Angela, Maria Antonietta, ognuno di voi rinasce ogni volta nel Teatro, come il Natale, come ogni uomo davanti alla Bellezza. abbiate sempre la forza e la tenacia per continuare.
Grazie Barbara, sei il timoniere di una nave sempre in navigazione, sei il pittore sempre pronto alla sperimentazione, sei l’artista sempre pronto all’innovazione.

 

Le Ciaramelle

Udii tra il sonno le ciaramelle,
ho udito un suono di ninne nanne.
Ci sono in cielo tutte le stelle,
ci sono i lumi nelle capanne.

Sono venute dai monti oscuri
le ciaramelle senza dir niente;
hanno destata ne’ suoi tuguri
tutta la buona povera gente.

Ognuno è sorto dal suo giaciglio;
accende il lume sotto la trave;
sanno quei lumi d’ombra e sbadiglio,
di cauti passi, di voce grave.

Le pie lucerne brillano intorno,
là nella casa, qua su la siepe:
sembra la terra, prima di giorno,
un piccoletto grande presepe.

Nel cielo azzurro tutte le stelle
paion restare come in attesa;
ed ecco alzare le ciaramelle
il loro dolce suono di chiesa;

suono di chiesa, suono di chiostro,
suono di casa, suono di culla,
suono di mamma, suono del nostro
dolce e passato pianger di nulla.

O ciaramelle degli anni primi,
d’avanti il giorno, d’avanti il vero,
or che le stelle son là sublimi,
conscie del nostro breve mistero;

che non ancora si pensa al pane,
che non ancora s’accende il fuoco;
prima del grido delle campane
fateci dunque piangere un poco.

Non più di nulla, sì di qualcosa,
di tante cose! Ma il cuor lo vuole,
quel pianto grande che poi riposa,
quel gran dolore che poi non duole;

sopra le nuove pene sue vere
vuol quei singulti senza ragione:
sul suo martòro, sul suo piacere,
vuol quelle antiche lagrime buone!

Giovanni Pascoli

 

 

 

La nascita di Gesù

Se in te semplicità non fosse,
come T’accadrebbe il miracolo
di questa notte lucente? Quel Dio,
vedi, che sopra i popoli tuonava
si fa mansueto e viene al mondo in te.
Più grande forse lo avevi pensato?
Se mediti grandezza: ogni misura umana
dritto attraversa ed annienta
l’inflessibile fato di lui. Simili
vie neppure le stelle
hanno. Son grandi, vedi, questi re;
e tesori, i più grandi agli occhi loro,
al tuo grembo dinanzi essi trascinano.
Tu meravigli forse a tanto dono:
ma fra le pieghe del tuo panno guarda,
come ogni cosa Egli sorpassi già.
Tutta l’ambra imbarcata dalle terre più remote,
i gioielli aurei, gli aromi
che penetrano i sensi conturbanti:
tutto questo non era che fuggevole
brevità: d’essi, poi, ci si ravvede;
ma è gioia – vedrai – ciò che Egli dà.

Rainer Maria Rilke

 

 

Amore immortale

Amore immortale
ch’affondi e diffondi
un soffio di madre,
hai forza di tuono
purezza delle neve,
ma più bianca splendi
e ci rendi ciechi
tanto sei forte…
tanto da non vederti.

Oh, non c’è tempo che possa scalfire
la forza del tuo amore
per un figlio che muore.

Ancora un sorriso
e aspettare quel bacio
che non t’ho dato
che tu m’hai dato
e che resta a giocare
tra le dita degli angeli.

Inseparabile,
non smetti mai di essere madre.

poesia inedita di Marco Corsi, composta appositamente per lo spettacolo.

 

 

(un assaggio dei meravigliosi testi presentati)

 

19 commenti »

No ci sono più…

…le febbri di una volta!

Devo dire che avrò avuto la febbre forse tre/quattro volte nella mia vita, neanche la chemio più forte che ho fatto, che me l’avrebbe  dovuta procurare, è stata in grado di farmela salire. Mi sembrava di ricordare che la febbre salisse per gradi e altrettanto scendesse. Invece ora arrivano violente e violentemente se ne vanno. Fino a ieri ero sui 38°, questa mattoina 36.7, ora 36.1/2.., fino a due ore fa un gran mal di testa, ma grazie alla pillola miracolosa che prendo, è scomparso. Non posso dire di essere in buona forma, ho ancora dolori muscolari, ma la febbre…puff! è scomparsa…stasera mi darà alla pastasciutta che fino a ieri il mio stomaco rifiutava in favore di minestrina e tè.

Per festeggiare la situazione…musica!

Buona serata blogger!

16 commenti »

Non si dorme

E no, o almeno, si dorme poco, dallla notte del terremoto. Non perchè ci siano scosse, ne abbiamo avvertita una ieri mattina, leggera, una questa mattina presto, non si dorme perchè Jo continua ad ululare e abbaiare tutta la notte; gli altri sono silenziosi ma lui no, gira intorno alla casa e ulula, abbaia…Così per non disturbare mio marito nel suo sonno, che comunque deve andare a lavorare, esco e mi siedo sulla pnchina cercando di tenerlo vicino a me. Semir ieri era tranquillo, ma da questa mattina coda ancora dritta ed è nervoso…e io tremo, come quella terra che non vuole smettere di farlo, che continua a tirare giù case, a nascondere corpi e ricordi. Vorrei essere lì, come feci per il Friuli, per l’Irpinia, ma la mia salute prorio non lo consente e allora ci organizziamo da qui….ma niente può essere come prima. Arrotolata alla coperta, sulla panchina, per non sentire l’incessante abbaiare cerco di sviare con un pò di musica dalle cuffiette, ma esce distorta nelle orecchie e nell’anima. Quell’anima che viaggia sulle città fantasma, dentro il dolore, bagnata di lacrime.

 

 

 

12 commenti »

Tag – Musica e Ricordi

tag dama

 

 

A volte ci sono canzoni che ci rammentano nettamente periodi specifici, magari non legati a nessun evento in particolare, solamente periodi della vita in cui è capitato di ascoltare quella canzone e tac… parte un flash mentale infinito riguardo a mesi interi che si legano indissolubilmente a quella canzone, che magari, appena ascoltata non ci era neppure particolarmente piaciuta, o che era passata solamente come un anonimo sottofondo cui non avevamo neppure prestato attenzione, poi la mente gioca con noi e il tempo, passano mesi e…

Sei in un bar a fare colazione e, all’improvviso, parte quella canzone e boom… vengono in mente cose cui magari non si pensava da un po’.

Se sono cose spiacevoli di solito si tende a trovare quella canzone disprezzabile, mentre se invece sono ricordi piacevoli o anche malinconie dolci va a far parte di quella playlist infinita di momenti della vita.

 

Regole:

– Cita sempre chi ha creato il tag: Racconti dal passato (https://raccontidalpassato.wordpress.com);
– Nomina e ringrazia il blog che ti ha nominato;
– Cita anche la parte iniziale di questo post in modo che tutti comprendano bene a cosa fa riferimento il tag, deve essere musica che si lega casualmente a un periodo, non la playlist che avete scelto di proporre il giorno del vostro matrimonio;
– Usa come immagine quella in cima a questo post, non temere è un immagine totalmente royalty free creata da ();
– Nomina almeno 5 blog cui proporre il tag;
– Condividi tutte le canzoni che ti vengono in mente che ti ricordano un periodo particolare della tua vita, non sei obbligato a spiegare quale o i motivi;
– Fai una piccola riflessione finale rivelandoci se sono tutte legate a periodi felici o meno e se riscontrano sempre i tuoi gusti musicali o no;
DIVERTITI!

 

Per questo tag musicale, ringrazio la Dama del blog https://raccontidalpassato.wordpress.com, la musica accompagna e e ha accompagnato spesso la mia vita.

 

Ecco le “mie” canzoni:


Adoro la voce di Adele e questa canzone è legata ad un particolare momento che mi ha visto protagonista assieme ad un conoscente

 

 

E poi si balla! Tanto! Anche con il tormentone…e qui mi potrei sbizzarire, amo ballare e lo faccio tutti i giorni 🙂

 

 

Questa è nel cuore…da sempre

 

La voce che amo

 

 

 


Mi è stata dedicata….

 

 

 

Il passato che non tramonta mai

 

 

 

Qui dentro ci sono io

 

 

 


Io e mio padre…quando guardo la sua foto, anche se non è più qui è sempe presente

 

 

L’emozione…sempre

 

Non sto a dire quale è il mio genere musicale, potrei comunque proseguire all’infinito. Amo la musica, la melodia, le parole, l’emozioni che mi procura….

 

Non nomino nessuno, chi ha voglia di divertirsi si tuffi…nelle note! Coraggio!

11 commenti »

Blogger!

Buona giornata!!!

1280x720-mb9

16 commenti »

Il Mondo vale, l’Umanità vale

Ma quanto è bello il mondo? Tanto. Culture, colori, sorrisi, paesaggi, corpi, anime; si può…si può…dobbiamo fortemente volerlo. Questo è l’Eden! La musica è il grande tramite. Vogliamolo, fortemente vogliamolo. Cosa?

Il bene dell’Umanità tutta, non permettimo che i folli ci tolgano la voglia di sorridere. Non permettiamo che i nostri bambini crescano nell’odio, non permettiamo a noi stessi di morire.

Musica è… amare la bellezza. Colui che possiede anima musicale, potrà amare gli uomini!
Platone

10 commenti »

Tag

Summer Book & Music Tag

Un nuovo tag, assegnatomi dalla docissima ed eclettica Violeta del blog:https://violetadyliopinionistapercaso.wordpress.com/

Le regole da seguire:

1) Citare il creatore del tag: https://unacontraddizioneambulante.wordpress.com/

2) ringraziare chi vi ha nominati (fatto con immenso piacere).

3) Nominare cinque blog e avvisarli.

4) Usare l’immagine Summer BookMusic Tag*
Purtroppo devo uscire un pò fuori da ciò che è richiesto, non ho una canzone di preferenza per questa estate, ascolto ciò che mi fa piacere al momento e non ho una lista di lbri precisa, vado in libreria o in biblioteca e faccio man bassa.

E ora vediamo se qualche amico blogger vuole partecipare, nomino:

-https://occhialfuturo.wordpress.com/
-http://www.fmtech.it/diario/
-https://crispymcgabriel.wordpress.com/
-https://pensierisottolaneve.wordpress.com/
-https://ordineecaos.wordpress.com/

Tutti “maschietti” , mi piace curiosare nel loro mondo (che ci posso fare mi affascinano…), ma invito qualsiasi blogger che passa di qui a partecipare.
* per postare sulla barra di destra i vari tag che mi vengono assegnati mi avvalgo dell’aiuto di mia figlia, mi crea lei i “logo”; tutti in mostra e la mia vanità è appagata :-)!!!

7 commenti »

Serate che aprono il cuore

unnamed

“Ma ‘ndo’ vai se la banana non ce l’hai, bella hawaiana attacchete a ‘sta banana….”

 

Chi non conosce questo ritornello cantato nel film Polvere di stelle, con Alberto Sordi e Monica Vitti?
Un film che ci riporta agli anni in cui imperversava l’avanspettacolo.
Ieri sera La Compagnia del Cavaliere, con la regia e anche l’interpetazione di Barbara Bricca ha riproposto sketch e battute proprio di quella forma teatrale. Ci ha permesso di ricordare attori e attrici stupendi, ad esempio l’indimenticabile Anna Magnani, che proprio da quel genere hanno trovato la strada verso il cinema e il teatro più impegnato.
La voce decisa e appassionata di Barbara ci ha anche spiegato origini e evoluzione dell’avanspettacolo ormai lontano dai nostri tempi.
Spettacolo leggero nato intorno agli anni trenta, uno spettacolo che puntava sulla brevità delle scene e che nasceva dai scarsi mezzi che le compagnie teatrali potevano permettersi.
Un genere teatrale che se anche considerato “povero” ebbe grande successo, anche perchè coivolgeva il pubblico direttamente anche per i famosi “lanci” degli ortaggi più disparati che ricevevano gli attori; uno dei teatri più accreditati per questo genere a Roma era l’Ambra Jovinelli.
Lo spettacolo di ieri era supportato da una colonna sonora perfetta, con spezzoni di canzoni che hanno catapultato molti di noi indietro nel tempo…accompagnati dall’inconfondibile voce di Renato Rascel. Non nego che abbiamo canticchiato di gusto e sorriso a cuore aperto alle battute recitate, lasciandoci la facoltà di liberare la mente dai problemi di tutti i giorni.
Una bella serata in allegria e buona cucina.

Copia di Barbara (3)DSC06695Copia di DSC06693

“Arrivederci, Roma…good bye…au revoir…
Si ritrova a pranzo a Squarciarelli fettuccine e vino dei Castelli come ai tempi belli che Pinelli immortalo’!….”

Apro una postilla per dire che nell’occasione sono riuscita finalmente ad incontrare la solare Isabella, del blog isabellascotti.wordpress.com

 

15 commenti »