TUTTOLANDIA

"…il posto che mi piace si chiama mondo…"

Amore

Divampa come il fuoco, brucia forte…e quando il tempo passa bisogna manenerlo vivo…

Annunci
12 commenti »

Venerdì Santo

 

“Ricordati di me…” disse Disma…

                       Cristo con i ladroni – Gustave Moreau

 

 

7 commenti »

Alaska

di Claudio Cupellini.

 

Parigi, la Torre Eiffel come sfondo, il terrazzo di un grande sontuoso albergo. Così inizia la storia dell’amore estremo tra Fausto, italiano, e Nadine, francese.
Cinque anni di amore e abbandoni, il carcere, il dolore, il limite nell’amare, la fragilità, i colpi di scena. Il sogno di felicità cercato nel lusso improvviso, nell’amore carnale, mentale, nel turbinio dei sentimenti.

 

     

 

Da vedere. Drammatico. Un bellissimo film. Un film…diverso, due vite che si incontrano, intrecciano, si allontanano.
Come lo sto presentando sembra un film statico, ma in effetti non lo è, anzi, è incalzante, è un continuo affanno di immagini ed emozioni, un vortice di cambiamenti che sconfina nella maturità dei personaggi, che passa attraverso figure fondamentali per la crescita dei due protagonisti. Una storia forte, piena di vita.
Cast tutto all’altezza (Elena Radonicich,Valerio Binasco…), talentuoso Elio Germano (forse sono un po di parte, mi piace molto, un attore non nei canoni abituali), dolcissima e sensuale Astrid Berges-Frisbey.
Sceneggiatura perfetta, bella la colonna sonora.

9 commenti »

L’amore, la passione nel tempo…

“…Le prese la mano, la voltò e le impresse un bacio sul palmo.
Qualcosa di vitale, elettrico, saltò da lui a lei al tocco della sua bocca calda, qualcosa che le carezzava l’intero corpo come una corrente elettrica.
Le labbra risalirono fino al polso, e lei capì che lui doveva avvertire l’aumento delle sue pilsazioni mentre sentiva il cuore che accellerava e lei cercava di ritirare la mano.
Certo non l’aveva prevista: questa dolce, calda marea di insidiose sensazioni, che le facevano desiderare di passargli la mano tra i capelli, di sentire le labbra di lui sulla sua bocca….”

da Via col vento – Margaret Mitchell

The Kiss – Andre Kohn

15 commenti »

Dedicata

DEDICATA

Scarpette di seta rivestite,
di tessuto cremisi e
intrecci di fili dorati
avvolto ha il corpo di
saettanti moine.

 

Risate argentine invadono il
cuore e occhi
vibranti di scaltra furbizia
femminile destreggiano
il palco.

 

Locandiera costruita dalle
magiche parole del Maestro,
incise eterne nell’universo,
non teme il sangue caldo,
la passione che
turbina su assi baciate nel
tempo da chi di teatro ne fece Arte.

 

Locandiera che sfida il tempo
non teme Mirandolina dai
rossi capelli, ne guarda anzi,
ingorda, la nuova vita
che s’offre a incantati corteggiatori,
ad affascinati spettatori,
Mirandolina Mirandolina….

 

Di complessa anima e
orgoglioso potere, di leggiadria,
di parlantina che incanta
Mirandolina si avvinghia
a chi vita gli dona.

 

Di anima la storia ho vissuta
di cuore da te l’ho amata
artista e donna
di vibrante cultura e
passione infinita.

 

A Barbara con immenso affetto e amicizia. Paola.

 

10 commenti »

Amare

“L’uomo che non ha amato appassionatamente ignora la metà più bella della vita.”

Stendhal

12 commenti »

Ballare

Non mi ricordo dove ho letto che il ballo rivela un pezzetto d’anima, la più vera.

Amo ballare e già da piccola lo facevo…chissà perchè ho questa passione.

20161023_111428

23 commenti »

Amore passionale o passione d’amore?

Amore: dolcezza e amarezza, tenerezza e dolore, passione e tormento.
Saffo ci presenta l’amore come una febbre, un fuoco che fa tremare e travolge come la forza della natura. Amore che invade cuore e anima senza poterlo limitare, non si può resistergli.
Amore come forza assoluta.
Amore dolce e amaro

Amore la mia anima squassa
come vento che sul monte tra le querce si abbatte
Ecco che Amore di nuovo
mi dà tormento;
Amore che scioglie le membra,
Amore dolce e amaro
fiera sottile e invincibile…

 

0_2759ae_f555cd5c_XXXL

22 commenti »

Amare

Sarò romantica, ma io credo che l’Amore è un totale abbandono di cuore e sensi, un insieme di sensualità e passione che non può permettere a uno dei due di essere in parte distaccato nel vivere la storia.
Certo poi c’è chi si illude di essere amato totalmente negando la realtà, magari un contegno più trattenuto, una freddezza….
Ripeto, sarà perchè sono romantica, ma non sono mai riuscita a scindere amore e sensi, amore e sessualità.
La poesia che vi propongo è molto attinente a ciò che penso, una poesia che mi piace molto, di un poeta romantico, passionale ma anche infelice; un poeta morto giovanissimo, una vita breve costellata da dolori: la morte premetaura del fratello, l’amore contrastato con Fanny, la tubercolosi…Un poeta non molto conosciuto, di cui si legge poco.

 

Dici di amarmi

Dici di amarmi, ma con una voce
più casta di quella di una suora
che sussurra tra sè e se il canto del Vespro
mentre le campane suonano a festa.
Oh, amami davvero!

Dici di amarmi, ma con un sorriso
freddo come un’alba di settembre,
come se fossi la suora di San Cupido
e osservassi le due settimane delle Tempora.
Oh, amami davvero!

Dici di amarmi, ma poi le tue labbra
color corallo non insegnano felicità
più di quanto non faccia il corallo del mare:
non si schiudono mai per un bacio…
Oh, amami davvero!

Dici di amarmi, ma poi la tua mano
non stringe dolcemente la mia:
morta come quella di una statua,
mentre la mia passione brucia.
Oh, amami davvero!

Oh, sospirami qualche parola di fuoco!
Sorridimi, come se le tue parole dovessero brucirmi,
stringimi come si stringe una amante…
baciami, seppelliscimi nell’urna del tuo cuore…
Oh, amami davvero!

John Keats

9-oil-paintings-by-hamish-blakely

Buon fine settimana a tutti, io, tanto per parlare d’amore, questa sera sono stata invitata a cena da mio marito, in un localino dove preparano specialità siciliane…Direi un buon fine settimana 😉

29 commenti »

Le affinità elettive – Goethe J. Wolfgang

Goethe-Le-affinità-elettive-Garzanti-PP.281-€7.50 Edoardo e Carlotta sono marito e moglie, vivono una vita abbastanza tranquilla dopo essere stati allontanati uno dall’altro dalle rispettive famiglie nell’età più giovanile.
Edoardo invita un suo amico, il Capitano, a passare un periodo nella loro tenuta; Carlotta non è d’accordo, l’intrusione di un estraneo nella loro ormai quieta vita potrebbe creare uno squilibrio, ma Edoardo insiste. Nel frattempo arriva anche Ottilia, nipote di Carlotta, una ragazza introversa e apparentemente senza interessi culturali.
Edoardo e il Capitano si dedicano alla ristrutturazione del parco del castello, supportati da Carlotta e in seguito anche da Ottilia.
Questa crescente unione creerà delle “affinità elettive” che determineranno l’avvicinamento di Edoardo alla ragazza e del Capitano a Carlotta.
Mentre Carlotta riesce a contenere la sua passione, Edoardo viene completamente coinvolto dall’amore per Ottilia. Questa situazione porterà a conseguenze drammatiche e dolorose.

 

Non sono mai riuscita a leggere questo romanzo, non so neanche io perchè, forse la storia non mi convinceva, sono dovuta arrivare a questa età e a “scontrarmi” (nel vero e proprio senso della parola visto che in biblioteca l’ho urtato e mi è caduto ai piedi) con questo libro.
Decido di provare a leggerlo e il risultato è che ne sono rimasta praticamente affascinata, un vero capolavoro della narrativa ma soprattutto dello studio introspettivo delle menti, dei sentimenti, dell’animo, dei personaggi. Non è facile riassumerne la trama, romanzo intenso e corposo.
L’alchimia che si crea tra le coppie non è poi così fuori dal mondo, anzi attuale in tutte le epoche; la sintonia che si può creare inaspettatamente tra le persone, che si amino o no, è un incontro che puo cambiare per sempre la vita. A voi è mai accaduto? A me si.
I pensieri, i gesti, i gusti…alchimie incomprensibili apparentemente si legano a volte indissolubilmente.
Un romanzo che racconta, almeno nelle mie impressioni, di come sia difficile rinunciare alla passione travolgente, anche irrazionale se vogliamo, a volte dimenticando quanto male ne può scaturire; ma si puo avere la forza di rinunciare quando il cuore è tanto coinvolto?
Certamente tutto è amplificato e drammatizzato nel romanzo se riportiamo la storia al periodo di ambientazione, ma oggi non ci sono passioni così forti da crerare a volte situazioni anche tragiche?
Se dovessi giudicare il romanzo direi che è coinvolgente, ben scritto anche se articolato, ben delineati i personaggi, belle le descrizioni dei paesaggi, del parco, i dialoghi.
Il personaggio che più mi ha stupito è stata Carlotta, la sua “pacatezza” nella tragedia, la sua comprensione per il marito mi ha sconcertato, donna di passioni tenui o donna dalla grande intelligenza e anima?
La scienza incontra la poesia, l’amore sfugge al tradimento, il cuore diventa l’ampolla dove si crea l’alchimia.

20 commenti »