TUTTOLANDIA

"…il posto che mi piace si chiama mondo…"

Perchè il poeta è Amore…in ogni sua sfumatura d’animo

“L’Angelo tenne
quella parola tra le
dita..
poi la consegnò al
tempo..
“poeta”…
Ci risiamo, pensò,
Dio si è di nuovo
innamorato..”

Marco Corsi

11 commenti »

Airone e il delfino

Il poeta greco Arione vive a Corinto, presso il tiranno Periandro.
Arione partecipa ad una gara di poeti in Sicilia, vince e riceve molti doni che carica sulla nave che lo riporterà a Corinto.
I marinai decidono di appropriarsi dei tesori e progettano come sottrarli al poeta, ma Arione sogna Apollo (protettore dei poeti) che lo mette in guardia. Arione, dopo essersi svegliato, si accorge che il timoniere si avvicina con una spada, allora il poeta chiede di poter avere la cetra per suonare l’ultimo canto. Ottenuto il permesso inizia a suonare la cetra, ma improvvisamente si tuffa in mare; un delfino, attratto dalla musica, si avvicina alla nave, e salva Arione trasportandolo in Grecia sul dorso
Gli dei decidono di premiare il delfino per il suo generoso gesto e lo trasformano, assieme alla cetra di Arione, in una nuova costellazione.

 

25 commenti »

Fontana romana

La funtana der Tritone

La vasca, com’annaveno de moda
nell’epoca barocca, porta dentro,
acconocchiati ar centro,
quattro derfini ch’arzeno la coda
pe’ regge un conchijone spalancato
indove stà buttato su l’imbraga
‘na specie d’omo-pesce che se sciaqua
coll’acqua de ‘no schizz’a cal’e cresce
che j’esce cor soffià da ‘na lumaca.
E li du’ stemma, in mezzo a li derfini,
scorpiti sur davanti e su de dietro,
co’ tanti de trerregni de S. Pietro
fra chiave grosse come tronchi d’arberi
confermano che, comprice er Bernini,
quello che qui nun fecero li barberi
è stto fatto da li Barberini.
Poesia di Armando Fefè, poeta romanesco, sconosciuto ai più; io stessa ne ignoravo l’esistenza fino a quando una mia conoscente ha comprato una casa nelle vicinanze di via Ezio, dove il poeta abitò e morì.

16 commenti »