TUTTOLANDIA

"…il posto che mi piace si chiama mondo…"

Passaporti

Sono arrabbiata, tanto.
Ma quante volte ancora non potrò sedere tranquilla a mangiare o bere con chi voglio senza pensare che la sera arriverà qualcuno a falciarmi o sgozzarmi in nome di cosa?
Sono arrabbiata, tanto.
C’è un posto sicuro dove posso andare?
Sono arrabbiata, tanto.
Perchè vedo un mondo che sta tornano indietro; perchè il progresso sta rallentando, e non parlo di quello materiale, ma morale e civile. Perchè la libertà per cui ho lavorato, lottato, assorbito me la vogliono togliere e io non ci sto. Perchè sono una che rispetta, che allunga la mano, o meglio lo faceva.
Vi hanno fatto entrare più di 25 anni fa e avete dovuto sudare per prendere passaporti e cittadinanza, oggi la cittadinanza non serve, si entra e basta, da una decina di anni il passaporto per farlo ve lo stanno offrendo su di un piatto d’oro.
E sono satura di sentire giornalisti, opinionisti, sociologi, filosofi, psicanalisti, politici, buonisti (soprattutto) blateare blateare senza che ci sia nei loro discorsi una valore che sia vero.
Vogliamo parlare della paura? Che tutti i chiacchieroni continuano a dire che c’è ma che viene vinta che poi la cittadinanza reagisce e già il giorno dopo torna alla quasi normalità…E quello che è successo ieri a Torino?
Oggi ho aperto il baule, ci ho infilato dentro il mio sogno più grande, quello per cui mi sono sempre battuta, la Pace (e non dovrei essere incazzata? scusate il francesismo). L’ho chiuso per preservarlo, non sporcarlo con tutto quello che provo, lo tirerò fuori quando vedrò la volontà degli uomini provare davvero a fare qualcosa. La mia tolleranza è terminata, e grazie a tutti quello che leggeranno questo post, che vorranno lasciare anche critice (inevitabili suppongo), ma resto su questo piano, non ci sono scuse, non ci sono ragioni storiche, non c’è niente che mi possa far cambiare idea. Mi serpeggiava dentro da un bel po’, anche da un “incidente” che mi è accaduto qualche giorno fa, che mi fa pensare che ho ragione (anche se tutte le ragioni qui non le scrivo, difficile).
Ah! nessuno mi dica per favore che sono la minoranza…le invasioni si preparano con il tempo, si studiano le strategie silenti, oggi è ancora più facile, non sono “la minoranza”, loro “sono” e tanti.
E mi viene in mente Oriana.

23 commenti »

Ancora

7 commenti »

E io pago! diceva Totò

E io lo dico ancora.

Verso i primi di novembre 2015 l’Amministrazione del Comune dove vivo decide di sistemare due varchi elettronici agli ingressi del centro storico. v Ora la domanda che vorrei fare è a cosa servono. Si dice per monitorare gli accessi; diciamo che entrano solo i residenti, mezzi autorizzati…e sono tantissimi, ma neanche un turista. E allora a cosa serve aver speso ben 21.000 euro facendo oltretutto notare che le sanzioni saranno severissime? Bene, i varchi non funzionano, dopo qualche mese di prova si sono resi conto che il funzionamento non era a norma….Una barzelletta su cui piangere, non ridere, visto che quei soldi potevano essere spesi per il rifacimento del manto stradale che versa sempre in pessime condizioni e per altre priorità di sicurezza stradale. Anche se veranno riattivati da me soldi non ne prendono perchè per principio non vado più (anche se sono sempre andata a piedi salvo per esigenze mediche) al centro storico con l’auto per non chiedere il permesso, mi stomaca solo entrare nell’edificio comunale.
Altra spesa: aggiornamento della numerazione civica (si dice sia obbligatoria ma a me non risulta), quindi cambio di tabelle storiche con i nomi di strade e piazze e numeri civici. Per strade e piazze bisognerà scrivere per esteso il nome, esempio Piazza Cavour diverrà Piazza Camillo Benso di Cavour e via a seguire; per i numeri civici si stanno già eliminando quelli storici Anagni-aggiornati-numeri-civici-370x223 per mettere, al centro storico targhe con scritte, numeri e bordi di colore rosso su fondo antichizzato (?), per l’extraurbano (noi) le targhe sono con scritte e numeri in nero, su fondo bianco con bordo azzurro, ora premetto che se si azzardano ad attaccare queste orribili e, udite udite, plastificate targhe sulle colonne di pietra del mio cancello, li faccio correre a più non posso, costi quel che costi. Altra vergognosa spesa inutile e di pessimo gusto. L’Amministrazione ha specificato che il cittadino non dovrà versare nulla (tanto li paghiamo in altro modo, sicuro) come invece accaduto in altre cittadine limitrofe, e ci mancherebbe, visto poi i risultati…da veri ignoranti sottoculturati (non che io sia meglio ma na’ scritta così neanche un bambino delle elmentari…) civico chi trova la magagna non vince niente….

“C’è solo un momento in cui è fondamentale svegliarsi. Quel momento è ora.” (Budda)

Quando lo faranno i miei concittadini?

13 commenti »

22 Marzo

Ieri la primavera nel mio giardino mi ricordava che sempre c’è la vita, che sempre c’è il rinnovamento…che la vita è colore è gioia.

20160317_102903 20160317_102913(0) 20160317_103305 20160317_103325 20160317_10303720160317_110732

 

Oggi questo cielo grigio mi ricorda la morte, il dolore, la rabbia…

20160322_170342

E la morte è arrivata puntuale, programmata. Il mio è un post di dolore, ma anche di rabbia, tanta rabbia. Provo pena per tutte le culture soggette a repressione, ma mi dispiace io “sono” europea, vivo il Europa e non posso permettere che tutte le lotte e le libertà acquisite vengano distrutte. Non credo alla lotta per religione, soldi solo soldi, non credo a chi fa proseliti su retaggi passati, basta, basta. Non si può assistere alla morte di giovani e persone inermi perchè qualcuno ha deciso che  siamo “liberi”, troppo.

Se questi signori pensano che con il terrore possano ridurmi così donne-islam_600X220_90_C, senza identità, si sbagliano di grosso. Non lo permetterò mai. Non sto vaneggiando, sto prendendo una posizione che forse avrei dovuto far nascere prima. Ma ci voglio sempre credere nell’uomo. Non è più tempo. L’uomo si distruggerà, uomo contro uomo, ma sarà la natura a decidere l’atto finale e li l’uomo nulla potrà. Intanto “io” intesa come uomo non posso più aprire le mie braccia, ma creerò un muro, con una piccola porta dove passerà solo chi a mio giudizio lo merita veramente (e questa è Paola).

 

Brutto questo post, bruttissimo, rileggendolo non mi sembro io, ma non posso tornare indietro. Anzi, non è che non posso, non voglio.

 

Intanto porto in questo mio cuore che sempre ho sfruttato nell’amore tutte le vittime degli attentati di oggi.

ribbon-black_68

14 commenti »

Io sono

je suis

PARIGI

Questo blog tacerà per due giorni in segno di rispetto per le vittime e per dare modo alla sua tenutaria di smaltire grande dolore e immensa rabbia.

ANGELI CON VIOLINO

6 commenti »

Teresa – Claudio Fava

teresa Teresa, giovane donna siciliana, vive e lavora a Roma.
Suo padre è stato ucciso dalla mafia a cui aveva osato ribellarsi per non pagare il pizzo.
Il suo lavoro consiste nel tenere compagnia ai malati terminali. Tra quelli assegnatigli c’è Libero Ferrari, ex brigatista condannato all’ergastolo per omicidio.
L’uomo gli parla del suo passato, della sua vita, della sua rabbia…questo rispolvera la sua rabbia, quella che  Teresa ha per la morte del padre, un tarlo soffocato ma mai sopito che riprende vita: vendicarsi del padre. E decide di farlo con la pistola di Libero Ferrari.

Un libro dove prevale la voglia di ritrovare se stessi dopo essersi persi in un dramma tanto forte da sconvolgere vita e sentimenti.
C’è l’odio, c’è la fatica del vivere, c’è la rabbia. C’è il buio dell’anima che smarrita cerca uno sprazzo di sole nell’amore e nel lavoro.
E c’è la morte, quella violenta, inaccettabile, che si vuole far sparire. Ma come? A che prezzo?
Il personaggio femminile di Teresa è forte e debole allo stesso tempo, ispira tenerezza e potenza, vede con occhi spietati la terra siciliana dove il marcio ristagna e prolifera da sempre, vuole un riscatto non solo per lei, ma anche per la bella Sicilia  martoriata, dove il compromesso è duro a morire.
Queasta figura femmenile è il riflesso, a mio parere, di ciò che ha vissuto l’autore, è ciò con cui l’autore ha dovuto confrontarsi, è un gesto d’amore che vuole essere un riscatto sul dolore che gli è stato inflitto.
La storia è bella, la scitttura scarna, descrittiva e scorrevole, ma non sono riuscita a farmi affascinare da questo libro come credevo. Mi è rimasta un’amarezza su un finale che a mio giudizio è svanito nell’aria come il rumore di un colpo di pistola esploso, che arriva a segno, ma riecheggia sapendo che in quell’aria si perderà. O forse non ho capito.

Qualcuno di voi l’ha letto? Se si, datemi un commento. Grazie.

6 commenti »

Sono arrabbiata, delusa e stasera…

…mi lamento.

 

La società italiana è paralizzata, e qualcuno mi venga a dire che non è così, voglio dati alla mano, coerenti, che posso vedere con i miei occhi.
Quello che vedo veramente è che i giovani non hanno un futuro e gli altri vanno sempre più giù, le fabbriche continuano a chiudere, i negozi chiudono…
Qual’è la speranza di lavorare decentemente? Comprare una casa? Formare una famiglia?
L’illusione che si è creta è che il lavoro bisogna inventarlo (chi me ne propone alcuni?), che bisogna sapere le lingue (così puoi andare via più velocemente), rispondere alle inserzioni (tutte abbastanza fasulle), appoggiarsi alle interenali (e qui ne avrei da dire…), navigare sul web (alla ricerca di cosa?), viaggiare all’estero (se hai i soldi…)….
Tutti pronti si parte…per cosa?
Per l’approssimazione, poche idee e non molto originali, questo ha portato l’inventarsi un lavoro; per blog e siti a vendere e proporre, mi chiedo quanto siano controllati (?) e quanto lavoro portino; per partite Iva aperte a iosa, e mai usate…il mercato dell’illusione dove la disoccupazione continua a sguazzare, basta guardare i dati.
Al di sotto dei 24 anni abbiamo un tasso di disoccupazione altissimo, il lavoro per le donne diminuisce, al sud non ne parliamo.
E diminiuscono gli alunni nelle scuole, si abbandona prima del tempo.
E si allunga l’età pensionistica così quando ti tirano su una statistica, l’occupazione tra i 50 e 65 sembra esasere forte. Ma che bella illusione!!!
E ancora al governo blaterano di un “largo ai giovani” ma su cosa ancora lo devo capire.
Figli che si appoggiano ai genitori, ai quali comincia a scricchiolare l’entrata economica.
E allora certo che diventiamo cinici, aggressivi, indifferenti, anche difronte ad un goveno dove la carriera e il potere economico per loro sono la priorità.
Dove sono gli uomini e le donne di parola che poi la cronchetizzano?
Dove sono gli uomini e le donne che sanno essere solidali?
Dove sono gli uomini e le donne che davanti alla critica, alla condanna cercano una soluzione?
Non ci sono, noi non li abbiamo, sul Colle abbiamo le star.
Mi sento triste quando sento i figli di amici dire “finalmente la laurea ora me ne posso andare…”. Che Italia triste.
Un Italia senza una gioventù ottimista, forte, un’Italia dove i servizi pubblici dovrebbero essere orientati verso il lavoro non verso la sua perdita.
Un Italia sempre meno cosmopolita, non propinando tutti i giorni alla tele che “sono arrivati e stati accolti tot migranti di cui tot sono donne, tot sono bambini, siamo l’unico paese che….” non è questo essere cosmopoliti. E’ accettare di inserire e collaborare con regole di lavoro preciso, regole d’accoglienza precise che diano la possibilità ai nostri giovani di uscire, conoscere e poi rientrare, che danno la possibilità ai giovani stranieri di portare un apporto concreto e poi di restre se validi o tornare nelle loro terre se lo desiderano.
E noi popolo dovremmo cominciare a capire che basta con le scorciatoie, che i furbi e i ladri vanno annientati, che la bellezza e la cultura della nostra Terra va rispettata, che le ingiustizie vanno combattute, che è vero che abbiamo dei doveri, ma cavolo i nostri diritti andrebbero tutelati e invece siamo rassegnati, che il benessere non è una busta paga alta, ma ben altro….

Non sono seduta sulla “poltrona”, non ho sconti, precedenze, privilegi, agevolazioni; non rubo, non approfitto, non driblo, non evado; ho una casa, una famiglia, un solo stipendio; non mi lamento della mia vita o di quello che non posso avere, quello che ho mi basta e mi va bene così.
E allora perchè mi lamento?

Perchè a 57 anni sentirsi dire: “Bella mia tu dormi, fatti furba…” bhe, mi ha fatto “rodere” (come si dice a Roma) e se poi a dirlo e chi stà seduto comodo…e se poi per dire quel che penso passo anche i guai, mi faccio “rodere” ancora di più.
E allora non mi va più giù questo Paese meraviglioso, ne sono altamente scontenta e se potessi me ne andrei anche adesso. Dove? Non è importante, perchè ovunque andrò potrei fare sempre la stessa cosa, andarmene.
E qualcuno dirà:”Perchè parli tanto e non combatti?” Perchè la lotta dovrebbe essere di tutti, o almeno di tanti, e siccome è un dato di fatto che spesso lo faccio da sola mi sono stufata, il mio diritto sembra non valere niente se sono una.
Oggi mi lamento, scusatemi e scusami tu Italia, terra stupenda e maltrattata, ti amo da morire ma non mi sento più italiana (lo sono orgogliosa solo geograficamente).

3d6346208596ef3b5d39e16fae6db416

 

Già so che domani mi pentirò di questo sfogo e magari non rouscirò a non muovermi ancora perchè in me “il vento soffia ancora”, ahimè -sempre-.

45 commenti »

Tanto per…

…dire qualcosa. Ieri mattina mia mamma è stata aggredita mentre faceva una passegiata, una giovane donna con un bambino nel passegino l’ha afferrata per la gola e sbattuta contro un muro, gli intimava di darle i soldi mentre cercava una inesistente collanina, mia madre gli diceva “lasciami che ti dò qualcosa”, ma lei niente, ad un certo punto è arrivato un ragazzo che cercava di spingere via la donna, mia madre si stava rendendo conto che qualcuno aveva infilato la mano nella sua shopper….Intanto il dottore e un’assistente della farmacia di turno, si erano accorti della cosa e sono usciti correndo verso mia madre, i due si sono dileguati, e si! erano “compari”; non ringrazierò mai abbastanza queste persone che prontamente l’hanno soccorsa. Per fortuna non ha riportato ferite o quant’altro, ma il medico ha insistito per chiamare le forze dell’ordine e un familiare. All’arrivo di mio fratello si sono resi conto che gli era stato sottratto solo un piccolo borsello dove erano conservati buoni sconto e 5 euro. Devo dire che mia mamma è stata coraggiosa, è rimasta lucida e tranquilla, è riuscita a dare una spiegazione fisica delle persone che l’hanno aggredita. Io questa cosa l’ho saputa solo ieri sera, mio fratello sapeva che se lo avessi saputo nell’immediato sarei partita subito per Roma, voleva evitarlo; ma l’ho fatto, ho passato la notte da mia madre, e mentre lei dormiva la guardavo; è diventata minuta e fragile, e, come ho scritto in precedenti post, ho capito che la mia tolleranza nei confronti di alcune persone e fatti è ridotta allo zero, una delle cose più “schifose” è aggredire un anziano praticamente indifeso….Avrei voluto averli tra le mani, lo dico senza vergogna, una bella passatina me la sarei concessa. Non posso più giustificare nessuna forma di violenza, assolutamente no. E non mi si venga a parlare che i tempi sono critici…che la gente ha fame…che la gente ha perso il senso del rispetto…non ascolto più nulla. Se tutti andassimo in giro a picchiare altri o quant’altro….Mi sono alzata alle 6, ho fatto colazione con lei e poi sono tornata a casa, con lei rimaneva mio fratello. Avevo bisogno di placare la mia anima, il mio cuore e i miei nervi e sopratutto voler ancora credere che c’è del buono in questa vita.

Come?  Guardando tanta gioventu’ sana29 sett 2014 guardando il volto di mia figlia e i suoi occhi luminosi capire che solo loro possono essere il riscatto di questa società terribilmente malata;  guardare la natura che malgrado l’autunno che avanza mi ricorda che c’è sempre una vita ad illuminare le mie giornate, i momenti bui DSC06661DSC06652; che quella pianta che tanto amo e ho curato fina da quando non era più alta di 50cm sia diventata enorme e mi incita alla vita: per ogni ramo che taglio lei me ne dono altriDSC06654, e mi ripaga tenendo al caldo le piccole vite del giardinoDSC06650, perchè anche la più piccola vita è un dono sacro. E poi ripensavo alle parole di mia madre mentre mi raccontava “….l’ho detto al poliziotto, per favore fermateli, io sono stata fortunata, altri potrebbero farsi veramente male….”, fortunata…e nel cuore mi si è infilata una spada di dolore e per sfogarla ho preso i cani e sono andata a correre da AmerigoDSC06655Foto2187, con Jo che cresce felice (in un mese ha acquistato circa 5 kg)Foto2175 e mi viene voglia di guardare se c’è ancora la tana del serpente, sbircio e sento un brivido dietro la schien, mi volto è lui è dietro di me, verde, lungo più di 1 metro e mezzo, resto paralizzata, Angel e Jo corrono verso di me e lui velocissimo si volta e fugge, li avrei baciati, invece li incito a correre a casa, dove il piccolo (perchè ancora lo è, 9 mesi), si fa coccolareFoto2193 e si addormenta23 ott 2014 (10)23 ott 2014 (4), sicuro…sicuro, che bella questa parola ormai demodè! E poi giù nel bosco perchè mi chiama R. e mi dice  “…se vuoi puoi arrivare oltre la radura, abbiamo aperto fino al rio…”, riparto e mia figlia dice “..a mà oggi non hai pace…dai andiamo.”, pace, che bella parola, la cerco sempre, la sogno, la offro, ma sempre più difficilmente la trovo. Ora sono serena, la pace l’ho trovata guardando questo meraviglioso tramonto che mi fa pensare che un giorno se ne stà andando e l’altro che verrà sarà migliore, in barba all’intervento chirurgico, anche se banale, che subirò mercoledì. La natura, lei è la mia medicina, l’uomo è il mio tormento

DSC06665

26 commenti »

Sventolo…

…bandiera bianca per chiedere pace a chi leggerà queste mie parole perchè sul finire alcune di queste potrebbero infastidire, scusatemi ma è ciò che penso veramente, e mi ci infilo anche iosmile55

Non leggete pensando che io sia una pessimista, anzi…neanche come se fossi indignata, anche  se lo sono per certi aspetti, ma leggetemi  come “incazzata”,  e scusatemi il termine, dopo aver avuto un alterco con chi siede nelle “poltroncine” di chi gestisce politicamente il paese dove vivo, ma che rispecchia la grande realtà nazionale; quel qualcuno che ho votato visto la grande apertura ai giovani, al cambiamento…e invece siamo alla solita minestra e anche riscaldata e allora ne sono andata a chiedere conto, non l’hanno presa bene, ma non ho ancora finito. Oserei dire che ormai mi vergogno come cittadina italiana di chiunque occupi poltrone, dalla più piccola alla più grande.

Laura Boldrini (presidente della Camera) tempo fa esordì dicendo:”Giovani impegnatevi nella politica, non lasciatela nelle mani di chi la vuole usare per scopi personali.”
La mia domanda è: ma dove sono stì giovani? A chi si riferiva? Mica a quelli che si aggirano tra le file della camera, non vedo gente disposta a questo.
Ci vorrebbe una nuova generazione che non facesse politica come se fosse solo un mestiere, una professione, dovrebbe essere un vero impegno verso la comunità; finchè si penserà di fare solo carrierra per avere una carica politica inevitabilmente la corruzione sarà sempre dietro l’angolo nelle vesti di protagonismo e potere.
Mi piacerebbero dei giovani animati di passione, cuore, spirito di servizio, non animati dal calcolo. Ci vorrebbe la passione, e si sà che questa spesso non fa “guadagnare”  il giusto, a volte anche meno.
L’impegno morale eviterebbe di ripercorrere gli errori fatti fino ad oggi, quegli errori che le nuove generazioni pagheranno duramente più di noi. Perchè questo si prospetta ancora in questo momento.
Tra i tanti errori del passato quello che stiamo scontanto in moralità riguarda proprio i giovani: altissimo tasso di astensionismo, disinteresse verso la politica, poca partecipazione anche nel sociale rinunciando ad investire energie nell’interesse della collettività, sfiducia nelle istituzioni. Anche se nascono  social e blog che si occupano di politica, quelli che si indignano, quelli che rivendicano un sistema meno falso, sono solo il 4% i giovani attivi verso la politica, il resto è rassegnazione o disinteresse. Non credo che sia solo cinismo, indifferenza o quant’altro, credo che sia un malessere profondo e molto pericoloso. Perchè la voce dei giovani non è ascoltata, sono delusi e tanto, non partecipare è un modo anche per difendersi.
Mi piacerebbe mettere la parola fine a tutto questo, ma la storia si ripete di governo in governo, è vero che (come dice un proverbio calabrese) “Se pecora diventi il lupo ti mangia” (e noi italiani un pò pecore siamo), e come disse Emilio De Marchi: “La pazienza dei popoli è la mangiatoia dei tiranni”, è anche vero che “Il serpente che non può cambiare pelle muore” (Friedrich Nietzsche) e ricordiamo le parole di Darwin: “Non è la specie più forte a sopravvivere, nè la più intelligente, ma quella più pronta al cambiamento”.

3 commenti »

Rabbia e delusione

Perchè sono arrabiata oggi?
Per questo: le difficoltà. Le difficoltà in cui viviamo oggi, la fatica del vivere questi giorni duri.
Il mio amico Carmine a “svenduto” la sua abitazione, vicino Napoli, per pagare gli operai che aveva, per non lasciarli in mezzo a una strada visto che ha dovuto chiudere la sua azienda, pur se piccola, sempre azienda che dava lavoro; ora vive di nuovo con suo padre.
La mia amica Michela, insegnante (mi sembra circa 8 ore a settimana), pur di inserirsi, accetta un posto lontano dalla sua casa, dalla sua famiglia, circa 100 km che copre tutti i giorni con la sua automobile perchè non c’è un treno diretto o un pullman, brucia così metà del suo stipendio.
Mi cresce la rabbia se penso alla miseria delle pensioni di invalidità, agli esodati, a chi non riesce a pagare il mutuo e vede sfumare la sua casa dopo anni di sacrifici, a chi non può mettere benzina (visto il costo) e deve deciderre se continuare a lavorare o no (vedi trasportatori, rappresentanti, imprenditori edili…); mi arabio per i disoccupati, i cassintegrati. E l’aumento dell’IVA? E la barzelletta dell’IMU: si paga, no, non si paga; si paga, no, non si paga, anzi si, si paga ma con un altro nome.
Mi cresce la rabbia se penso che ogni giorno una parte dell’Italia se ne va, industrie vendute a stranieri.
Mi cresce la rabbia se penso che i nostri giovani un futuro non lo vedono.

Come non perdere la fiducia nei nostri politici che dal caldo delle poltrono pensano al loro grande profitto e si pavoneggiano con le belle parole alla tele? Come non guardarli con disprezzo mentre fingono di litigare in quelle “belle” trasmissioni che ormai non vedo più causa la nausea che mi danno? E si, perchè io penso che, da circa venti anni a questa parte, quello che apparentemente ci vogliono far credere essere uno scontro, nel segreto è un’alleanza; chiuse le bagarre pubbliche, ogn’uno di loro si ritrova con profitti a favore (mega stipendi, benefit, buonuscite, mega pensioni…), se non è “communella” questa, qual’è? Ma se litigano tanto, come mai son ben saldi ai loro posti? Semplice, ogn’uno si preoccupa del suo orto e ne ricavano frutti da capitalisti, non invadendo l’orto altrui.
Dovremmo essere uno Stato democratico, ma dove è? Lo Stato democratico rispetta le minoranze e i suoi diritti, si rimbocca le maniche, non solo quelle della camicia, non ci fa perdere l’identità, lavora assieme per “servire” il popolo, non usa il denaro pubblico per i propri interessi.

Tutto quello che ho scritto per molti non avrà senso, ci sarà chi penserà che non mi stia inventando niente, ci sarà chi dirà che dopo tutto questo cosa ho fatto io per cambiare le cose (a parte avere un alterco abbastanza forte con l’assessore che si interessa delle scuole pubbliche e “non mandargliela” a dire, ma dirgliela di sana pianta)?
Ben vengano critiche, consigli, correzioni, aggiunte; leggerò tutto se qualcuno mi scriverà e non so se risponderò, ma una cosa la voglio lasciar scritta, come se a leggermi fossero i politici: perchè non volete capire che è ora di fare retromarcia? Siete in errore, altrimenti questa Italia non sarebbe arrivata a tanta bassezza; riconoscete i vostri difetti, le vostre malefatte, cedete e lasciate spazi a un vento nuovo, ai giovani che hanno voglia di fare; siete uomini e donne come noi, ma non vi abbassate a noi, anzi ci sfruttate, abbiate dignità e smettetela, lasciateci vivere; la Costituzione dice che il popolo è sovrano, ma di sovrano vedo solo voi, ma noi non siamo servi, siamo entità ben definite che un giorno avranno voglia di farsi sentire, forte e chiaro. E’ un corso e ricorso dell’umanità.

100lireminerva

20 commenti »