TUTTOLANDIA

"…il posto che mi piace si chiama mondo…"

Aspettando il re

 

 

 

 

 

 

Tom Tykwer

 

 

Alan, uomo d’affari americano, tenta di risollevarsi dalle difficoltà economiche trasferendosi in Arabia Saudita.
Il suo scopo è incontrare il re saudita e vendergli un sistema di teleconferenza via ologramma per la città di Kmet in mezzo al deserto. La città in realtà non è ancora costruita e il re è assente da mesi.
In questa avventura lo affianca l’autista Yousef che gli fa conoscere le usanze locali; incontra la dottoressa Zahra, bella ed esotica, che gli infonderà positività malgrado l’intervento chirurgico a cui lo sottoporrà.

 

 

Nel nostro gruppo di amiche abbiamo N. che da quando c’è la stori a del coronavirus non esce quasi più di casa, è terrorizzata, è una donna con seri problemi caratteriali e questo momento ha bisogno assolutamente di tutte noi, non la lasciamo sola. Ama i film gialli, ma oggi non ci siamo sentite di guardare un film che mette ansia, abbiamo scelto questo.
Un film ironico e gradevole, che fa pensare ma non più di tanto, lo guardi con calma e senza aver voglia di fare troppe considerazioni. Tutta la storia, attori compresi, sembrano scivolare sulla pellicola senza troppa convinzione. Anche se Tom Hanks è sempre una garanzia.
Belle le immagini degli ambienti e delle moschee.

8 commenti »

Maledizioni?

Evalyn Walsh McLean (1886 – 1947), ereditiera americana è statal’ultima proprietaria del diamante Hope.
Il diamante è sempre stato associato alla maledizione, nel caso di Evalyn Walsh McLean sarebbe l’artefice della morte del figlio, morto a 17 anni in un incidente d’auto, il marito muore in ospedae sempre a causa di un incidente automobilistico, la figlia per overdose, un nipote durante la guerra del Vietnam; lei non lo ha mai creduto. Nel 1908 sposa Edward Beale McLean , erede del Washington Post e The Cincinnati Enquirer, hanno quattro figli,. uno dei quali muore a 9 anni investito da un’automobile. La donna morì di polmonite.
Il diamante Hope, chiamato anche Blu di Francia per il suo insolito colore di un blu particolarmente scuro, pesa 5,52 carati (9,1 grammi) è attualmente custodito al Smithsonian Museum di Washington.
Quasi tutti i propriatari che lo hanno posseduto se non hanno avuto guai sono morti per omicidio, suicidio, malattia.
Il diamante era u ‘occhio della statua del dio indiano, Rama-Sitra, si dice che Jean-Baptiste Tavernier, mercante, lo avesse acquistato, ma sembrerebbe che fu proprio lui a toglierlo dalla statua provocando l’ira della divinità, che maledisse la pietra e tutti coloro che l’avessero posseduta.
Tavernier dopo poco fece bancarotta e morì durante il viaggio verso l’India .
Ne vennero in possesso il re di Francia Luigi XIV (che lo fece tagliare a forma di cuore) e poi Luigi XV, che morirono a causa di malattie molto dolorose: il primo per cancrena alla coscia, l’altro per vaiolo.
Fu donato a Maria Antonietta (che lo unì ad altre pietre per formare una collana) che, insieme al marito Luigi XVI, fu decapitata durante la Rivoluzione francese.
Passò ad un gioielliere che morì di infarto non appena la pietra gli fu rubata, forse dal figlio, che si suicidò; un suo amico, che aveva trovato il diamante, morì dopo pochissimo tempo.
A Londra, nel 1830, Lord Francis Hope, VIII duca di Newcastle, pagò una cifra esorbitante per acquistarla la gemma e battezzarla con il suo nome, ma dopo averla ricevuta si separò dalla moglie, Mary Yohé, un’attrice e cantante statunitense di musical, che cadde in miseria ; il duca vendette immediatament il diamante.
L’acquirente, Jacques Colot, impazzì e si suicidò dopo averlo venduto al principe Kanitowskij, che a sua volta morì linciato dai rivoluzionari russi.
Il principe aveva regalato il diamante ad una ballerina che fu uccisa dallo stesso in un raptus di gelosia.
Fu acquistato dal gioielliere greco, Simon Matharides, che si sfracellò in un burrone prima ancora di ricevere materialmente la pietra.
Il successivo proprietario fu il sultano turco Abdul Hamid II, che lo acquistò per 400.000 dollari, un anno dopo averlo acquistato fu deposto e impazzì.
Secondo una leggenda, la prima vittima fu un sacerdote indù che nel 1515 lo rubò dal suo tempio, finendo catturato e torturato, fino alla morte.

27 commenti »

Mago Merlino

merlino_illustrazione_di_julek_hellerMerlino è il mago delle leggende arturiane.
Grazie a un suo incantesimo Uther Pendragon giacque con Igraine e fu concepito Re Artù che fu allevato da Mago Merlino e che condusse fino al trono.
Sua allieva, e rivale, fu Morgana, altro personaggio magico importante della tradizione arturiana.
Si dice che sia figlio di un demone e di una donna mortale; dal padre, alla nascita, ereditò i poteri.
Secondo alcune leggende fu il consigliere di Artù fino a che fu imprigionato dall’allieva di cui era innamorato, Viviana, la Dama del Lago, mentre in altre egli se ne andò lontano per vivere felicemente con lei.
Merlino non era un mago buono, se non nella versione Disney; inizialmente era solo un veggente, diventato poi un mago inquietante, calcolatore, diabolico.
L’averlo raccontato in diverse epoche, ha dato di lui una immensità di sfumature caratteriali e biografiche.
A me piace mago e non dei più buoni.

12 commenti »