TUTTOLANDIA

"…il posto che mi piace si chiama mondo…"

Emozione

Ricevere ina lettera di Jack è sempre un’emozione forte.
Con questa immagino il suo “nero” tra cascate di acqua gelida e natura incontaminata e silenzi maestosi, lui che della sua terra non ricorda quasi più nulla, lui abituato al fragore della metropoli e a contatti umani particolari.
Lui che sta cercando se stesso in una terra così lontan dal suo vissuto.
“…..Dolce amica mia…..ti saresti incantata davanti alla cascata Fagrifoss, la bellissima, che mi è costata una lunga ed estenuante camminata che è valsa la pena fare, ma il camminare è nel mio DNA, questo non lo dimentico e mi fa comodo. In Islanda ci sono molte cascate, intanto inizio da questa. islanda_cascata Fagrifoss è impressionante e incredibile, il suo rumore è solo ciò che voglio ascoltare, anche se è un rumore intenso, potente…Quando l’ho visitata la giornata era brutta e passare in alcuni luoghi che la sfiorano, come passare sulla sua cima, non è stato facile, rischiavo di scivolare continuamente, ma ancora sono atletico come un tempo…gli anni trascorsi non sono lontani, ma sembrano lunghissimi….
…penso di essermi meritato questo posto per il momento delicato della mia vita, tanta bellezza mi rimpie il cuore e scaccia via i pensieri che imperiosi tornano a tormentarmi….
Vatnajokull-National-Park Mi fermo per qualche giorno nel Parco Nazionale di Vatnajökull, c’è tanto da vedere, mille passegiate da fare tra laghi e ghiacciai e cascate. Mi fermo a dormire in una locanda in uno dei paesi della zona.
Amica mia, la natura qui è unica nel suo genere, un patrimonio da proteggere; la varietà di paesaggi tra ghiacci e vulcani è affascinante…..
Ti ho pensato nelle notti di Giugno, ti sapevo al mare, al lago, mentre io vedevo il sole non tramontare…pensavo a te che ami la notte e il suo nero, le stelle, la tua Luna; questi notti le avresti amate altrettanto per il loro straordinario fascino…pochissime ore di buio, appena tre e poi ancora il sole, pallido, senza calore, gli astri scompaiono come la tua immagine, il sonno mi assale spesso, dormo pochissimo; ma non si può descrivere con le parole è da vedere (fatto video e foto).
Ti piacerebbe questa Terra misteriosa che ti affascina con consapevole bellezza.
Tu e Melissa sareste affascinate dagli elfi che qui sono descritti con un aspetto fragile e le orecchie a punta, ma agili e forti. Gli irlandesi ci “credono” fermamente e girando girando ho trovato cartelli che indicano le loro case e le zone dove trovarli, ma pur cercandoli non ne ho visto neanche uno, sempre pronto con il mio obbiettivo a riprenderli. Che dici sono timidi?…………………….
I paesaggi di questa terra mi hanno affascinato, tanto, sono meravigliosi: i cieli puliti e azzurri, le montagne innevate, anche le fattorie, come le molte che sono intorno alla mia abitazione; per tutto questo ti do una notizia che so non ti farà molto piuacere ma so che srai contenta per me, allungherò la mia permanenza di circa cinque mesi, almeno penso…e per questo devo inviare alcuni scatti agli studi fotografici….ma mantengo i miei proggetti personali, non mollo, mi sento bene in questo posto dove i sogni per il mio futuro si sono volatilizzati perchè ho capito che avrei sbaglaito….
…ho nostalgia di voi, delle nostre chiacchierate, dei tuoi pensieri per me e del buon cibo italiano.
Mi hai scritto che credi che io sia troppo solo, ma è ciò che volevo, anche se una certa proprietaria di un cocktail bar…lo so, lo so, farò il bravo “ragazzo”.
Alla prossima, aspetto tue…..”

index

13 commenti »

Filtrare…

DSC06806  DSC06907

2 commenti »

Quando…

…il nuovo giorno ti accoglie così,

20150508_08015720150508_08023920150512_12075020150519_15471220150518_09544420150508_102615

e guardi tua figlia che si appassiona al tuo passato

20150426_11414420150426_114309

e i tuoi pelosi si sentono tranquilli e protetti

DSC06707Foto3147Ga cc 20150420_152339

Come fai a non amare la vita?

 

E poi davanti a tanta idiozia la vuoi vivere per contrastare l’inciviltà.

11245500_701999746588612_8176279278452986914_n Sabato un operatore di Trenitalia della biglietteria di Conegliano si è rifiutato di emettere i biglietti a questi ragazzi, regolarmente in fila, perché “lenti”, oltretutto ha invitato le altre persone in coda a passare; neanche a dirlo i ragazzi hanno perso il treno. Ora premesso che il bigliettaio a mio giudizio andrebbe licenziato seduta stante, ma le persone in fila che razza di gente sono? Avrebbero, oltre che dovuto rifiutare di passare,  potuto “adottarne” un ragazzo per uno e aiutarli…incivili senza anima (e sono educata). E poi buonini buonini fanno la fila all’Expò!!!!

18 commenti »

Io…

“Io sono come la natura, come l’erba del campo, tutto quello di cui ho bisogno è il sole e l’acqua”

George Sand

Prato-fiorito-nel-Monte-Vulture-a20488199

16 commenti »

Il primo, vero….

….giorno di primavera!!!

Ieri sera gia i presupposti c’erano, mentre Semir riposava tranquillo accanto a me, sul divano20150328_181303 io stavo immobile a godere gli ultimi raggi di sole inondare la sala20150328_181332 e precedere uno stupendo tramonto 20150328_182216

Questa mattina l’aria era frizzante, ma il cielo pulito, il sole caldo, anche i miei pelosi ne hanno approfittatoFoto2952 prima gustando il calore dei raggi e poi cercando un pò di fresco 20150328_115104 mentre io gironzolavo sul prato alla scoperta delle tante margheritine che lo stanno invandendo insieme ai bellissimi gigli selvatici 20150328_11475920150328_11481620150328_114822 e trovare tracce di Signora Talpa 20150328_11504320150328_115045. E con il sole fanno capolino le piante che hanno dormito tutto l’inverno 20150328_120630 e i rami si colorano di gemme, quelle della Robinia 20150328_114911 e del meraviglioso Ciliegio20150328_114950

Le querce, guardiane del mio giardino, sentinelle del perimetro della mia casa, ancora fanno dormire le loro, ultime a sfogliarsi fino in inverno inoltrato, stanno lì a godersi i raggi del sole che scaldano la corteccia antica.

 

In un giorno di sole
sedere tranquillamente
in panciolle.
Arriva la primavera
e l’erba cresce da sola.

da Zenrin-Kushu
raccolta di poesie Zen del XV sec.

img124

25 commenti »

Un viaggio…da sogno….

20150305_175438Piove dalla notte scorsa, nuvole basse tutto il giorno, fa freddo…e sopra i duemila nevischia…
Dico che sono un pò stanca di questo clima uggioso e umido.
rey2 Vorrei un bel sole caldo…e allora faccio una girata con la fantasia, chi mi segue? Vi porto…vediamo…a si! vi porto nell’arcipelago di Jardines del Rey.
rey Un arcipelago che si estende lungo la costa Atlantica di Cuba, dove troviamo innumerevoli cayos (isole): Cayo Guillermo, Cayo Coco, Cayo Romano, Cayo Guajaba, Cayo Sabinal, Cayo Santa Mariaù, Cayo Paredón Grande, Cayo Cruz….
Jardines del Rey, tradotto vuol dire Giardini del Re, nome che gli diedero i spagnoli conquistaori, nel 1513, in onore del re Ferdinando II di Aragona, come diedereo il nome a tutte le isole.
Isole che furono rifugio per corsari e pirati, dove è ancorata nell’omonima spiaggia, la Pilar, l’imbarcazione di Hemingway ( che a tutt’oggi non si sa se sia effettivamente l’originale tenuta in piedi da riparazioni, sostituzioni, aggiustamenti o una copia della vera, andata distrutta), che qui ambientò il romanzo Isole nella Correntepilpillar
Jardines-del-Rey Che dire, spiagge bianche, da sogno, dove sdraiarsi per accogliere il caldo sole, dune sabbiose tra le più alte dei Caraibi, imagesffff fondali mozzafiato, Jardines-del-Rey-2 imagesrrrrlagune e barriere coralline in acque cristalline in cui non puoi non nuotare e frutta, tanta frutta…. frutta
Scommetto che troveremo abitanti allegri, simpatici, ospiatali..
E allora vado, in questo luogo che è una magia? Il paradiso terrestre? Solo i Caraibi?
Io dico tutte le cose messe insieme.

pilar

imagesrrrreee

26 commenti »

Buon fine settimana….

….a tutti!!!

p015 ” Alcuni uomini trasformano un puntino giallo in sole, altri il sole in un puntino giallo.”  Pablo Picasso

8 commenti »

Vainamoinen, l’albero e il folletto del mare (leggenda finlandese)

vanQuando ancora nessun uomo abitava la Terra, nell’oceano viveva il mago Vainamoinen.
Le uniche forme di vita sulla Terra erano alcuni alberi che crescevano verso il cielo.
vUno di questi diventò così alto che il sole e la luna si impigliarono nelle sue fronde e sulla Terra non ci furono più il giorno e la notte.
“Senza l’alternanza di luce e buio non ci sarà più vita” pensava il mago, “occorre un rimedio. Ma quale?”.
Un giorno Vainamoinen vide un piccolo ometto emergere dalle onde.
“Chi sei, piccolo?” chiese il mago.
“Sono il folletto del mare, voglio abbattere l’albero che imprigiona sole e luna”.
“A vederti così piccolo non sembri adatto a una simile fatica….” rispose il mago.
Copia di img312Ma il folletto iniziò a crescere, si trasformò in un gigante che con la testa toccava le nuvole in cielo, allora andò dove cresceva il grande albero e lo colpì tre volte con la scure.
Al primo colpo il mago Vainamoinen sentì odore di bruciato; al secondo vide una scintilla sprizzare dalla base del tronco; al terzo una lunga fiamma prese a lambire l’albero che si piego’ a sinistra, poi a destra, e finalmente si schiantò.
Allora il sole riprese la sua corsa e sulla Terra tornò il giorno. La luna ridiede la notte e così la vita potè rinascere.

mago

 

6 commenti »

Finalmente!!!

Un proverbio dice: “Se d’agosto la pioggia viene, molto poco si trattiene”, ma così non è stato, sembrava che il diluvio non ESTATI PASSATEdovesse finire mai.
Non è la mia stagione preferita, ma finalmente, l’estate ce l’ha fatta ad arrivare.
E’ la stagione della leggerezza: la spiaggia, i lettini, le tende di tela leggera che filtrano l’allegra del sole; un pic-nic, il relax sotto un albero frondoso, il senso di libertà….
Ennio Flaiano “innamorato” dell’estate l’ha così descritta:
“Non c’è che una stagione, l’estate. Tanto bella, che le altre le girano intorno.”

10 commenti »

Sole

Finalmente sole…Dopo le grandi pioggie e l’eterna umidità, colore e caldo, la libertà negli abiti, i piedi scalzi e Meli ed Argo che passano finalmente tantissimo tempo insieme all’aria aperta.

IMG_04425 giu 2014 (6)mag 2014 (8)

 

 

(notare panca e staccionata/opera fai da te eseguita da me e mio marito/segue anche sul retro…)

 

“Voglio che il sole mi dia il benvenuto”  Rodolfo Valentino

 

11 commenti »